Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il WHO dice che il mondo deve preparare per pandemia di influenza aviaria

I Rapporti dei cambiamenti preoccupanti al virus H5N1 che circola in Asia sta causando la grande preoccupazione ed ha spinto l'Organizzazione mondiale della sanità (WHO) per invitare i paesi a preparare per una pandemia di influenza.

L'ultimo rapporto suscita inquietudini che i cambiamenti nel reticolo di malattia e molecolare potrebbero indicare che il virus sta diventando più esperto ad infettare la gente. Egualmente sembra che alcuni sforzi del virus H5N1 possano sviluppare la resistenza a oseltamivir, una droga che le nazioni più ricche stanno accumulando disperatamente come timori di un aumento pandemico.

Il Dott. Keiji Fukuda, uno specialista di influenza dai Centri degli Stati Uniti per Controllo di Malattie (CDC), che sta assecondando al WHO è programma globale di influenza, dice che il rapporto significa la preoccupazione aumentante ed il livello di ansia per quanto riguarda il virus è aumentato.

Gli autori di rapporto tuttavia concedono che hanno limitato la prova scientifica su cui determinare se H5N1 sta trasformandosi in in un rischio ancora più grave all'umanità, ma secondo Fukuda sono interessati che quello è che cosa potrebbe accadere.

Questi cambiamenti allarmanti stanno osservandi nella parte settentrionale del Vietnam in cui Fukuda fa parte di una missione per tre persone recente del WHO al paese.

Un epidemiologo di piombo degli Stati Uniti, il Dott. Michael Osterholm, Direttore del Centro per la Ricerca della Malattia Infettiva e del Criterio all'Università di Minnesota, dice il rapporto non contiene prova irrefutabile per suggerire che H5N1 stia trasformandosi in in uno sforzo pandemico, ma la prova combinata dipinge una maschera coercitiva che non può essere trascurata e che H5N1 “è diretto nella direzione che nessuno di noi vorrebbero per vederlo andare„.

Il rapporto di un caso dove il virus era parzialmente resistente a oseltamivir preoccuperà i funzionari di salute pubblica intorno al mondo.

Oseltamivir, venduto sotto il nome di Tamiflu, è una di soltanto due droghe antivirali conosciute per lavorare contro H5N1 ed è la prima scelta per i pianificatori pandemici perché è più facile da usare che l'alternativa, zanamivir.

Il Dott. Frederick Hayden, un esperto antivirale all'Università di Virginia, insistita necessariamente non stava disturbando per trovare la resistenza limitata alla droga perché egualmente è stata documentata in una piccola percentuale delle infezioni sugli sforzi di influenza umani.

Sebbene l'individuazione sollevi lo spettro di uno sforzo resistente del virus che diventa dominante e che si sparge fra la gente, creante una situazione dove il mondo non ha virtualmente armi terapeutiche per combattere l'influenza pandemica nei mesi prima che un vaccino potrebbe essere prodotto.

Hayden egualmente dice che gli sforzi di influenza umani resistenti a oseltamivir generalmente più di meno misura e non trasmettono pure.

Ma il Dott. Earl Brown, un virologo di influenza all'Università di Ottawa, ha detto che il oseltamivir è una droga troppo nuova affinchè chiunque supponesse che il reticolo persisterà attraverso tutti i sottotipi di influenza.

Dice che le indicazioni dai dati del laboratorio indica che il virus è un virus più debole quando si tratta della resistenza alla droga e se quello è il caso, è buono. Ma egualmente dice che dato l'esperienza limitata con la droga, non è possibile essere categorico a questo punto.

Il rapporto egualmente ha descritto i cambiamenti preoccupanti nei reticoli di infezione nel Vietnam del Nord, in cui questa primavera là è stata più cluster dei casi, cluster che sono durato i periodi più lunghi e un maggior intervallo di età fra i casi umani.

Le caratteristiche mutevoli suggeriscono il virus si sia alterato e fra le possibilità è che le mutazioni genetiche hanno permesso che il virus fosse trasmesso più facilmente alla gente in primo luogo, o fra loro dopo un primo caso si presenta.

L'analisi molecolare del virus mostra i cambiamenti genetici vicino a che cosa è conosciuto come “la sede del legame del ricevitore„ - il punto dove il virus d'invasione fissa alle pareti cellulari di un host. Poichè i virus di influenza fatti interamente dei geni di influenza aviaria non tendono a legare bene alle sedi del legame umane del ricevitore i cambiamenti potrebbero essere un segno che il virus del ithe sta evolvendosi per essere una migliore misura. Poichè così piccolo è conosciuto circa influenza, le implicazioni di questi cambiamenti sono imprevedibili.

Il Dott. Spedisce In Franchigia Plummer, Direttore scientifico del Laboratorio Nazionale della Microbiologia del Canada in Winnipeg, che ha inviato un gruppo di tre scienziati ad Hanoi dice che le informazioni sono “abbastanza imprecise„.

Il gruppo, piombo dal Dott. Yan Li, capo del laboratorio di influenza, aiuterà gli scienziati all'Istituto di Igiene Nazionale ed all'Epidemiologia del Vietnam ad analizzare i campioni di sangue dai contatti dei casi H5N1 per determinare se le infezioni inosservate supplementari hanno accaduto.