Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Ricco In Colesterolo può piombo ad ipertensione negli uomini

Gli Uomini con alto colesterolo totale sono molto più probabili sviluppare l'ipertensione che gli uomini con colesterolo totale basso, secondo uno studio nell'Ipertensione: Giornale dell'Associazione Americana del Cuore.

L'Ipertensione, definita come pressione sanguigna a o più superiore 140/90 di millimetro di mercurio (Hg di millimetro), è la malattia cronica più comune negli Stati Uniti. Altrettanto come 90 per cento degli adulti degli Stati Uniti con pressione sanguigna normale all'età 55 può sviluppare l'ipertensione nella loro vita, ha detto Howard D. Sesso, Sc.D., M.P.H., l'autore dello studio.

“L'Ipertensione ed i lipidi sia sono collegati con il rischio di malattia cardiovascolare,„ ha detto Sesso, l'epidemiologo del socio a Brigham che all'Ospedale delle Donne e l'assistente universitario di medicina alla Facoltà di Medicina di Harvard a Boston. “Abbiamo intrapreso un'azione indietro per provare a capire se i livelli di lipidi avversi potrebbero retrodatare lo sviluppo di ipertensione negli uomini.„

I Ricercatori hanno analizzato i dati Studio di Salubrità dai Medici', un test clinico in corso che ha raccolto i campioni di sangue del riferimento di 3.110 uomini (età media 48) esenti da ipertensione, dalla malattia cardiovascolare e dal cancro all'inizio dello studio. Sopra una media di 14 anni continui, circa le terza (1.019) ipertensioni sviluppate.

I ricercatori hanno misurato il colesterolo totale e la lipoproteina ad alta densità (HDL) - “buon„ colesterolo - colesterolo non-HDL allora calcolato (definito come colesterolo totale meno il colesterolo di HDL) ed il rapporto di colesterolo totale al colesterolo di HDL.

“Sembra che i lipidi abbiano un ruolo nello sviluppo di ipertensione,„ Sesso ha detto. “Abbiamo trovato un'associazione positiva fra i livelli elevati di colesterolo totale, di colesterolo non-HDL e del totale colesterolo--HD'al rapporto del colesterolo e di un rischio aumentato di ipertensione. Quegli uomini che hanno avuti livelli elevati del colesterolo di HDL hanno avuti significativamente un più a basso rischio per ipertensione di sviluppo che gli uomini che hanno avuti i bassi livelli di colesterolo di HDL.„

I ricercatori hanno diviso i partecipanti di studio in cinque gruppi, o i quintiles, dai più bassi livelli all'più alto per ogni categoria del lipido. Hanno trovato che uomini in:

  • il più alto quinto di colesterolo totale era 23 per cento più probabile da sviluppare l'ipertensione che gli uomini nel quintile più basso per colesterolo totale;
  • il più su quintile di colesterolo non-HDL era 39 per cento più probabile di quelli nel quintile più basso sviluppare l'ipertensione;
  • il più su quintile per il totale colesterolo--HD'al rapporto del colesterolo erano ad un rischio aumentato 54 per cento per ipertensione rispetto a quelle nel quintile più basso in quella categoria.

Egualmente hanno trovato che gli uomini nell'più alto quintile per i livelli di HDL hanno avuti i 32 per cento più a basso rischio di ipertensione di sviluppo che quelli nel quintile più basso.

“Quando notiamo un'elevazione dei lipidi in assenza di ipertensione, può indicare che quei pazienti sono al maggior rischio di sviluppare l'ipertensione in seguito,„ Sesso ha detto. “Da un punto di vista interventional, quelli con i profili difficili del lipido può rappresentare un'opportunità di indirizzare altri fattori di rischio per ipertensione e la malattia cardiovascolare.„

Sesso ed i colleghi sono ulteriore studio se i lipidi hanno un'associazione indipendente con ipertensione di sviluppo o se ci potessero essere altre spiegazioni ai loro risultati.

I Co-author sono Ruben O. Halperin, M.D., M.P.H.; Jing MA, M.D., M.P.H.; Julie E. che Seppellisce, Sc.D.; Meir J. Stampfer, M.D., Dott. PH.; e J. Michael Gaziano, M.D., M.P.H.

Lo studio è stato costituito un fondo per dal Cuore Nazionale, Polmone ed Istituto di Sangue e l'Istituto Nazionale contro il Cancro.

http://www.americanheart.org