Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio del Rotenone può piombo alle terapie innovarici per la Malattia del Parkinson

I Neuroscenziati dall'Università alla Buffalo hanno descritto per la prima volta come il rotenone, una tossina ambientale collegata specificamente alla Malattia del Parkinson, distrugge selettivamente i neuroni che producono la dopamina, il neurotrasmettitore critico al movimento dell'organismo ed il controllo di muscolo.

I Microtubuli, strade principali intracellulari che trasportano la dopamina all'area del cervello che gestisce il movimento dell'organismo, sono l'obiettivo cruciale, riferiscono.

Il Danneggiamento dei microtubuli impedisce la dopamina il raggiungimento del centro del movimento del cervello, causante un backup del neurotrasmettitore nel sistema di trasporto, i ricercatori trovati. La dopamina salvata si accumula nell'organismo del neurone e riparte, causando una versione dei radicali protetti contro gli agenti tossici, che distruggono il neurone.

Lo studio è comparso nell'edizione del 9 agosto del Giornale della Biochimica.

“Questo studio mostra come una tossina ambientale pregiudica la sopravvivenza dei neuroni della dopamina mirando ai microtubuli che sono critici per la sopravvivenza dei neuroni producenti dopamina,„ ha detto Jian Feng, Ph.D., assistente universitario della fisiologia e la biofisica nella Scuola di Medicina di UB e nell'autore senior Biomedico e di Scienza sullo studio.

“Ha Basato su questi risultati, noi hanno identificato parecchi modi stabilizzare i microtubuli contro l'assalto violento di rotenone. Questi risultati infine possono piombo alle terapie innovarici per la Malattia del Parkinson.„

Almeno 500,000 persone sono credute per soffrire dalla Malattia del Parkinson negli Stati Uniti e circa 50.000 nuovi casi sono riferiti annualmente, secondo gli Istituti della Sanità Nazionali. Queste figure si pensano che aumentino mentre la popolazione invecchia: L'età media dell'inizio è circa 60. Il disordine sembra essere leggermente più comune negli uomini che le donne.

Feng ed i colleghi nel Dipartimento della Fisiologia e della Biofisica hanno concentrato la loro ricerca sui meccanismi cellulari della malattia.

Sono interessati specificamente a capire perché il rotenone distrugge i neuroni che producono la dopamina, mentre neuroni con parsimonia che producono altri neurotrasmettitori.

Facendo Uso delle culture dei neuroni del ratto, ricerca i neuroni tematici che producono i vari tipi di neurotrasmettitori agli agenti che imitano l'atto di rotenone. Questi risultati hanno indicato che i neuroni dopaminergici si sono distrutti mentre altri sono sopravvissuto a.

Poi hanno terminato il trattamento aggiungendo il taxol della droga, che stabilizza i microtubuli ed impedisce la loro ripartizione. I Risultati hanno indicato che proteggendo i microtubuli, l'effetto tossico di rotenone sui neuroni producenti dopamina notevolmente è stato diminuito.

“Ha Basato su questi risultati, noi credono che i microtubuli fossero un obiettivo critico delle tossine ambientali del PALLADIO quale rotenone,„ ha detto Feng. “Poiché molti agenti didepolimerizzazione sono composti prodotti naturalmente in molti impianti, la nostra ricerca indica la necessità di esaminare il loro collegamento possibile alla Malattia del Parkinson. Inoltre, il PALLADIO ha un'più alta incidenza nelle zone rurali ed è associato con gli antiparassitari e gli insetticidi utilizzati frequentemente nelle pratiche agricole.„

La ricerca egualmente apre i viali novelli per lo sviluppo delle terapie del PALLADIO mirando ai microtubuli, ha detto. Feng ed i colleghi nel suo laboratorio stanno funzionando attivamente verso questo scopo.

http://www.buffalo.edu/