Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le attività di prevenzione di influenza aviaria dovrebbero comprendere le migliori pratiche di gestione in aziende agricole

Gli esperti in salubrità della fauna selvatica alla dalla società basata a zoo di conservazione della fauna selvatica di Bronx (WCS) avvertono che sforzi per gestire la diffusione di influenza aviaria attraverso l'Asia e di là devono mettere a fuoco sulle migliori pratiche di gestione sulle aziende agricole e nei servizi.

WCS corrente sta funzionando con le agenzie mongole sulla terra nella provincia del Kovsgol della Mongolia, raccogliente i campioni dagli uccelli selvaggi che recentemente hanno contratto il virus.

“Stiamo lavorando con il nostro mongolo e partner internazionali per confermare e tenere la carreggiata i movimenti di influenza aviaria nella regione,„ ha detto corrente il Dott. Billy Karesh, testa del gruppo di WCS in Mongolia. “La migliore speranza per con successo contenere la diffusione di influenza aviaria sta mettendo a fuoco le nostre risorse limitate sui hub in cui gli esseri umani, il bestiame e la fauna selvatica entrati in vicino contattano.„

Secondo WCS, le attività di prevenzione di influenza aviaria dovrebbero comprendere le migliori pratiche di gestione in aziende agricole, particolarmente piccole aziende agricole all'aperto in cui al pollame e gli uccelli acquatici nazionali sono permessi mescolare con gli uccelli selvaggi. Servizi della fauna selvatica--dove le specie selvagge e domestiche sono tenute nella grande prossimità--sono egualmente i hub della trasmissione per influenza aviaria ed altri agenti patogeni che devono essere regolamentati meglio. Gli esperti in salubrità e nella fauna selvatica egualmente mantengono che selezionare indiscriminante delle popolazioni selvagge dell'uccello migratore sarebbe inefficace nell'impedire la diffusione della malattia.

Lo scoppio di influenza aviaria in Mongolia ha coinciso con le conferme dei casi in Russia ed il Kazakistan. I rapporti iniziali di influenza aviaria sono venuto dal Ministero mongolo di alimento e dell'agricoltura, che ha condotto la prova preliminare degli uccelli che sono morto nel lago Erkhel nella provincia di Kovsgol vicino al confine russo.

Un gruppo unito della WCS-Mongolia che stava lavorando immediatamente in Mongolia occidentale è andato al sito raccogliere più campioni che saranno inviati al ministero dell'agricoltura degli Stati Uniti affinchè ulteriore prova determinassero lo sforzo. Queste prove determineranno se il virus è lo sforzo H5N1 che ha ucciso sopra 50 persone in Sud-est asiatico e più di 5000 uccelli selvaggi in Cina occidentale.

Il gruppo, in uno sforzo pluridisciplinare senza precedenti e internazionale, comprende i membri di WCS, l'Accademia nazionale delle scienze mongola, l'istituto mongolo di medicina veterinaria, il laboratorio veterinario centrale dello stato, il Ministero di alimento e dell'istituto di veterinaria dell'agricoltura ed il ministero della sanità il centro mongolo delle malattie infettive con i fuochi naturali.

“Le agenzie governative mongole che lavorano a questa devono essere lodate per la conservazione della comunità internazionale informata su questa emissione di salubrità importante,„ ha detto il Dott. Robert Cook, veterinario del capo di WCS. “Questo è il tipo “di un mondo di collaborazione, una salubrità„ sforzo che è vitale nella conservazione delle epidemie potenziali contenute.„

Alla luce degli scoppi recenti di influenza aviaria in altre regioni, WCS proposte e con l'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle nazioni unite ha costituito un fondo per una spedizione in Mongolia per esaminare il ruolo degli uccelli selvaggi nella diffusione di influenza aviaria.

Precedentemente, gli scoppi in uccelli selvaggi sono stati nella grande prossimità a pollame ed agli uccelli acquatici nazionali infettati, o nelle regioni dove il contatto con pollame nazionale non potrebbe escludersi. Poichè la Mongolia ha poco pollame nazionale, trovare il virus H5N1 in uccelli migratori selvaggi qui indicherebbe che gli uccelli selvaggi possono essere infettati e muovere le distanze lunghe di influenza aviaria altamente patogena. “Gli uccelli selvaggi sono malati e morenti, in modo da possono essere le vittime piuttosto che i vettori della malattia. La prova di laboratorio dagli uccelli della sopravvivenza ci dirà se possono portare il virus durante il Dott. spiegato Karesh della migrazione„. Questi informazioni permetteranno che i paesi nella regione proteggano la salubrità dell'animale umano e domestico limitando il contatto con gli uccelli selvaggi ed aumentando la sorveglianza per il virus sulle aziende avicole.