Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli scienziati dirigono le cellule staminali embrionali diventare celle della cartilagine

Gli scienziati dall'istituto universitario imperiale Londra hanno convertito con successo le cellule staminali embrionali umane in celle della cartilagine, offrenti l'incoraggiamento che la cartilagine della sostituzione potrebbe l'un giorno svilupparsi per trapianto.

La cartilagine è il tessuto connettivo denso trovato solitamente fra le ossa per permettere il movimento regolare delle giunzioni.

La ricerca da pubblicare nell'assistenza tecnica del tessuto mostra come il gruppo imperiale ha diretto le cellule staminali embrionali diventare celle della cartilagine. Ciò ha potuto permettere che medici coltivino la cartilagine per trapianto per una serie di lesioni e problemi di salute, compreso le lesioni di sport, la nuova cartilagine per la gente che ha sostituzioni del cinorrodo e perfino per chirurgia estetica.

Il Dott. Archana Vats, dall'istituto universitario imperiale Londra e dal primo autore del documento, ha detto: “La capacità di coltivare la cartilagine facendo uso delle cellule staminali ha potuto avere implicazioni enormi per una serie di problemi di salute. Con la popolazione di invecchiamento aumentante del Regno Unito ci sarà un aumento inevitabile nei problemi creati dalla gente che vive più lungamente. Sebbene medici abbiano potuti effettuare le sostituzioni unite per una serie di anni, ha non possibile sostituire la cartilagine consumata. Sostituendo la cartilagine può essere possibile evitare per un po di tempo l'esigenza di una sostituzione unita.„

La ricerca ha compreso coltivare le cellule staminali embrionali umane con i chondrocytes o le celle della cartilagine, nelle capsule di Petri In laboratorio in un sistema specializzato che le ha incoraggiate a trasformarsi le celle della cartilagine. Quando questo è stato paragonato appena a coltivare le cellule staminali embrionali umane da solo, le cellule staminali e la cartilagine miste sono state trovate per avere livelli elevati del collageno, il componente della proteina di cartilagine.

Le celle poi sono state impiantate in mouse su un'impalcatura bioactive per i 35 giorni. Quando hanno eliminato l'impalcatura, le celle sono state trovate per avere nuova cartilagine formata, mostrante essi possono essere trapiantate con successo in tessuto vivente.

Gli scienziati egualmente ritengono che questa tecnica potrebbe essere utilizzata in cosmetico e nella chirurgia ricostruttiva. Quando eliminare cancri di collo e capi, chirurghi deve tagliare spesso le parti assenti di cartilagine e poi cattura gli innesti da altre parti del corpo. Con medici di questa nuovi tecnica potenzialmente possa catturare le cellule staminali dal paziente, coltivile in un laboratorio e poi trapiantile dopo l'ambulatorio.

Configurazioni di questo lavoro su una collaborazione più iniziale fra i ricercatori e gli ingegneri medici all'istituto universitario imperiale. Il gruppo precedentemente aveva sviluppato l'impalcatura bioactive che è stata usata come impalcatura per coltivare le cellule staminali sopra.

Il Dott. Anne Bishop, dall'istituto universitario imperiale Londra ed uno degli autori, hanno aggiunto: “Il potenziale delle cellule staminali ampiamente è stato conosciuto per molti anni, ma è soltanto recentemente noi ha cominciato realizzare i progressi verso lo scopo finale di utilizzarle nei pazienti. Questi risultati lo mostrano che può essere poco come cinque anni prima di questo avanzamento possono essere usati direttamente per avvantaggiare i pazienti per una varietà enorme di malattie e di lesioni.„

Il gruppo ha incluso il professor Dame Julia Polak, testa dell'assistenza tecnica del tessuto e del centro a ricupero della medicina, l'istituto universitario imperiale Londra come pure il sig. Neil Tolley, reparto OTORINOLARINGOIATRICO, l'ospedale di St Mary ed anche ricercatori dall'università di Bristol.