Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Sostanza dell'isolato dei ricercatori più responsabile del danno di tessuto che segue la lesione iniziale del midollo spinale

I ricercatori di Purdue University possono isolare la sostanza più responsabile del danno di tessuto che segue la lesione iniziale del midollo spinale, una scoperta che potrebbe anche migliorare i trattamenti per una miriade di altre circostanze neurodegenerative.

Un gruppo di ricerca piombo da Riyi Shi ha trovato che un prodotto chimico ha chiamato l'acroleina, un agente cancerogeno conosciuto, è presente agli alti livelli in tessuto spinale per parecchi giorni dopo una lesione traumatica. Sebbene l'acroleina sia prodotta dall'ente e sia non tossica ai livelli bassi normalmente d'avvenimento, diventa pericoloso quando i sui aumenti di concentrazione, come fa spesso in tessuto che avverte gli sforzi quale l'esposizione a fumo o agli antiparassitari. Che la lista degli sforzi ora comprende il danno fisico e nel caso della lesione spinale, il rischio dell'acroleina può essere il digitare che causa la paralisi debilitante che fissa dentro dopo il trauma iniziale.

“Quando un midollo spinale si rompe, non solo sono le celle traumatizzate al rischio aumentato di danno dai radicali liberi che ossidano il tessuto, ma le celle egualmente rovesciano i prodotti chimici che realmente aiutano i radicali liberi agli attacchi ripetuti lancio,„ hanno detto Shi, che è un professore associato della neuroscienza e dell'assistenza tecnica biomedica a banco di Purdue di medicina veterinaria e scuola di Weldon di assistenza tecnica biomedica. “La nostra ultima ricerca indica che l'acroleina può essere il colpevole primario che permette a questo circolo vizioso. Poiché l'acroleina già è stata implicata nel cancro e nelle malattie neurologiche, le droghe che lo disintossicano potrebbero diventare importanti per il trattamento non solo il danno del midollo spinale ma della miriade di altre circostanze pure.„

La ricerca, che Shi effettuato con il suo studente Jian Luo e Koji Uchida dell'università di Nagoya del Giappone, sembra nell'emissione ora disponibile del marzo 2005 della ricerca del Neurochemical del giornale scientifico.

Le molecole del radicale libero sono nemici ben noti di salubrità corporea e per anni, i medici hanno raccomandato i ricchi di una dieta in antiossidanti - quali le vitamine C ed E - che possono fissarsi ai radicali liberi, disintossicante li. Mentre c'è niente di inerentemente sbagliato con questo approccio, Shi ha detto, non potrebbe ottenere alla root di alcuni problemi sanitari.

“Gli antiossidanti sono buoni organismi saprofagi dei radicali liberi ed è certamente saggio avere abbondanza loro che circolano in vostra circolazione sanguigna,„ ha detto. “La difficoltà è che quando i radicali liberi cominciano attaccare il tessuto, accade in una frazione minuscola un secondo, dopo di che sono andati. Ma l'acroleina a che versione di questi attacchi sopravvive molto più lungamente nei nostri organismi, per parecchi giorni almeno e nella sua tossicità è ben documentata.„

Per esempio, l'acroleina lungamente è stata conosciuta per causare il cancro quando la sua concentrazione nell'organismo aumenta e non molto è necessaria essere pericolosa. Quando una persona inala il fumo di tabacco o dello smog, per esempio, i liquidi che allineano la manifestazione delle vie respiratorie una concentrazione nell'acroleina circa di un millimole - non molto dagli standard della misurare-tazza, ma ancora oltre 1.000 volte più usuale.

“Se catturaste un singolo granulo di sale da un agitatore e lo dissolveste in una brocca di litro, l'acqua non avrebbe un sapore molto salata,„ Shi ha detto. “Ma anche quello sarebbe più di un millimole e quella è molto più acroleina che l'organismo può trattare immediatamente.„

Poiché un'alta concentrazione di acroleina egualmente è stata collegata ai termini neurodegenerative quali Parkinson, Huntington ed i morbi di Alzheimer - che progrediscono lentamente e resistono al trattamento - il gruppo di Shi decisivo per vedere se il prodotto chimico fosse presente in un altro lento-sviluppo, stato apparentemente intrattabile: la degenerazione del midollo spinale dopo la lesione traumatica iniziale.

