Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio suggerisce un modo eliminare il glioblastoma

Gli scienziati hanno inventato una strategia per trattare i tumori selettivamente mirando ed uccidendo alle celle maligne. Un nuovo studio preclinico, pubblicato nella medicina di PLoS del giornale di accesso aperto, ha applicato l'approccio al multiforme di glioblastoma di combattimento (GBM).

Ciò è il modulo più aggressivo del tumore cerebrale, crescente molto rapidamente prima che i sintomi siano con esperienza ed uccisione la maggior parte dei pazienti in un anno di diagnosi.

Lavorando in mouse, Alexander Levitzki ed i colleghi (dell'università ebraica di Gerusalemme e di Ludwig-Maximilians-Università a Monaco di Baviera) hanno approfittato della ricerca precedente che ha mostrato come distinguere fra le celle cancerogene ed in buona salute con la rilevazione delle molecole conosciute come i recettore del fattore di crescita dell'epidermide (EGFR). I overexpress EGFR delle cellule di glioblastoma (cioè in confronto alle cellule cerebrali normali, hanno molto di queste molecole sulla loro superficie). Gli scienziati poi hanno selezionato un tipo di materiale genetico (un acido nucleico) connesso con le infezioni virali e collegato ad un composto che potrebbe legare a EGFR. Come conseguenza dei meccanismi di difesa che si sono evoluti per proteggere le cellule di mammiferi dai virus, le celle sono programmate morire una volta che prendono questo acido nucleico particolare. Il trattamento quindi elimina le celle del tumore ma evita il danneggiamento del tessuto cerebrale normale.

I ricercatori hanno trovato che il trattamento era efficace in mouse impiantato con le celle del tumore di cervello umano che overexpressed EGFR. Il trattamento potrebbe eliminare ha stabilito i cancri e non c'era prova della ricorrenza: i mouse sono rimanere cancro libero per più un anno. È più difficile da curare il cancro in esseri umani che il cancro in mouse, ma i risultati sono incoraggianti. In suo articolo di prospettiva che accompagna lo studio, Robert Weil dell'istituto di tumore cerebrale alle fondamenta della clinica di Cleveland suggerisce che l'approccio meriti “rapido di essere tenuto la carreggiata alla clinica„ data la mancanza di efficaci trattamenti per GBM. Ci sono poche opzioni attuali oltre alla chemioterapia ed alla chirurgia per eliminare il tumore ed è raro che questi trattamenti fermano il cancro dal ricorso. Dato la prevalenza di EGFR in celle di altri tipi del cancro (quali cancro al seno ed il cancro polmonare), l'approccio pionieristico a in questo studio può essere applicabile ad altri moduli di cancro pure.