Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I farmaci orali possono gestire i sintomi di tipo il diabete di II in bambini parimenti come iniezioni dell'insulina

I farmaci orali possono gestire i sintomi di tipo il diabete di II in bambini parimenti come iniezioni dell'insulina, rapporti nuovi di uno studio.

Secondo le cartelle sanitarie di 26 bambini diagnosticati con la malattia, i farmaci orali hanno diminuito i livelli di composto nel sangue chiamato hemoglobin A1C da una media di 2 punti percentuali.

Una riduzione di 2 punti percentuali è abbastanza per fare diminuire i rischi sanitari seri ed i sintomi connessi con tipo il diabete di II, hanno detto Milap Nahata, il ricercatore principale dello studio e un professore della farmacia e della pediatria all'Ohio State University.

Le alte glicemie lasciano un diabetico vulnerabile ai problemi di sviluppo del cuore e della malattia renale e della visione; i sintomi comprendono la frequente minzione e l'eccessiva sete. I diabetici mostrano normalmente gli alti livelli di emoglobina A1C, che è un indicatore per le glicemie.

“Questo è il primo studio per mostrare che i farmaci orali possono fare diminuire questi livelli in bambini,„ Nahata ha detto.

I ricercatori hanno voluto confrontare l'efficacia di insulina iniettata ai farmaci orali nell'abbassamento dei livelli di questo indicatore dell'emoglobina in bambini. Le chiare linee guida sui migliori trattamenti per i bambini con tipi II, o insulina-resistente, il diabete, hanno ancora essere stabilite, hanno detto Nahata.

“È stato soltanto nei 20 anni ultimi che abbiamo veduto tantissimi bambini sviluppare questa malattia,„ lui ha detto. “E la maggior parte dei farmaci orali prescritti tipicamente ai bambini con la malattia non sono stati confrontati mai ad una un altra o ad insulina.„

Un effetto secondario comune di insulina è obesità, che scoraggia spesso la conformità del farmaco fra gli adolescenti, Nahata ha detto.

I risultati compaiono in un'emissione recente della farmacoterapia del giornale.

Nel tipo i somatociti di II il diabete non risponde ad insulina, l'ormone che aiuta l'organismo a regolamentare le glicemie.

I ricercatori hanno riunito il valore di cinque anni degli indici dell'emoglobina A1C, del farmaco e dei dati di sintomo dalle cartelle sanitarie dei bambini. Tutti bambini hanno vissuto nell'Ohio centrale. L'età media era 15 per i ragazzi e 14 per le ragazze.

I farmaci hanno prescritto l'insulina inclusa per alcuni bambini e la metformina ed il sulfonylurea orali delle droghe. Alcuni bambini hanno catturato una combinazione delle droghe. Mentre l'insulina e la metformina sono le sole due droghe approvate da Food and Drug Administration per la cura dei bambini con il tipo il diabete di II, i pediatri hanno l'autorità per prescrivere un medicinale differente se pensano che possa fare un migliore processo di gestire la malattia di un paziente. È equo pratica comune affinchè medici faccia questo, anche.

“Completamente 80 per cento delle droghe sul servizio non sono stati studiati mai adeguatamente per uso in bambini,„ Nahata ha detto.

Nello studio, i 14 bambini che sono stati curati con insulina hanno raggiunto la più grande riduzione del composto dell'emoglobina - da una media di 11,1 per cento - 8,1 per cento. Alcuni di questi bambini egualmente sono stati prescritti una droga orale.

“Ma i bambini curata con insulina egualmente hanno avuti gli più alti valori da cominciare con,„ Nahata ha detto.

Mentre l'emoglobina normale A1C stima l'intervallo da 4 a 6 per cento, raggiungenti un valore di 7 per cento è considerato un successo per i diabetici. Ma anche ridurre quel valore a 8 per cento può causare una riduzione notevole dei sintomi e dei rischi connessi con tipo il diabete di II.

Secondo l'associazione americana del diabete, il diabetico medio ha un indice dell'emoglobina A1C di circa 9 per cento. Non trattati, questi livelli possono lasciare una persona al rischio serio per sviluppare altri problemi sanitari.

I valori del composto sono diminuito da una media di 10,6 - 8 per cento negli altri 12 bambini che sono stati prescritti le droghe orali soltanto - una riduzione comparabile a quelle che ottengono le iniezioni.

La metà (13) dei bambini inclusi nello studio poteva abbassare i valori del composto dell'emoglobina a 7 per cento o di meno. Altri tre bambini hanno ridotto i loro valori fra a 7 e 8 per cento.

Il tipo il diabete di II è una malattia che direzione tradizionalmente gli adulti di peso eccessivo ed obesi. Ma sempre più i bambini hanno sviluppato questa malattia dovuto le tariffe dell'obesità di infanzia quasi che si raddoppiano durante i 20 anni scorsi.

“Il tipo il diabete di II in bambini era quasi inascoltato quando ho cominciato in farmacia 30 anni fa,„ di Nahata ha detto. “È stato supposto per essere una malattia che gli adulti si sviluppassero.„

I bambini sono solitamente a tipi di sviluppo molto più incline I, o insulina-dipendente, il diabete, una malattia in cui il pancreas non produce abbastanza insulina.

Mentre Nahata dice i risultati di questo piccolo studio sono interessanti e possono applicarsi alla più grande popolazione, studi supplementari che includono più pazienti sono necessari confrontare l'un l'altro l'efficacia delle droghe per gestire la malattia e le sue complicazioni.

“Ancora non conosciamo che cosa la droga o la combinazione ideale della droga è per la cura dei bambini con il tipo il diabete di II,„ Nahata abbiamo detto.

I bambini sono a rischio di tipo il diabete di sviluppo di II se

  • il loro indice di massa corporea (BMI, una misura che collega il peso ad altezza) è sopra il 85th percentile per la loro età e sesso;
  • pesano 120 per cento del loro peso ideale;
  • abbia un genitore o un nonno che egualmente hanno la malattia;
  • sono afroamericano, il nativo americano, il Messico-Americano e l'isolano asiatico o pacifico; e
  • dia segni di insulino-resistenza.

Nahata ha intrapreso gli studi con i colleghi Jeffrey Striet e John Germak dello stato dell'Ohio e con Sandra Benavides, che è con l'università di programma cooperativo panamericano della farmacia del Texas.