Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il trapianto di donazione accoppiato rene ha tassi di sopravvivenza dell'innesto equivalenti ai trapianti erogatori in tensione compatibili

Uno studio preliminare suggerisce che il rene abbia accoppiato il trapianto di donazione, in cui il donatore incompatibile/paia riceventi scambia i reni in modo che ogni destinatario ricevi un rene compatibile, ha avuto tassi di sopravvivenza dell'innesto equivalenti ai trapianti erogatori in tensione compatibili, secondo uno studio nell'emissione del 5 ottobre del JAMA: Il giornale di American Medical Association.

Il numero dei pazienti che aspettano un trapianto del rene continua ad aumentare ad un passo in modo allarmante e tutti gli aumenti significativi dell'eliminazione del divario fra la domanda dell'organo e l'offerta sono probabili venire dall'uso aumentato dei donatori in tensione, secondo informazioni di base nell'articolo. Le due barriere più significative a maggior uso dei donatori in tensione sono incompatibilità del gruppo sanguigno e la sensibilizzazione umana dell'antigene (HLA) degli antigeni del leucocita. Sulla base delle frequenze del gruppo sanguigno negli Stati Uniti, c'è una probabilità di 36 per cento che tutte le due persone saranno gruppo sanguigno incompatibile, eliminando fino a un terzo del raggruppamento erogatore in tensione di potenziale. In circa 30 per cento dei pazienti sulla lista di attesa erogatrice deceduta, la sensibilizzazione dell'antigene HLA è presente dovuto l'esposizione al tessuto non Xeros sotto forma di trapianti precedenti, di gravidanze, o di trasfusioni di sangue.

Una strategia alternativa è trapianti di donazione accoppiati (KPD) rene. Nei trapianti di KPD, il donatore incompatibile/paia riceventi scambia i reni in modo che ogni destinatario ricevi un organo compatibile. Il programma del trapianto di KPD rappresenta le riduzioni dei costi rispetto a desensibilizzazione, che è significativamente meno costosa che se una persona continua a subire la dialisi. Mentre in modo logistico sfidava, una più vasta entrata in vigore di KPD su un disgaggio regionale o nazionale potrebbe fornire gli organi compatibili per un numero considerevole di di 6.000 pazienti stimati sulla lista di attesa che corrente hanno donatori incompatibili.

Robert A. Montgomery, M.D., D.Phil., della scuola di medicina di Johns Hopkins University, Baltimora e colleghi ha intrapreso gli studi per determinare la possibilità e l'efficacia di KPD per la gestione dei pazienti con i donatori incompatibili. Le donazioni accoppiate sono state abbinate e trapiantato state da un gruppo di gruppo sanguigno o di donatori e di destinatari incompatibili del crossmatch con la malattia renale di stadio finale (6 trapianti convenzionali e 4 non convenzionali di KPD) fra giugno 2001 e novembre 2004.

Complessivamente trapianti ricevuti 22 pazienti con 10 hanno accoppiato le donazioni compreso 2 scambi tripli. A seguito mediano di 13 mesi, il tasso di sopravvivenza paziente era 100 per cento ed il tasso di sopravvivenza dell'innesto era 95,5 per cento. Ventuno dei 22 pazienti ha innesti di funzionamento con un livello di 6 mesi mediano della creatinina del siero di 1,2 mg/dL. Non c'erano istanze del rifiuto anticorpo-mediato malgrado l'inclusione di 5 pazienti che altamente sono stati sensibilizzati agli antigeni HLA dovuto l'esposizione precedente al tessuto non Xeros. Quattro pazienti hanno sviluppato il rifiuto cellulare acuto (18 per cento).

I vantaggi di potenziale e di complessità di un trapianto non convenzionale di KPD sono dimostrati tramite lo scambio triplo. Sulla base della reattività dell'anticorpo dell'antigene HLA e del gruppo sanguigno, la probabilità di individuazione del donatore adatto nel raggruppamento erogatore deceduto per ciascuno dei 3 destinatari era 0,029, 0,033 e 0,008.

“Questo studio dimostra che i trapianti di KPD possono essere eseguiti con i risultati simili ai trapianti erogatori viventi compatibili del rene. Le riduzioni dei costi e la diminuzione nel tempo di attesa che potrebbe essere realizzato da un'più ampia applicazione di questo concetto sono sostanziali. Poiché la probabilità di individuazione della corrispondenza adatta dipende dalla dimensione del raggruppamento, una lista nazionale potrebbe permettere a molti altri trapianti. Stimiamo che quello circa la metà delle paia incompatibili potrebbe ricevere i trapianti facendo uso di uno schema nazionale del trapianto di KPD con gruppo sanguigno compatibile, reni negativi del crossmatch, compreso l'altrettanto come 14 per cento dei pazienti altamente sensibilizzati,„ gli autori scriva.

“I pazienti incapaci di essere abbinato da KPD potrebbero subire la desensibilizzazione con il loro donatore progettato. Coloro che non è stato reputato accettabili per desensibilizzazione dovuto l'alto titolo o il rischio immunologico potrebbero partecipare ad una ricerca meno limitata di KPD in cui un più favorevole, ma non completamente un compatibile, donatore potrebbe essere identificato. Questa singola esperienza concentrare dimostra che KPD è fattibile, riuscito e se applicato ai più grandi raggruppamenti erogatori capaci di ampliamento dell'accesso a trapianto renale,„ i ricercatori concludono.

EMISSIONI PASSATE - QUESTIONE ATTUALE - JAMA & COLLEZIONI di casa degli archivi