Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Effetto benefico di Potenziale di orotate di rame

Come uno dei servizi per i pazienti con il Morbo di Alzheimer, il Dipartimento della Psichiatria al Centro Medico Di Saarland offre la partecipazione ad una sperimentazione di fase II clinica. Questo test clinico mira a delucidare un effetto benefico potenziale di orotate di rame (un sale di rame organico), che è dato insieme ad un inibitore standard del colinesterasi.

Una diagnosi di delicato per moderare la demenza del tipo di Alzheimer è un presupposto. Oltre alle indagini cliniche, alle indagini del laboratorio su sangue e su liquido cerebrospinale ed alla rappresentazione di risonanza del magnete del cervello sarà effettuato. Gli studi stanno intraprendendi dal Professor il Dott. Thomas Bayer, il Direttore della Divisione della Neurobiologia ed il Dott. Frank Pajonk, uno Psichiatra, al Dipartimento della Psichiatria, Centro Medico Di Saarland.

Il Trattamento inizia dopo tutto i presupposti per partecipare è stato incontrato. La Metà dei pazienti riceve il orotate di rame di mg 8 al giorno, l'altra metà un placebo. Sia i pazienti che gli psichiatri sono accecati. Durante la fase lunga di 12 mesi della prova alla cieca, ci saranno estese prove cliniche e neuropsicologiche del laboratorio. Dopo la fase della prova alla cieca, offriamo una fase del aperto contrassegno per tutti i pazienti. Attualmente, 15 pazienti hanno rifinito la fase della prova alla cieca. Il farmaco di rame è tollerato bene.

Alzheimer è caratterizzato dalla presenza di placche dell'amiloide, che sono composte soprattutto di peptide di Aâ. Aâ è prodotto all'interno dei neuroni ed è liberato dal più grande precursore della proteina del â dell'amiloide (AâPP). I Livelli più bassi di rame sono stati riferiti nel cervello dei mouse transgenici di AâPP e post mortem nei pazienti dell'ANNUNCIO. Questo concetto è stato trovato per essere egualmente in vitro vero dal Professor il Dott. Gerd Multhaup (FU Berlino) nel 1999. Due documenti recenti, che sono stati pubblicati nel 2003 in PNAS hanno provato un effetto benefico di rame elevato in mouse transgenici di AâPP. Nello studio presente, i gruppi piombo da Bayer e Multhaup hanno trovato che il basso livello di rame nel sangue correla con i deficit avanzati di memoria, come provato dalla batteria neuropsicologica della prova del ADAS-dente affermato. I Pazienti con i livelli elevati del rame di sangue fanno meno errori in questa prova di memoria. Questo risultato supporta la nozione di una carenza di rame delicata nei pazienti dell'ANNUNCIO. Un assorbimento aumentato di rame dietetico può quindi essere dal punto di vista terapeutico pertinente.

http://www.case.edu/ e http://www.j-alz.com/