Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Medici Britannici mettono in discussione le linee guida a pressione sanguigna ed ai livelli del colesterolo

Un nuovo studio suggerisce che le soglie per pressione sanguigna ed i livelli di colesterolo “normali„ siano state impostate in modo dalla gente in buona salute bassa potrebbe essere messa sul farmaco inutile.

Le linee guida sulla prevenzione della malattia cardiovascolare corrente in uso, sono state elaborate nel 2003 dalla Società Europea della Cardiologia.

L'Ipertensione può essere un sintomo.

Ora due medici Britannici, i GPs Steinar Westin e Brughiera di Iona, dicono nell'ambito di queste linee guida altrettante poichè 90% della gente oltre 50 potrebbe essere contrassegnato al rischio e finiscono sulle droghe.

I GPs sono interessati che molta gente potrebbe finire catturando le droghe quale sarebbe di poco vantaggio a loro.

Le linee guida attuali hanno impostato le seguenti soglie: La Pressione sanguigna non dovrebbe essere superiore ad un Hg di 140/90 di millimetro ed al colesterolo nel siero non non più di 5 Mmol/l.

Nella difesa, la Società Europea della Cardiologia dice che le preoccupazioni sono state basate “su un malinteso fondamentale„ dello scopo dell'orientamento, ad esempio è stato inteso per contribuire ad identificare la gente che potrebbe trarre giovamento dalla modificazione del loro stile di vita per diminuire il rischio e per non contrassegnare la gente come malato.

Egualmente hanno messo in discussione i meriti dello studio della Norvegia e che hanno detto che altri studi non hanno stimato che un tal numero alto della gente fosse definito come essendo al rischio.

L'orientamento tuttavia non raccomanda la terapia intensiva per la gente di cui pressione sanguigna ed i livelli di colesterolo erano superiori ai livelli di soglia.

Tuttavia quando le linee guida si sono applicate agli adulti in Norvegia, 76% della popolazione sono stati definiti come essere al rischio, compreso la metà di tutto il 24enni ed a questo è malgrado la speranza di vita media in Norvegia che è di 78,9 anni.

Secondo i ricercatori le proporzioni sono probabili essere ancora più alte se le stesse soglie si applicano nel REGNO UNITO in cui la speranza di vita media è di 78,1 anni.

I ricercatori sono interessati che non solo fanno gli effetti secondari fisici di causa delle droghe potenzialmente, là possono anche essere effetti psicologici dal contrassegno come vulnerabili alla malattia di cuore.

Dicono che c'è lontano troppo poco comprensione dell'impatto psicologico e le più ampie conseguenze di salubrità di contrassegno al rischio.

Altri medici egualmente hanno suscitato inquietudine circa troppa gente che è contrassegnata come essendo al rischio.

Nel 1999, più di 800 medici, farmacisti e scienziati da 42 paesi hanno firmato una lettera aperta che esprime la preoccupazione che le linee guida di ipertensione dell'Organizzazione mondiale della sanità avrebbero provocato dispendiosamente l'uso aumentato delle droghe e per poco vantaggio.

Hanno detto che le misure semplici di stile di vita sono la base della gestione, con le droghe tenute nella riserva per soltanto la gente di elevato rischio.

Il portavoce Medico per le Fondamenta Britanniche del Cuore, Cathy Ross, dice che i limiti suggeriti dovrebbero fungere da linee guida nella valutazione del rischio e dovrebbero essere usati congiuntamente a consiglio di stile di vita.

Dice che per i pazienti è migliore essere informato del loro rischio ed agire abbassarlo, che tenere la soglia alta semplicemente per evitare un contrassegno sfavorevole.

Lo studio è pubblicato in British Medical Journal.