Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I Ricercatori hanno isolato due biomarcatori per cistite interstiziale (IC)

L'Università di ricercatori di Pittsburgh ha isolato due biomarcatori per cistite interstiziale (IC), una malattia pelvica cronica e dolorosa per cui non corrente c'è prova.

La scoperta di questi biomarcatori ha potuto piombo ad una prova definitiva per IC ed avere il potenziale di piombo alle nuove terapie. I Risultati di due studi stanno presentandi oggi alla riunione annuale dell'Associazione Urologica Americana (AUA) a San Antonio e sono pubblicati negli estratti 69 e 80 degli atti di UCA.

“IC è una malattia di frustrazione per i pazienti perché, a questo punto, non c'è modo accurato di diagnostica della circostanza. I Pazienti subiscono varie prove per eliminare altre malattie, tutte mentre avvertono il dolore ed il disagio significativi. Solo dopo che queste prove ritornano quantità negativa, può un medico fare la diagnosi di IC,„ ha detto il Cancelliere di Michael, M.D., il professor, dipartimento dell'urologia, Università di Scuola di Medicina di Pittsburgh.

“Trovare un indicatore per IC può non solo rendere sviluppando un primo esame per IC possibile, ma può piombo alle nuove terapie molecolari mirate a per la circostanza,„ ha detto Fernando de Miguel, il Ph.D., assistente universitario dell'urologia alla Scuola di Medicina di Pitt.

Nel primo studio, nominato “l'Identificazione delle Proteine Nucleari nel Modello Cronico del Ratto di Cystitic„ (estratto 69), i ricercatori hanno usato un approccio proteomic per identificare gli indicatori specifici relativi ad IC. Confrontando l'espressione della proteina nel tessuto della vescica di due modelli animali di IC all'espressione nel tessuto di un animale normale, i ricercatori hanno trovato tre proteine nucleari che erano uniche agli animali con IC. Facendo Uso di impronta digitale della massa della proteina, le proteine sono state identificate come il transgelin (SM-22), la proteina del soppressore di ras (RSU-1) e GAPDH.

Nel secondo studio, nominato “studio Del tempo Punti sul Regolamento di Proteina Nucleare SM-22 (Transgelin) nel Modello di Cistite del Ratto„ (estratto 80), i ricercatori hanno ampliato la loro ricerca sull'espressione di SM-22 in sia vesciche del IC-modello che normali. Le vesciche sono state infuse con acido cloridrico; il tessuto è stato analizzato agli un, quattro, sette, 13 e 28 giorni dopo instillazione. Dopo il giorno uno ed il giorno quattro, c'era un giù-regolamento notevole di SM-22 nelle vesciche del IC-modello; di giorno 28, c'era una riduzione da 31 per cento dello SM-22 dei modelli malati.

Il giù-regolamento iniziale di SM-22, evidente fin dal giorno uno, indica che l'assenza di SM-22 può potenzialmente essere usata come indicatore diagnostico in anticipo per IC. L'Università di ricercatori di Pittsburgh pianificazione condurre più ricerca su SM-22 per determinare il ruolo funzionale della proteina, in grado di piombo il modo alle terapie molecolare-mirate a futuro.

Secondo l'Istituto Nazionale del Diabete e Digestivo e delle Malattie Renali, 700.000 Americani hanno IC; 90 per cento sono donne. IC è uno dei disordini pelvici cronici di dolore, definito da disagio o da dolore di ricorso nella vescica e nella regione pelvica circostante. I Sintomi variano e possono comprendere tutta la combinazione di delicato a dolore severo, a pressione ed alla tenerezza nella vescica e nell'area pelvica; e una necessità urgente e/o frequente di urinare. In IC, la parete della vescica può essere sfregiata o irritata e lo spurgo del puntiforme può comparire sulla parete della vescica.

Egualmente stavano contribuendo a questa ricerca Thu-Suong Van Le, Uukio Hayashi, Shachi Tyagi e Naoki Yoshimura, tutto dall'Università di Pittsburgh.

http://www.upmc.edu/