Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Mappa di gene cane può aiutare a spiegare le malattie umane

Scienziati americani dire che un'analisi dettagliata del genoma cane risponde a tali domande come come cani di una razza diversa ancora appartengono alla stessa specie e possono anche spiegare alcuni aspetti della salute umana e della biologia.

Uno studio finanziato dal governo di U.S. ha riunito la completa mappa genetica di un pugile consanguinea denominato Tasha che non solo aiuta a spiegare come poodles differiscono da sciacalli, ma potrebbe offrire intuizioni in tumore osseo, cecità e l'epilessia, dicono i ricercatori.

Secondo Dr Eric Lander, un esperto di gene presso il Broad Institute presso il Massachusetts Institute of Technology e l' Università di Harvard, che ha contribuito a coordinare lo studio, la conoscenza renderà l'identificazione di molti geni malattia 50 volte più facile.

Lander crede nei prossimi tre-quattro anni che diventerà possibile identificare un gene per tumore osseo nei cani.

Nello studio i ricercatori a 15 istituzioni descritto come hanno confrontato la cianografia genetica del pugile con 10 altre razze.

Hanno confrontato anche il genoma del cane per le mappe già completato di geni umani, topi, ratti e scimpanzé.

La squadra, guidata da Broad Institute Kerstin Lindblad-Toh, sequenziato le lettere di 2,4 miliardi di DNA di Tasha, che rappresenta 39 coppie di cromosomi.

Apparentemente c'è una grande differenza tra cani e persone, geni umani si trovano appena 23 coppie di cromosomi.

I ricercatori hanno compilato anche un catalogo di 2,5 milioni di polimorfismi a singolo nucleotide, variazioni di una sola lettera del codice genetico, che differiscono tra le 10 razze canine studiati.

I geni che rendono alcuni cani grandi e altri poco, che dare alcuni lunghi musi di cani e altri spinto in volti, e che predispongono alcuni cani a determinate malattie fornisce una base eccellente per lo studio della biologia, medicina e l'evoluzione.

Hans Ellegren dell' Università di Uppsala in Svezia dice le centinaia di anni di consanguineità attenta per produrre varie razze hanno consegnato il modello sogno di un genetista per malattia genetica umana.

È stato nel 2003 che squadre presso l' Istituto di ricerca genomica e genoma dell'imprenditore Craig Venter Center per l'avanzamento della genomica a Rockville, Maryland, pubblicato una mappa genetica del barboncino domestico di Venter.

Ma lo studio finanziato dal governo U.S. corrente è apparentemente più completa e sistematica.

Lander dice che fino ad ora che aveva solo piccoli brandelli del genoma cane, considerando che ora hanno ' l'intero libro to end, pronte a leggere'.

I ricercatori hanno tenuto una conferenza di notizie a una cane mostra nel Massachusetts, ed era chiaro che erano amanti del cane.

Secondo la Lander incredibile diversità di fisiche e comportamentali dei cani è codificata nel loro genomi, e può in modo univoco aiutarci a capire lo sviluppo embrionale, neurobiologia, malattia umana e la base dell'evoluzione.

Elaine Ostrander, capo della genetica del cancro al National Human Genome Research Institute, concorda sul fatto che la genetica cane potrebbe contribuire restringere la ricerca di geni malattia umana.

Ostrander dice le principali cause di morte nei cani sono una varietà di tipi di cancro, e molti di loro sono molto simile biologicamente a tumori umani.

Dr. Matthew Breen, professore associato di genomica alla North Carolina State University, che ha lavorato sul progetto, dice anche che i cani hanno molte abitudini simili agli esseri umani, e cancro che ottenere cani è esattamente gli stessi come i tumori che ottengono gli esseri umani.

Lo studio e i commenti relativi ad esso sono pubblicati sulla rivista science, Nature.