I segni più in anticipo di Alzheimer possono essere schermati per con un elettroencefalografo

Sebbene il morbo di Alzheimer pregiudichi milioni di persone universalmente, non c'è modo identificare questa malattia di cervello devastante nelle sue fasi più iniziali quando ci ancora può essere tempo di ritardare o persino impedire la spirale discendente in demenza. Nelle impostazioni della ricerca, gli scienziati stanno utilizzando gli strumenti specializzati come MRI e l'ANIMALE DOMESTICO per distinguere le caratteristiche della funzione e dell'anatomia del cervello che indicano i problemi futuri, fornenti una specie di prova di selezione per il cervello.

Ora un nuovo studio da un gruppo di ricerca alla scuola di medicina di NYU dimostra che le manifestazioni più iniziali di Alzheimer, quando i primi segni di perdita di memoria compaiono, possono essere schermate con uno strumento relativamente economico, indolore e di facile impiego chiamato un elettroencefalogramma (elettroencefalografo).

Nello studio, pubblicato nell'emissione online imminente della neurobiologia del giornale di invecchiamento, i ricercatori dimostrano che un'analisi computerizzata dell'elettroencefalogramma, che misura l'attività elettrica del cervello, ha predetto esattamente la gente in buona salute nel loro 60s e 70s che svilupperebbero la demenza nel corso dei 7 - 10 anni successivi. Egualmente ha identificato le persone che rimangono virtualmente immutate sopra lo stesso periodo. Gli elettroencefalogrammi erano quasi 95 per cento accurati nell'identificazione coloro che sarebbe diminuito conoscitivo e dei coloro che non non, secondo lo studio.

“I nostri risultati indicano che l'analisi quantitativa dell'elettroencefalogramma è sensibile ai segni più in anticipo del trattamento dementing,„ dice Leslie S. Prichep, il Ph.D., direttore associato dei laboratori di ricerca del cervello del dipartimento della psichiatria, che piombo lo studio. Un certo giorno dice che può essere usato come uno degli strumenti per valutare la tendenza di una persona per sviluppare Alzheimer, il modulo più comune di demenza che pregiudica la gente oltre 65. Ma per ora i risultati debba essere ripiegato dentro ed essere convalidato tramite gli studi prospettivi molto più grandi prima che possa applicarsi alle grandi popolazioni dello schermo.

Richiede circa 30 minuti per eseguire un elettroencefalogramma, che comprende collocare gli elettrodi della registrazione sul cuoio capelluto. La prova perfomed con il paziente messo confortevolmente. Non ci sono iniezioni ed il cuoio capelluto non è raso.

I ricercatori di NYU, piombo dal Dott. Prichep e Roy John, Ph.D., professore nel dipartimento della psichiatria, hanno valutato un gruppo di 44 persone fra le età di 64 e di 79 chi ha ritenuto che le loro memorie stessero esitando. Questa gente si è iscritta volontariamente ad uno studio a lungo termine ad invecchiamento del Silberstein di NYU ed al centro di ricerca di demenza in cui hanno subito una batteria di prove neuropsichiatriche ed altre, che hanno rivelato che la loro funzione del cervello era normale per la loro età.

All'inizio del trattamento di prova ogni volontario egualmente è stato dato una prova di elettroencefalogramma del riferimento ai laboratori di ricerca del cervello alla scuola di medicina di NYU. Sono stati provati là parecchie più volte nel corso dei 7 - 10 anni successivi. Per questo periodo, 27 dei 44 oggetti hanno sviluppato il danno conoscitivo delicato o la demenza completa e 17 sono rimanere stabili. Applicando un algorhythm matematico alle scansioni di cervello, DRS. Prichep e John hanno indicato che determinate caratteristiche del reticolo delle onde cerebrali sull'elettroencefalogramma del riferimento sono state associate con deterioramento conoscitivo futuro.

Agli elettroencefalogrammi non addestrati dell'occhio assomigli ad un boschetto confusionario delle righe deformate. Ma le righe sono realmente onde che sono state descritte matematicamente dalla loro composizione in frequenza ed in ampiezza in funzione dell'età, in base ai dati raccolti durante gli ultimi 30 anni da DRS. Prichep e John. Essi ed i loro colleghi di NYU hanno ottenuto questi dati da circa 12.000 genti in buona salute e pazienti psichiatrici che erano stati dati gli elettroencefalogrammi. Circa 3.500 degli elettroencefalogrammi provenivano dai pazienti di demenza e di invecchiamento.

“Probabilmente abbiamo il più grande database elettrofisiologico di questo genere nel mondo,„ dice il Dott. Prichep. “Poiché possiamo confrontare l'elettroencefalogramma quantitativo di ogni persona ai valori normali età-preveduti, potevamo descriverla che le funzionalità hanno riflesso i cambiamenti previsti che accadono con l'invecchiamento normale e che potrebbero essere associati con il declino futuro,„ diciamo.

Una funzionalità prominente connessa con deterioramento conoscitivo sull'elettroencefalogramma del riferimento era le onde cerebrali chiamate teta, che era eccessivo nella gente che finalmente avrebbe rifiutato, secondo lo studio. Questa banda era particolarmente anormale nelle regioni frontali, lungo le regioni laterali e nella giusta regione posteriore del cervello in quella gente che ha continuato a rifiutare.

Un'altra funzionalità era un rallentamento nella frequenza media dell'elettroencefalogramma, che è descritto nei cicli al secondo. Ancora un altro tratto distintivo di coloro che diminuisce era un cambiamento nella sincronizzazione fra i due lati del cervello. La sorgente del teta è stata indicata per essere l'ippocampo, una regione del cervello dimostrata nella rappresentazione studia con MRI e l'ANIMALE DOMESTICO da alterare nella demenza, il Dott. Prichep delle note.