Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il rischio degli Americani di morte dal cancro continua a diminuire

Le organizzazioni principali del cancro della nazione riferiscono che il rischio degli Americani di morte dal cancro continua a diminuire e che la tariffa di nuovi cancri sta tenendo con calma. “Il rapporto annuale alla nazione sullo stato di Cancro, 1975-2002,„ ha pubblicato nell'edizione del 5 ottobre 2005 del giornale dell'istituto nazionale contro il cancro, manifestazioni ha osservato che tassi di mortalità del cancro da tutti i cancri combinati ha caduto dal 1993 al 2002 1,1 per cento all'anno.

Secondo gli autori del rapporto, i declini nei tassi di mortalità riflettono il progresso nella prevenzione, nell'individuazione tempestiva e nel trattamento; tuttavia, non tutti i segmenti della popolazione degli Stati Uniti tratta giovamento ugualmente dagli avanzamenti, un punto descritto in un'analisi descritta del trattamento tende.

In primo luogo pubblicato nel 1998, “il rapporto annuale alla nazione„ è una collaborazione fra l'istituto nazionale contro il cancro (NCI), che fa parte degli istituti nazionali di salubrità (NIH), del centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), dell'associazione del cancro americana (ACS) e dell'associazione nordamericana delle registrazioni centrali del Cancro (NAACCR). Fornisce informazioni aggiornate sulle tariffe del cancro e tendenza negli Stati Uniti.

Secondo Direttore Andrew C. von Eschenbach, M.D. di NSC, “questi numeri riflettono una tendenza relativa alla riduzione della mortalità del cancro che ora ha persistito per nove anni. Ciò può soltanto essere considerata buone notizie per milioni di superstiti del cancro che hanno tratto giovamento dalla ricerca recente ed il trattamento avanza e sottolinea l'aspettativa che raggiungeremo un periodo in cui nessuno soffrirà o morirà da cancro.„

I tassi di mortalità da tutti i cancri combinati hanno diminuito 1,5 per cento all'anno dal 1993 al 2002 negli uomini, confrontati ad un declino di 0,8 per cento in donne dal 1992 al 2002. ** Il cancro polmonare è la causa principale delle morti del cancro sia in uomini che in donne. I tassi di mortalità sono diminuito per 12 dei 15 cancri principali negli uomini e nove dei 15 cancri principali in donne.

“I declini nei tassi di mortalità da molti cancri in relazione con il tabacco negli uomini rappresentano un importante, ma incompleto, trionfo della salute pubblica nel XXI secolo,„ ha detto John R. Seffrin, il Ph.D., direttore generale del ACS. “Queste tendenze rinforzano l'importanza dei programmi di controllo del tabacco negli Stati Uniti come pure di misure combattere l'aumento nell'uso del tabacco in altre parti del mondo, specialmente in paesi in via di sviluppo.„

Le tariffe di incidenza globali del cancro (la tariffa a cui i nuovi cancri sono diagnosticati) per entrambi i sessi sono state stabili dal 1992. Le tariffe di incidenza erano stabili negli uomini dal 1995 al 2002 ed aumentato annualmente 0,3 per cento in donne dal 1987 al 2002. L'aumento persistente nelle tariffe di incidenza globali del cancro per le donne può essere attribuito agli aumenti nelle tariffe per il petto ed altri sei cancri: linfoma non Hodgkin, melanoma, leucemia e cancro della tiroide, della vescica e del rene. Tuttavia, secondo i dati più recenti dal 1998 al 2002, le tariffe di incidenza femminili del cancro polmonare hanno cominciato a stabilizzarsi dopo essere aumentato per molti anni, che è buone notizie. I cambiamenti nell'incidenza globale possono derivare dai cambiamenti nella prevalenza dei fattori di rischio e dai cambiamenti nelle pratiche di rilevazione dovuto introduzione o uso aumentato di selezione e/o delle tecniche diagnostiche.

Il rapporto di quest'anno evidenzia i reticoli di cura per i malati di cancro. Gli autori notano che una strategia per la diminuzione della morte ed il miglioramento della sopravvivenza del cancro è di assicurarsi che a servizi basati a prova del trattamento siano disponibili ed accessibili. Nell'esecuzione della questa analisi, gli autori hanno esaminato i dati dai reticoli del NSC degli studi di cura (che completano la raccolta di dati sistematica dalla sorveglianza del NSC, l'epidemiologia e risultati finali, o programma dello SGOMBRO, con i dati più dettagliati sui reticoli di trattamento) e database di Sgombro-Assistenza sanitaria statale (che collegano i dati dallo SGOMBRO che le registrazioni ad Assistenza sanitaria statale reclama i dati per valutare i dati storici del trattamento per quelli sopra l'età 65) come pure altre risorse. Facendo uso di questi dati, hanno esaminato se a cura basata a prova è stata consegnata costante alle diverse popolazioni e quanto cambia rapido alle nelle linee guida basate a prova ha provocato i cambiamenti nella cura del cancro.

“Giorno dopo giorno stiamo estraendo la guerra contro cancro mentre più gente che mai prima sta schermanda e sta ricevendo i trattamenti necessari affinchè loro piombo le vite sane e produttive,„ abbiamo detto Direttore Julie Gerberding, M.D. di CDC “tuttavia, là siamo lacune ed opportunità mancanti in modo da dobbiamo continuare ad estrarre tutti gli arresti per assicurare la selezione e l'accesso alle cure adeguati indipendentemente dalla sua età, corsa, o posizione geografica.„

Per cancro al seno, i dati sulle tendenze relative al trattamento della malattia della fase iniziale indicano che la percentuale di donne diagnosticate con le fasi I o II (cancro al seno della fase precedente) che ha ricevuto l'ambulatorio diconservazione con il trattamento radioattivo è aumentato sostanzialmente durante gli anni 90. Questo cambiamento ha seguito alle le linee guida basate a prova che l'ambulatorio diconservazione seguito dalla radioterapia può essere preferibile alla mastetomia perché fornisce la simile sopravvivenza ma le prerogative il petto.

