Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il veleno delle lumache marine del cono può fornire un trattamento migliore per dolore neuropatico connesso con il diabete

Una tossina della lumaca del cono scoperta dai ricercatori di Melbourne è risultato avere grande potenziale per l'alleviamento del dolore ed ha potuto fornire un trattamento migliore per dolore neuropatico connesso con il diabete.

I prodotti farmaceutici metabolici della società basata di Melbourne limitati recentemente hanno annunciato i riusciti risultati nelle prove precliniche della tossina. La società comincerà i test clinici in esseri umani questo mese in primo luogo per verificare la sicurezza della tossina in maschi normali e più successivamente la sua efficacia nel trattamento del dolore neuropatico connesso con il diabete.

Dall'università di dipartimento di Melbourne di biochimica e di biologia molecolare e dell'istituto recentemente lanciato Bio21, il professore associato Bruce Livett dice che la tossina - ACV1 chiamato - egualmente ha potenziale per il trattamento dell'intervallo di altre circostanze dolorose, quali la sclerosi a placche, le assicelle e la sciatica.

“ACV1 è stato indicato per essere efficace nel trattamento del dolore in parecchi modelli dell'animale da laboratorio delle sindromi umane di dolore, compreso dolore post-chirurgico e neuropatico,„ il professore associato Livett dice.

“Inoltre, ha i beni unici che sembra accelerare la tariffa del ripristino da una lesione del nervo.„

“Siamo quel molto emozionante test clinici per verificare l'efficacia di ACV1 in esseri umani con i neuropathies diabetici presto saremo in corso e prevediamo che il potenziale di ACV1 nel trattamento dell'intervallo di altre circostanze dolorose egualmente sia realizzato a tempo.„

ACV1 ha indicato il potenziale per il trattamento del dolore neuropatico, cioè, dolore generato dentro l'organismo (che sorge nel sistema nervoso) rispetto all'altro tipo di dolore - dolore nociceptive - quale viene dall'esterno dentro, per esempio, un'ustione.

Il professore associato Livett dice che il dolore neuropatico è il modulo più difficile da trattare e tipicamente risponde male agli antidolorifici convenzionali quali morfina o l'aspirina. Altri trattamenti egualmente sono stati trovati per essere in gran parte inefficaci.

Il grande potenziale di ACV1 è quello che elimina il dolore neuropatico è dove funziona il più bene.

Il professore associato Livett ed i suoi colleghi in primo luogo hanno scoperto ACV1 nel 2003 mentre studiare le tossine ha prodotto nel veleno dei victoriae del cono, una lumaca marina del cono trovata in acque tropicali fuori dalla costa dell'Australia.

Tutte le lumache del cono producono il veleno che usano per paralizzare la preda prima dell'uccisione e del cibo loro. Il veleno di alcune lumache del cono è tossico agli esseri umani - altrettanti poichè 30 persone sono conosciute per morire dal envenomation della lumaca del cono.

Le lumache del cono che sono pericolose agli esseri umani si alimentano il pesce infilzandoli con una sbavatura progettata arpone (un dente modificato ha chiamato un radula) caricata con veleno tossico.

Il professore associato Livett dice che ci sono fino a 200 componenti in ogni veleno e c'è oltre 500 specie di lumaca del cono, ciascuna con un cocktail differente dei peptidi del veleno. Fortunatamente, la maggior parte delle lumache del cono cercano i vermi di mare o altri molluschi e non sono nocive agli esseri umani.

Può sembrare insolito che i veleni tossici possano anche essere una sorgente di dolore che allevia il farmaco per gli esseri umani.

Il professore associato che Livett spiega, “sembra che le lumache del cono abbiano adottato la strategia generale di inclusione della componente didiminuzione fra le componenti più letali del suo veleno.„

“Cioè in primo luogo pacifica la sua vittima prima del vincolo e finalmente dell'uccisione. I testimoni al envenomation della lumaca del cono riferiscono che la morte da avvelenamento della lumaca del cono è apparentemente indolore.„

È questa componente didiminuzione speciale che i ricercatori sono stati interessati dentro.

Il gruppo di Melbourne, che include i professori associati Bruce Livett e KEN Gayler ed il Dott. John Down dal dipartimento della biochimica e della biologia molecolare, il professore associato Zeinab Khalil dall'istituto di ricerca nazionale dell'invecchiamento dell'università ed il sig. David Sandall dei ricercatori, il sig. David Keays e sig.ra Narmatha Satkunanathan, era il primo per isolare e caratterizzare ACV1.

Era una vera impresa di collaborazione che comincia con i geni scoperti dal professore associato Gayler, il sig. Sandall ed il sig. Keays, sfruttando la competenza farmacologica e chimica del professore associato Livett ed il Dott. Down, sposando con la competenza di dolore e fisiologica di valutazione del professore associato Khalil.

ACV1 non è il solo composto terapeutico che il veleno della lumaca del cono debba offrire. Infatti, il veleno è un cocktail di migliaia di composti biologicamente attivi di cui soltanto alcuni cento sono stati identificati.

Il professore associato Gayler dice il gruppo, usando i geni come il punto di partenza, può minimizzare il numero delle lumache del cono tenute a sviluppare i nuovi strumenti e le terapie per ricerca medica e quindi a minimizzare l'impatto ambientale della ricerca. “Con una singola lumaca che del cono possiamo creare e memorizzare le grandi librerie dei geni del conotoxin.„

Stava usando questa tecnica genetica di estrazione mineraria che ACV1 è stato scoperto - la sua sequenza del peptide è stata preveduta solamente dalla sequenza del DNA. Il peptide poi chimicamente è stato sintetizzato in grande quantità adatta a test biologico. Questo stesso approccio ora sta usando dai prodotti farmaceutici metabolici per sintetizzare gli importi di grammo di ACV1 stato necessario per i test clinici umani previsti per la neuropatia diabetica.

“Con un'età aumentante demografica nella nostra società l'esigenza di dolore più efficace che sopprime i composti è una priorità. ACV1 può soddisfare questo bisogno insoddisfatto,„ il professore associato Livett dice.