Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Scoperta australiana delle cellule staminali adulte nell'utero

L'istituto di Monash della scoperta del Dott. Caroline Gargett senior dello scienziato di ricerca medica (MIMR) delle cellule staminali adulte nell'utero che può svilupparsi nell'osso, nel muscolo, nel grasso e nella cartilagine, è stato salutato come sviluppo medico e scientifico importante dagli esperti internazionali nella riproduzione.

Eliminando un premio importante alla società europea recente per la conferenza umana di embriologia e della riproduzione (ESHRE) a Copenhaghen, una delle riunioni più prestigiose in materia, Dott. Gargett spiegato come due tipi di cellule staminali adulte sono stati estratti dal tessuto dell'endometrio nell'utero.

“Mentre le cellule formative adulte sono state trovate in altre parti del corpo, nessuna le ha identificate mai nell'utero prima,„ ha detto il Dott. Gargett, uno scienziato senior nel centro per la ricerca della salubrità delle donne a MIMR.

“Non solo questo aiuto con la comprensione come parecchie malattie dell'utero si sviluppano, ma potuto anche avanzare gli studi generali nelle cellule staminali adulte.„

“La scoperta delle cellule staminali mesenchymal è particolarmente per quanto provenga significativa da questo tipo di cellula staminale che disossano, muscle, il grasso e la cartilagine sono formati,„ ha detto. “Possiamo ora coltivare questi tessuti in laboratorio e stiamo studiando i viali per applicare la tecnologia.„

Il fuoco iniziale di questo gruppo a MIMR è sul usando queste cellule staminali per aiutare la riparazione di prolasso pelvico del pavimento.

“Se potessimo offrire a donne un legamento bioengineered che è fatto dalle loro proprie cellule staminali, la qualità di vita a lungo termine per le migliaia di donne che hanno sofferto da questo problema potrebbe notevolmente essere migliorata,„ ha detto.

Il Dott. Anne Rosamilia di Urogynaecologist del centro medico di Monash acconsente che un tal sviluppo potrebbe essere significativo.

“Circa uno in dieci donne richiede il trattamento per prolasso uterino, solitamente nel loro 50s e più vecchio, sebbene possa accadere alle più giovani donne. Il pavimento pelvico è indebolito durante la gravidanza ed il parto e mentre una donna invecchia la resistenza di questi muscoli può deteriorarsi più ulteriormente,„ il Dott. Rosamilia ha spiegato.

“Attualmente usiamo la chirurgia per riparare l'utero abbassato, che è un modulo dell'ernia, “lei abbiamo detto. Tuttavia, in quasi 30% delle donne il prolasso può riprodurre. Per diminuire questa probabilità di una ricorrenza un materiale di rinforzo, una maglia sintetica è spesso applicato. Mentre questa tecnica può riuscire, le complicazioni egualmente sorgono frequentemente dovuto erosione o il rifiuto dei corpi estranei. Un tessuto naturale costante certamente sarebbe vantaggioso.„

Lo sviluppo di questo nuovo trattamento per i problemi pelvici del pavimento è nelle sue fasi iniziali, comunque il significato di questa scoperta australiana ampiamente sta riconoscendosi intorno al mondo.

L'istituto di Monash di ricerca medica è un'iniziativa della Monash University e della salubrità del sud.