Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Scoperta del meccanismo nell'organismo che potrebbe piombo alle malattie autoimmuni

I Ricercatori al Centro Ebreo Nazionale di Ricerca e Medico hanno scoperto un meccanismo nell'organismo che potrebbe piombo alle malattie autoimmuni, quali lupus, l'artrite reumatoide, o il diabete.

Il gruppo di ricerca, piombo da John Cambier, Ph.D., trovato che i Linfociti B potenzialmente nocivi che circolano nell'organismo permanentemente non saranno fatti tacere come precedentemente ha pensato; possono svegliare e riacquistare la capacità di lanciare un attacco contro il proprio tessuto dell'organismo. I risultati erano l'Immunologia online pubblicata del 2 ottobre di natura.

“Tenere i Linfociti B auto-reattivi in uno stato tranquillo è cruciale per la prevenzione dell'autoimmunità,„ ha detto che il Dott. Cambier, il Professor e Presidente del Dipartimento Integrato dell'Immunologia ad Ebreo Nazionale e dell'Università di Scienze di Salubrità di Colorado Concentra. “I Nostri risultati mostrano come queste celle possono essere riattivate e suggerire le righe di ricerca che possono piombo alle terapie per le malattie autoimmuni.„

I Linfociti B fa parte del sistema immunitario. Una Volta stimolati correttamente, producono gli anticorpi, che legano alle molecole non Xeros e le neutralizzano o mirano alle celle che fa parte per della distruzione. L'organismo, nel suo tentativo di proteggere da tutto l'invasore non Xeros, produce una varietà enorme di Linfociti B, ciascuna capace di riconoscimento della molecola differente, egualmente ha chiamato un antigene.

Tuttavia, nel corso della generazione dei tali vari Linfociti B, il sistema immunitario egualmente produce quelli che riconoscano le componenti normali dell'organismo come antigeni. Erano quelle celle da essere attivate, essi inizierebbero un attacco contro il proprio tessuto dell'organismo. Fortunatamente, queste celle sono inviate in una specie di animazione sospesa, conosciuta come anergy, quando incontrano l'antigene ma non riescono a ricevere i segnali supplementari necessari per attivare il loro macchinario producente anticorpo.

Per anni, gli scienziati hanno ritenuto che un incontro con un antigene inviasse un Linfocita B in anergy permanente. Il Dott. Cambier ed i suoi colleghi ha mostrato, tuttavia, che i Linfociti B auto-reattivi hanno bisogno dello stimolo costante dal loro antigene di rimanere anergic e che eliminare l'antigene li permette di riacquistare il loro stato normale e pronto.

I ricercatori suggeriscono che un'infezione attiva potrebbe estrarre un Linfocita B auto-reattivo ad un organo linfoide, quali le tonsille o un linfonodo, dove non ci può essere antigene per farlo tacere. Là, risposta immune/infiammatoria robusta all'infezione batterica ha potuto attivare questo Linfocita B pericoloso ed indurrla ad avviare una malattia autoimmune.

“Ha stato rapporti che collegano l'inizio dell'autoimmunità con un'infezione batterica precedente,„ ha detto Stephen Gauld, Ph.D., autore principale e collega post-dottorato nel laboratorio del Dott. Cambier. “Ora stiamo eseguendo gli esperimenti per determinare il ruolo dei prodotti pro-infiammatori o batterici nella perdita di anergy del Linfocita B. Egualmente stiamo cercando di capire meglio gli eventi intracellulari che piombo a anergy ed alla sua perdita. L'una O L'altra di queste righe di ricerca ha potuto scoprire gli obiettivi potenziali per la terapia autoimmune.„

http://www.njc.org/