Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Ricercatori da provare se i cannabinoidi possono aiutare i pazienti ostruttivi cronici di malattia polmonare

I ricercatori dall'istituto universitario imperiale Londra stanno cercando i volontari per provare se i cannabinoidi, il principio attivo di cannabis, possono essere usati per alleviare la sensazione della dispnea causata dalle malattie quale la malattia polmonare ostruttiva cronica (COPD).

Il gruppo sta cercando i volontari invecchiati fra 50 e 70, che non incontrano difficoltà respiranti.

Il Dott. Elspeth Pickering, ricercatore clinico, dall'istituto universitario imperiale Londra e dall'ospedale di Westminster e di Chelsea, dice: “Malgrado i migliori sforzi degli scienziati per molti anni, nessuno ha potuto sviluppare un modo occuparsi della sensazione della dispnea senza sopprimere l'unità per respirare. La dispnea può avere un effetto principale sulla qualità di vita per i pazienti con le malattie respiratorie ed usando un cannabinoido, speriamo di trovare un modo bloccare il meccanismo che cause.„

I ricercatori ritengono che i cannabinoidi potrebbero essere usati per diminuire la sensazione della dispnea senza diminuire l'apparato respiratorio.

Lo studio richiederà una mattina due giorni differenti, e nel frattempo i volontari saranno agganciati fino ad un circuito per regolamentare e misurare la loro respirazione. L'anidride carbonica si aggiungerà all'aria respiratoria dai volontari, causanti la sensazione della dispnea. Ciò è un metodo sicuro di simulazione della dispnea poichè l'organismo produce naturalmente l'anidride carbonica.

In seguito i volontari saranno dati uno spruzzo che include il tetrahydrocannabinol (THC), il principio attivo in cannabis, che la speranza dei ricercatori diminuirà la sensazione della dispnea.

Il Dott. Anita Holdcroft dall'istituto universitario imperiale Londra e dall'ospedale di Westminster e di Chelsea e la guida di studio, aggiunge: “La formulazione speciale della droga come spruzzo evita gli effetti nocivi di fumo della cannabis. Speriamo che la droga fermi la sensazione della dispnea, potenzialmente fornente un nuovo modo occuparsi delle malattie respiratorie.„

Gli studi saranno intrapresi all'ospedale dell'incrocio di Charing a Londra ad ovest. I volontari saranno pagati per il loro tempo impegnato nello studio. I volontari invecchiati fra 50 e 70 chi non hanno le difficoltà e desiderio respiranti da partecipare dovrebbero chiamare 020 8846 1234 7055 esterni per registrare il loro interesse.