Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I bambini con apnea nel sonno avvertono le perturbazioni più respiratorie quando dormono sulle loro parti posteriori

I ricercatori alla facoltà di medicina dell'università del Texas a Houston hanno scoperto che i bambini con apnea nel sonno avvertono le perturbazioni più respiratorie quando dormono sulle loro parti posteriori che in altre posizioni.

I loro risultati, che contraddicono gli studi più iniziali sull'oggetto, sono stati pubblicati nell'emissione di questo mese degli archivi dell'otorinolaringoiatria - chirurgia del collo & della testa.

La sindrome ostruttiva dell'apnea nel sonno (OSAS) è un problema di salute serio che pregiudica 500.000 bambini ogni anno negli Stati Uniti. OSAS pediatrico comunemente è causato dalle tonsille ed adenoidi ingrandette ed è caratterizzato dagli episodi dell'ostruzione delle vie respiratorie superiore parziale o completa che si presentano durante il sonno, compreso russare, cianosi (un colore bluastro dell'interfaccia e le mucose) e della qualità difficile di sonno. I sintomi di giorno possono comprendere la respirazione di bocca, i problemi di comportamento, l'iperattività e l'eccessiva sonnolenza di giorno.

Kevin D. Pereira, M.D., professore dell'otorinolaringoiatria alla facoltà di medicina di UT ed all'otorinolaringoiatra pediatrico principale all'ospedale pediatrico commemorativo di Hermann, ha valutato l'associazione fra la posizione di organismo e gli eventi di OSAS durante il sonno in bambini fino all'età tre. I risultati sono venuto dagli studi di sonno di 60 bambini all'ospedale fra dicembre 2001 e dicembre 2003.

I bambini hanno subito il polysomnography (PSG, la registrazione continua delle variabili fisiologiche durante il sonno) per valutare OSAS e più successivamente hanno fatti le loro eliminare tonsille e tessuto adenoideo. Lo PSGs è stato analizzato per i dati sull'indice analitico respiratorio di perturbazione (RDI, un indice analitico che misura gli eventi respiratori che disturbano il sonno), sul tempo passato in ogni posizione di organismo durante il sonno, sul numero degli eventi dell'apnea in ogni posizione, sulla saturazione dell'ossigeno e sul tempo passato in ogni fase di sonno.

“Il RDI medio è aumentato quando più di 50 per cento del tempo sono stati passati (fronte di taglio verso l'alto) nel sonno supino,„ Pereira ha detto. “C'erano ancora di più di un aumento quando il sonno supino ha compreso 75 per cento il tempo di sonno totale. Infatti, il RDI in questa posizione era maggior in tutte le altre posizioni del combinate di.

“Il nostro studio indica che il sonno supino correla con un aumento in RDI come pure con OSAS in pazienti più giovani di quattro,„ Pereira ha detto. “Questo che trova è contrariamente agli studi precedenti che non hanno dimostrato correlazione fra la posizione di sonno e l'apnea nel sonno ostruttiva in bambini.„

Pereira, autore principale dello studio, sollecita i medici che usano PSG per diagnosticare e riuscire i disordini di sonno in bambini per prendere in considerazione le variabili che possono pregiudicare la validità dei risultati. “La mancanza di sonno supino adeguato può essere un fattore importante in bambini sintomatici con i risultati normali di studio di sonno,„ ha detto.

Pereira egualmente nota che gli studi non sono stati intrapresi sugli infanti, in modo dai risultati di questo studio non dovrebbero essere confusi con la pratica di avere sonno degli infanti dai loro lati o di nuovo a guida non evitano la morte in culla.

I co-author di Pereira erano capriolo di Jeremy, M.D., residente principale in otorinolaringoiatria/chirurgia del collo e della testa e Lori Howell, uno studente di medicina diUT-Houston che ora è un residente dell'otorinolaringoiatria alla Northwestern University in Chicago.