Vantaggi dell'aspirina per le donne postmenopausali

L'aspirina può diminuire significativamente i tassi di mortalità per le donne postmenopausali con la malattia cardiovascolare (CVD), ricercatori riferiti alle sessioni scientifiche 2005 dell'associazione americana del cuore.

“È stato conosciuto prima e lo abbiamo indicato ancora: la terapia dell'aspirina è una terapia di salvataggio,„ ha detto Jeffery S. Berger, M.D., autore principale ed il collega della cardiologia al centro medico a Durham, il N.C. “donne di Duke University con la malattia cardiovascolare dovrebbe essere sull'aspirina a meno che ci sia una controindicazione medica quali ipersensibilità o intolleranza gastrointestinale.„

I dati da quasi 9.000 donne con CVD hanno dimostrato che quelli che catturano l'aspirina hanno avuti significativamente più a basso rischio della morte cardiovascolare come pure da tutte le cause della morte, confrontato alle donne che non hanno catturato il medicinale in libera vendita.

Le donne con CVD (8.928) iscritto allo studio d'osservazione di iniziativa della salubrità delle donne, uno studio multicentrato longitudinale di 93.676 donne invecchiate 50 - 79 anni al riferimento, sono state usate per questa analisi. Il risultato primario era l'incidenza degli eventi cardiovascolari, che hanno compreso l'attacco di cuore, il colpo, la morte cardiovascolare e la mortalità di tutto causa.

Fra le 8.928 donne con CVD stabile, 46 per cento hanno riferito la cattura dell'aspirina, di cui 30 per cento erano su 81mg e su 70 per cento erano su 325mg. Sei e una metà di anni dopo l'iscrizione allo studio d'osservazione dell'iniziativa della salubrità (WHI) delle donne, 956 delle donne con CVD erano morto.

Durante i 6,5 anni di seguito, 8,7 per cento dei partecipanti sono morto una volta confrontati al nessun gruppo dell'aspirina, sia 81mg che gruppi 325mg sono stati associati con una riduzione di 17 per cento della mortalità di tutto causa e un tasso di mortalità di 25 per cento più in basso da tutte le malattie cardiovascolari.

Per la prevenzione degli eventi cardiovascolari, sia 81mg che 325mg sono stati associati con una riduzione non significativa di 11 per cento del colpo, nessun effetto sul MI e una riduzione non significativa degli eventi. Rispetto a 325mg, il trattamento a 81mg non era significativamente differente nel suo effetto sulla mortalità di tutto causa, sugli eventi cardiovascolari o su alcun punto finale determinato.

“Questa non era una prova ripartita con scelta casuale in modo da non potremmo dimostrare l'causa-e-effetto,„ Berger ha detto. “L'aspirina è stata associata con una riduzione significativa della morte, eppure non possiamo concludere che l'aspirina ha causato la riduzione.„

Gli studi passati hanno indicato che l'aspirina può diminuire i problemi cardiovascolari interni e non fatali in pazienti con la malattia cardiovascolare. Malgrado questo effetto protettivo ben noto, di meno che la metà di tutte le donne nello studio ha catturato regolarmente l'aspirina, Berger ha detto.

“Purtroppo, quando esaminate i dati dell'aspirina, lo trovate che le donne sotto-sono state rappresentate in molti degli studi,„ avete detto. “Non ci sono dati conclusivi che forniscono la dose o l'effetto ottimale di uso dell'aspirina in donne.„

“Che era sorprendente e deludente. Molti studi hanno indicato che 81 mg è altrettanto efficace nella prevenzione secondaria degli eventi cardiovascolari quanto 325 mg. Ed è ben noto che più alta la dose, più probabile siete di soffrire gli effetti secondari. Perché tante donne erano sulla dose elevata era poco chiaro.

“Se una donna stava catturando 81 mg o 325 mg, la riduzione del tasso di mortalità era la stessa e quel punto, penso, sono il più considerevole dello studio,„ Berger ha detto. “È difficile da questo studio da dire che la dose di mg 81 è migliore di 325 mg, ma sembra che sia efficace quanto 325 mg.„

Egualmente ha notato che perché soltanto le donne postmenopausali hanno partecipato allo studio di WHI, i risultati riferiti oggi non possono applicarsi alle giovani donne con CVD.

“Dobbiamo fare un migliore processo di assicurarci che le donne che hanno bisogno dell'aspirina ottengano l'aspirina,„ Berger abbiamo detto. “Il nostro studio dovrebbe stimolare i medici spiegare i vantaggi dell'aspirina ai gruppi ristretti di pazienti femminili. Per i pazienti che si preoccupano per gli effetti secondari dell'aspirina, questo studio indica che la più piccola dose necessaria è appena un'aspirina del bambino un il giorno.„