Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuova bugna alle cause delle malattie neurodegenerative

Scienziati costituiti un fondo per dal Consiglio di ricerca medica (MRC), la fiducia di Wellcome, BBSRC - il consiglio della ricerca di scienze biologiche e di biotecnologia e l'UE hanno fatto una scoperta importante circa le malattie di cervello degeneranti di fondo dei meccanismi.

I risultati, pubblicati in edizione di questa settimana della genetica della natura del giornale di scienza, possono avere implicazioni per le strategie terapeutiche per certi moduli della malattia del motoneurone, della malattia di Huntington e di Alzheimer.

Le malattie neurodegenerative di manifestazione tardiva sono un carico importante di salubrità sulla popolazione, eppure piccolo è conosciuto circa le modifiche chimiche che avviano la degenerazione delle cellule nervose. Tuttavia, molte di queste malattie sono caratterizzate da capitalizzazione, dentro le cellule nervose, dei mucchi di proteine tossiche. La nuova ricerca - effettuata all'istituto di Cambridge per ricerca medica, l'unità mammifera della genetica di MRC a Harwell ed il dipartimento della genetica, università di Cambridge - si è concentrata sui motori molecolari minuscoli chiamati dyneins, che sono conosciuti per essere importanti per le cellule nervose mobili dell'interno delle proteine intorno. I ricercatori hanno trovato che i dyneins svolgono un ruolo cruciale nella consegna delle proteine tossiche alle unità di smaltimento dei rifiuti delle celle. Quando i dyneins sono difettosi o assenti, questo sistema di smaltimento dei rifiuti è bloccato, i mucchi di proteine compaiono e la funzione delle cellule è compromessa.

Lo studio ha trovato che l'errore del sistema del dynein causa la degenerazione sotto forma della malattia del motoneurone e che egualmente è compresa in altri termini quale la malattia di Huntington. Egualmente ha fornito ulteriore prova per l'idea, pionieristica a dallo stesso gruppo di scienziati, che un fattore chiave nella severità di queste malattie è la tariffa a cui questi mucchi tossici di proteina possono essere eliminati. Il miglioramento della degradazione di questi mucchi della proteina ha il potenziale di ritardare l'inizio di, o persino di invertire, questo gruppo di malattie. Ciò ha potuto essere sfruttata nei nuovi approcci alla prevenzione o alla terapia.

Lo scienziato del cavo, David Rubinsztein dell'istituto di Cambridge per ricerca medica, ha detto:

“Questi risultati ci forniscono comprensione reale nella base molecolare di determinate malattie del motoneurone e dei meccanismi per cui le proteine tossiche si accumulano e sono ripartite. Egualmente contribuiscono notevolmente alla nostra comprensione delle strategie terapeutiche possibili per queste malattie.„