Gli autori egualmente riferiscono i risultati di uno studio separato su uso della radioterapia e della chemioterapia per le donne con il cancro al seno della fase iniziale. Per le donne con la malattia positiva di linfonodo, la chemioterapia dell'multi-agente, con il tamoxifene (una terapia ormonale) per quelle con i tumori positivi del estrogeno-ricevitore, è stata raccomandata dal 1985 dal NIH. Questo studio ha trovato che, fra 1987 e 2000, la percentuale di donne che hanno ricevuto sia la chemioterapia che il tamoxifene aumentati sostanzialmente. Tuttavia, l'uso della terapia concorrente è rimanere relativamente basso fra le età 65 delle donne e più vecchio, che era più probabile ricevere il tamoxifene soltanto.

Per cancro colorettale, gli autori hanno trovato che l'uso (trattamento supplementare che segue l'ambulatorio iniziale) della chemioterapia ausiliaria per i pazienti di tumore del colon della fase III è aumentato rapido fra 1987 e 1995. Tuttavia, la consegna di questa terapia era irregolare attraverso le fasce d'età, con le tariffe molto più basse del trattamento fra le età 65 dei pazienti e più vecchio. Egualmente è stato notato il fatto che il numero dei pazienti che hanno ricevuto il trattamento è diminuito con il numero aumentante delle condizioni mediche preesistenti, ma la probabilità di ricezione della terapia ausiliaria è diminuito con l'età anche dopo la cattura delle altre condizioni mediche in considerazione. Per i pazienti con il non piccolo cancro polmonare avanzato delle cellule, a linee guida basate a prova raccomandano che la chemioterapia possa essere utile per i pazienti che devono abbastanza bene resistere al trattamento. L'un'analisi ha trovato che, fra i pazienti invecchi 65 e più vecchio diagnosticati con questo tipo di cancro polmonare fra 1991 e 1993, solo 22 per cento hanno ricevuto la chemioterapia. Uno studio dei pazienti ha diagnosticato nel 1996 i livelli similmente bassi trovati di trattamento fra le età 65 dei pazienti e più vecchio. Tuttavia, gli studi più recenti hanno trovato le tendenze aumentare verso la fine degli anni 90 nell'uso della chemioterapia fra i non piccoli malati di cancro del polmone delle cellule della tardi-fase.

A differenza del petto e dei cancri polmonari, il trattamento per carcinoma della prostata è più discutibile. La tendenza relativa più notevole al trattamento di carcinoma della prostata dal 1986 al 1999 era la proporzione diminuente di casi che hanno ricevuto la castrazione aspettante, chirurgica o chimica vigile, o di terapia ormonale della privazione come trattamento primario. I trattamenti più aggressivi, compreso le più nuove tecniche di radiazione, sono stati trovati per essere sull'aumento. Tuttavia, gli uomini di colore sono stati trovati per ricevere il trattamento sostanzialmente meno aggressivo che gli uomini bianchi.

Il rapporto conclude che le variazioni geografiche sostanziali nei reticoli del trattamento esistono, ma che molto di trattamento del cancro contemporaneo è coerente con alle le istruzione basate a prova dello sviluppo di consenso di NIH (http://consensus.nih.gov/), che sono considerate “un sistema monetario aureo„ per le raccomandazioni di cura.

“Il valore delle registrazioni del cancro nella ricerca della popolazione è illimitato. Attraverso il legame con altri sistemi dati, le informazioni possono darci che la visione dell'ottenere gli efficaci trattamenti alla popolazione in genere che avrà un impatto sulla sopravvivenza e sulla mortalità,„ ha detto Direttore l'agrifoglio L. Howe, Ph.D. di NAACCR

Gli autori egualmente hanno esaminato le disparità razziali ed etniche nel cancro. Dal 1992 al 2002, la prostata, il polmone, il cancro retto/del colon negli uomini ed il petto, il colon/retto ed il cancro polmonare in donne, continuano ad essere i siti principali per l'incidenza e la mortalità per ogni popolazione razziale ed etnica. Le tariffe per il polmone ed il carcinoma della prostata sono diminuito fra gli uomini in tutte le popolazioni, mentre le tariffe di incidenza colorettali del cancro sono diminuito soltanto per gli uomini bianchi. Fra le donne, le tariffe di incidenza del cancro al seno aumentate di donne dell'Asia e del Pacifico dell'isolano, in diminuzione fra le donne indigene americane Alaska/dell'indiano ed erano stabili per altre donne. Tariffe di incidenza colorettali in diminuzione soltanto per le donne bianche. Le differenze nell'incidenza e nella mortalità del cancro persistono, particolarmente fra gli uomini di colore, che hanno le tariffe di incidenza più d'altezza di 25 per cento e tassi di mortalità più d'altezza 43 per cento che gli uomini bianchi per tutti i cancri combinati.

Gli autori sottolineano quello che raggiunge tutti i segmenti della popolazione con la prevenzione di alta qualità, individuazione tempestiva ed i servizi del trattamento potrebbero diminuire l'incidenza e la mortalità del cancro ancora ulteriori e quel video la diffusione degli avanzamenti di trattamento del cancro è un aspetto importante di assicurazione dei livelli di cura costante alti.