Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'aspirina può impedire il cancro di interfaccia

Gli scienziati australiani dicono che le medicine comuni quale l'aspirina possono tenere il tasto a diminuire il rischio di sviluppare il cancro di interfaccia.

Secondo i ricercatori all'istituto del Queensland di ricerca medica (QIMR) hanno ottenuto la prima prova che le droghe non steroidali possono offrire la protezione contro carcinoma spinocellulare e le cheratosi attiniche, o pelano i punti.

Già è stato stabilito che alcune droghe non steroidali fossero efficaci nella diminuzione del rischio di malattia di cuore e di altri cancri, ma ora il gruppo degli epidemiologi ha scoperto il collegamento con uno studio locale, lo studio del Cancro di interfaccia di Nambour, che ha esaminato circa 1.000 residenti nella città sudorientale del Queensland.

Il Dott. David Whiteman del QIMR, dice che il risultato è stato trovato in pazienti che hanno catturato almeno due volte alla settimana le droghe quali l'aspirina o l'ibuprofene in cinque anni.

Dice che già è conosciuto che i cancri di interfaccia producono un enzima che è usato dai cancri per sviluppare i vasi sanguigni che si sviluppano burrowing giù nell'interfaccia e che aspirina fa è impedisce quell'enzima il lavoro completamente dalla didascalia della sua attività.

Comunque il Dott. Whiteman dice che mentre i risultati sono ottimisti, un più grande studio deve essere fatto.

Dice che la ricerca può piombo alle nuove strategie, specialmente per la gente a molto ad alto rischio del cancro di interfaccia ed allo sviluppo di nuove droghe.

Quasi 400.000 australiani sono curati ogni anno per il cancro di interfaccia del non melanoma e le uccisioni maligne dei cancri di interfaccia circa 1,300 persone nazionalmente.