“A differenza della maggior parte delle altre parti del corpo, il tessuto del midollo spinale non guarisce dopo la lesione,„ Shi ha detto. “Dopo che la scossa iniziale, realmente peggiora. La scienza lungamente è stata informata che alcuni prodotti chimici la versione danneggiata delle cellule fa parte del problema, ma nessuno è stato mai sicuro che i prodotti chimici fossero responsabili.„

Quando una spina dorsale è danneggiata, il cambiamento nella sua capacità di funzionare segue un reticolo ben definito. In risposta alla scossa iniziale, la spina dorsale immediatamente diventa completamente non funzionale ma d'altra parte comincia recuperare rapidamente. Nel corso di prossimi giorni, in risposta al danno secondario, la funzione della spina dorsale comincia ancora a cadere ed in circa i tre giorni ha stabilizzato ad un punto di non funzionalità vicina.

“Che cosa il nostro gruppo ha fatto era la misura i livelli di acroleina nelle spine dorsali danneggiate di 25 cavie per parecchi giorni che seguono una lesione,„ Shi ha detto. “Abbiamo trovato che i livelli di acroleina alzano in seguito 24 ore verticalmente e rimangono alti per almeno una settimana. Poiché l'acroleina ha così durata della vita lunga ed è così tossica, teorizziamo che è responsabile in primo luogo per il danno secondario che tiene le spine dorsali danneggiate dalla guarigione.„

La partecipazione dell'acroleina con altre circostanze suggerisce che potrebbe essere il tasto a combattere una serie di malattie, Shi ha detto.

“Quando il cervello soffre un colpo, per esempio, è privato di ossigeno, che è spesso probabilmente la causa di lesione cerebrale. Ma, infatti, potete morire di fame il tessuto nervoso di ossigeno per fino ad un'ora senza danno se soltanto gestite i livelli dell'acroleina,„ Shi avete detto. “Questo documento suggerisce che l'organismo sia generalmente abbastanza resiliente ma che l'acroleina può essere qualcosa non può trattare.„

Shi ha detto che alcune droghe già in sviluppo per altre circostanze potrebbero essere usate per trattare le malattie neurodegenerative pure.

“Le droghe di ipertensione, che legano ad acroleina e la disintossicano, sono già allo studio affinchè il loro potenziale aggiunto promuovano la salubrità del fegato,„ Shi ha detto. “Vorremmo vedere se anche potrebbero essere modificate per trattare le circostanze che siamo interessati dentro.„

Ulteriore ricerca sarà necessaria da determinare come le grande un'acroleina di ruolo realmente giocano nel corso di danno secondario del midollo spinale, ma Shi ha detto quello una volta che questo ruolo è chiarito, droghe che gli effetti della contro acroleina potrebbero unire gli altri approcci a trattare la lesione del midollo spinale in sviluppo al centro di Purdue per la ricerca di paralisi.

“Il mio collega Richard Borgens ed io già ha avuto nostre mani in PARITÀ di sviluppo, una sostanza che i cappotti hanno danneggiato le celle spinali in moda da potere guarire le loro membrane ed innesti anche d'oscillazione dello stimolatore del campo che incoraggiano il tessuto a rigenerare,„ Shi ha detto. “Siamo promettenti che l'acroleina di disintossicazione permetterà che medici fermino il ciclo di attacco chimico pure, aggiungendo al numero dei metodi di trattamento disponibili.„

Il centro è stato istituito nel 1987 sia per mettere a punto che sperimentare i metodi di trattamento di promessa a lesioni del midollo spinale. Il centro utilizza la sua affiliazione vicina con il dipartimento delle scienze cliniche veterinarie nell'istituto universitario di medicina veterinaria per entrare i metodi di base del laboratorio nella prova veterinaria clinicamente significativa.