La Vitamina E come componente della dieta può impedire Parkinson

Un nuovo studio dai ricercatori Canadesi all'Ospedale Reale di Port Victoria in Quebec ha indicato che un'assunzione quotidiana del moderato della vitamina E attraverso gli alimenti sembra impedire l'inizio della Malattia del Parkinson.

La malattia, che è uno stato neurologico devastante e progressivo, è caratterizzata dal tremito, rigidezza, andatura alterata e la difficoltà inghiottenti e è stimata che 1 in ogni 100 persone sopra l'età di 60 abbia la malattia negli STATI UNITI.

Il Dott. Mayhar Etminan, il principale inquirente dello studio, dice che è stato conosciuto per un po di tempo che l'ossidazione può essere un contributore alla morte di un neurone nell'area del cervello responsabile della Malattia del Parkinson.

La Vitamina E appartiene a classe A di sostanze nutrienti conosciute come gli antiossidanti e gli antiossidanti hanno la capacità di sopprimere le molecole appartate e pericolose dell'ossigeno conosciute come i radicali liberi aggiungendo un elettrone ai radicali che ferma la loro attività tessuto-distruggente.

I Suoi risultati, dice Etminan, suggerisce che l'assunzione della vitamina E del moderato di circa 15 milligrammi al giorno abbia offerto una certa protezione mentre la vitamina C ed il beta-carotene non hanno offerto vantaggi d'abbassamento. La Sua ricerca ha combinato i risultati altri di otto studi per raggiungere la nuova conclusione.

Ha trovato la prova che i pazienti con il più alta assunzione della vitamina E erano meno probabili sviluppare Parkinson e che la protezione è comparso si è collegato non ai supplementi, ma agli alimenti che erano ricchi in vitamina E quali i dadi, gli avocado ed i semi di girasole.

Il Dott. Enrico Fazzini, Direttore del Centro di Manhattan dell'Associazione Americana della Malattia del Parkinson, dice che mentre lo studio Canadese è intrigante non fornisce l'ampia prova.

Fazzini preferirebbe vedere i pazienti di tantissimo Parkinson riflessi sopra una decade e le misure obiettive quali tomografia a emissione di positroni e prova radiografica prodotte per stabilire se la malattia fosse stata bloccata o forzato stata nella ritirata.

Il lavoro di Etminan ha compreso gli studi della rappresentazione ma non ha intervistato le persone. Dice tuttavia che spera che ulteriori studi della vitamina continuino e qualcuno intraprenderà l'ipotesi e farà un più forte studio.

Il rapporto della sua analisi è pubblicato in Neurologia della Lancetta.