Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il tè verde può proteggere il cervello dal morbo di Alzheimer

I ricercatori allI ricercatori all'università di Florida del sud (USF) hanno trovato che il tè verde può offrire un'altra indennità-malattia potenziale - proteggere il cervello contro le devastazioni del morbo di Alzheimer.

In un articolo il 21 settembre pubblicato nel giornale della neuroscienza, ricercatori di USF riferisce che una componente di tè verde ha impedito il danno Alzheimer's del tipo di nei cervelli dei mouse geneticamente programmati per sviluppare il trattamento neurodegenerative di malattia. La componente, chiamata epigallocatechin-3-gallate (EGCG), è un antiossidante importante in tè verde ed ampiamente è stata studiata per la sua protezione riferita contro determinati cancri.

Ora il gruppo di USF fornisce la prima prova che EGCG fa diminuire la produzione della proteina Alzheimer's in relazione con, beta-amiloide, che può raccogliere anormalmente nel cervello e piombo a danno del nervo ed a perdita di memoria. Questa riduzione in beta-amiloide è stata osservata sia delle colture cellulari che di un modello del mouse per il morbo di Alzheimer. EGCG sembra bloccare il trattamento iniziale tramite cui la proteina Alzheimer's in relazione con è formata in cellule cerebrali.

Dopo il trattamento dei mouse di Alzheimer per parecchi mesi con le iniezioni quotidiane di EGCG puro, i ricercatori hanno osservato una diminuzione drammatica -- fino a 54 per cento -- di cervello-ostruzione delle placche di Alzheimer.

“I risultati suggeriscono che una componente concentrata di tè verde possa fare diminuire la formazione di placche dell'beta-amiloide del cervello,„ hanno detto lo studio senior l'autore giugno Tan, il PhD, il MD, Direttore del laboratorio di Neuroimmunology al centro di sviluppo d'argento del bambino, dipartimento di USF della psichiatria. “Se la patologia dell'beta-amiloide nel modello del mouse di questo Alzheimer è rappresentante di patologia del morbo di Alzheimer in esseri umani, il completamento dietetico di EGCG può essere efficace nell'impedire e nel trattamento della malattia.„

Il tè verde contiene molti antiossidanti, compreso quelli conosciuti come i flavonoidi che possono proteggere da danneggiamento del radicale libero del cervello. Tuttavia, il Dott. Tan e colleghi ha dimostrato che altri flavinoids in tè verde realmente si oppongono alla capacità di EGCG naturale di impedire l'accumulazione nociva di beta-amiloide. Quindi, il Dott. Tan ha detto, bere il tè verde da solo probabilmente non avrebbe un effetto benefico attraverso lo stesso meccanismo che EGCG funziona.

“Questo che trova suggerisce che l'estratto del tè verde che concentra selettivamente EGCG sia stato necessario ignorare l'effetto counteractive di altri flavinoids trovati in tè verde,„ ha detto il co-author Doug Shytle, PhD di studio. “Una nuova generazione di supplementi dietetici che contengono EGCG puro può piombo al più notevole vantaggio per il trattamento del morbo di Alzheimer.„ Il Dott. Tan ha detto che gli esseri umani probabilmente avrebbero avuto bisogno di mg 1500 - 1600 di quotidiano di EGCG per approssimarsi al dosaggio dell'iniezione che ha avvantaggiato i mouse del Alzheimer. Che il dosaggio già è stato studiato in volontari umani in buona salute ed è risultato sicuro e bene è stato tollerato.

I ricercatori di USF pianificazione studiare se le dosi orali multiple di EGCG possono migliorare la perdita di memoria in mouse di Alzheimer come pure diminuire il carico della placca del loro Alzheimer. “Se quegli studi mostrano i chiari vantaggi conoscitivi,„ il Dott. Tan ha detto, “crediamo che i test clinici di EGCG per trattare il morbo di Alzheimer siano stati autorizzati.„

Kavon Rezai-Zedah, un candidato di PhD nel dipartimento di USF di microbiologia e dell'immunologia mediche era primo autore dello studio. Altri autori erano Sun di Nan, ms; Takashi Mori, PhD, Huayan Hou, MD; Deborah Jeanniton, BS; Jared Ehrhart; Candidato di PhD; Kirk Townsend, PhD; Jin Zeng, ms; David Morgan, PhD; John resistente, PhD; e città di Terrence, PhD.