Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I Prodotti Chimici in Cannabis possono aiutare mentalmente - il ill

La cannabis di Fumo che precedentemente è stata indicata alla salute mentale di danno, ora secondo un nuovo studio può essere utile nellLa cannabis di Fumo che precedentemente è stata indicata alla salute mentale di danno, ora secondo un nuovo studio può essere utile nell'alleviamento dei sintomi delle malattie mentali severe quale disordine bipolare.

La droga nel passato è stata collegata ad un rischio aumentato di sviluppare tali circostanze, ma un gruppo dall'Università di Newcastle sopra Tyne, Newcastle sopra Tyne dice che i prodotti chimici trovati in cannabis potrebbero essere usati per alleviare i sintomi di quelli molto le stesse malattie.

I ricercatori di Newcastle hanno avuti rapporti aneddotici dalla gente con le malattie mentali che hanno suggerito che la cannabis potrebbe alleviare i sintomi e gli scienziati stanno provando a trovare i modi di sfruttamento degli aspetti utili della droga senza esporre la gente a quelle nocive.

Il gruppo ha esaminato la ricerca effettuata nei beni delle cannabis ed hanno trovato la prova che due prodotti chimici in cannabis potrebbero aiutare la gente con la malattia mentale; THC (tetrahydrocannabinol) e CBD (cannabidiol).

Le guide di THC danno “il livello„ connesso con uso della cannabis, mentre CBD è stato trovato per avere beni calmanti.

Il gruppo dice che combinato insieme potrebbero aiutare la gente con disordine bipolare ad evitare i livelli maniaci ed i minimi depressi del loro stato.

Ma hanno avvertito che fumando la droga era stato indicato per danneggiare a lungo termine la salute mentale e per aumentare il rischio di malattia mentale in coloro che era già geneticamente suscettibile.

Ritengono che le prove dovrebbero ora essere effettuate per vedere se la combinazione di prodotti chimici aiuta la gente.

Stanno sperando di usare uno spruzzo della bocca creato dai Prodotti Farmaceutici di GW che contengono THC e CBD, che è stato conceduto una licenza a per uso per sollievo di dolore nel Canada, non appena è conceduto una licenza a nel REGNO UNITO.

La società già è coinvolgere nella ricerca che esamina se i cannabinoidi possono rivivere i sintomi di dolore per la gente con le malattie quale la sclerosi a placche.

L'Erica Ashton, il professor della psicofarmacologia clinica, che piombo lo studio, dice utilizzando questa miscela nella giusta dose e le proporzioni di destra, può essere possibile per aiutare la gente con disordine bipolare, qualsiasi modo stanno voltando e potrebbe essere utile ai pazienti provare una miscela conosciuta di determinati cannabinoidi, come droga supplementare piuttosto che come singola droga.

Aggiunge quella gente che cattura la cannabis per sollievo di questi sintomi non ha bisogno delle dosi pesanti che gli utenti ricreativi catturino.

Il Professor Ashton avverte che è acconsentito che la cannabis di fumo, particolarmente quando il giovane, in grande quantità, è associato con la malattia mentale ed è abbastanza differente dal usando medicinale.

Jane Harris, ufficiale di campagne alla carità di salute mentale Ripensa dice che sebbene i cannabinoidi siano una nuova area emozionante per ricerca medica, ma è importante da riconoscere che c'è oltre 60 principi attivi in cannabis ed i due citati nello studio possono aiutare soltanto nel trattamento di disordine bipolare quando dosi controllate contenute.

I sostenitori di Salute mentale richiesti affinchè ulteriore lavoro confermino questo e la maggior parte della gente con la malattia mentale severa, cannabis cruda rimane una sostanza rischiosa

a Gennaio questo anno, il governo ha annunciato un esame di tutti gli studi universitari e clinici che collegano l'uso della cannabis ai problemi sanitari di salute mentale.

Lo studio è pubblicato nel Giornale della Psicofarmacologia.