Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Terapie mirate a del cancro: Un altro passo avanti

Mentre è chiaro che il trattamento di cancro già ha cominciato a subire uno spostamento di paradigma con l'inclusione delle terapie mirate a innovarici nei regimi correnti, sarebbe sbagliato da presupporre che questi prodotti interamente sostituissero la chemioterapia tradizionale come il trattamento standard per le vittime di cancro. Tuttavia, l'amministrazione delle terapie mirate a accanto alla chemioterapia standard dovrebbe tenere conto i miglioramenti nel controllo di sintomo, qualità di vita e tariffe della maturazione, sebbene secondo un nuovo rapporto dall'analista indipendente Datamonitor* del mercato (DTM.L), questo non sarà senza sfide significative.

Fornisca il potenziale

Datamonitor definisce le terapie mirate a innovarici come agenti terapeutici novelli che mirano ai cambiamenti molecolari unici che distinguono le celle del tumore dalle celle normali, vale a dire geni alterati, proteine e vie molecolari corrotte. La parte superiore principale di selettività migliorata nell'ottimizzazione delle anomalie molecolari tumore-specifiche è che forniscono il potenziale per la creazione dei trattamenti efficacia migliorata e la tossicità diminuita.

Il servizio mirato a esistente di terapie ha valso $5,1 miliardo attraverso i sette servizi farmaceutici principali ** nel 2004. Datamonitor prevede questo servizio per raggiungere $13,7 miliardo nel valore da ora al 2014, raggiungendo un tasso di crescita annuale composto (CAGR) di 13,7%. Ancora, l'introduzione dei prodotti correnti della conduttura di tardi-fase aumenterà da ora al 2014 il valore totale del mercato mirato a di terapie ad una cifra di $19,2 miliardo, dice l'analista Fleur Pijpers dell'oncologia di Datamonitor. “La crescita del servizio di terapie mirato a corrente sarà determinata pricipalmente da cinque prodotti chiave: Genentech/Roche Rituxan (rituximab), Herceptin (trastuzumab), Avastin (bevacizumab), Tarceva (erlotinib) e il Glivec di Novartis (imatinib).„

“Rituxan e Glivec già hanno raggiunto lo stato del successone, mentre Herceptin, Avastin e Tarceva sono preveduti anche per raggiungere le vendite che superano $1 miliardo all'anno da ora al 2014.„

Datamonitor crede che la crescita continuata di vendite di queste terapie mirate a sia attribuibile ad una serie di fattori: (tutte le figure per sette servizi importanti)

Rituxan godrà da ora al 2014 dell'espansione del contrassegno e dell'infiltrazione aumentata del mercato, con le vendite prevedute di $3,6 miliardo.

Herceptin entrerà da ora al 2014 nella regolazione ausiliaria del trattamento per il cancro al seno, con le vendite prevedute di $1,2 miliardo.

L'attività di Avastin nel non piccoli cancro polmonare delle cellule (NSCLC), cancro al seno, carcinoma della prostata, cancro del rene e cancro del pancreas si pensa che raccolga ulteriori approvazioni regolarici, con le vendite prevedute di $2,4 miliardo da ora al 2014.

Glivec godrà da ora al 2014 dell'assorbimento aumentato dovuto i programmi e le approvazioni di dosaggio alterni in ulteriori indicazioni, con le vendite prevedute di $2,7 miliardo.

Mentre Tarceva trarrà giovamento dagli errori del Iressa di AstraZeneca (gefitinib) dopo le approvazioni di UE e degli Stati Uniti per NSCLC e dall'approvazione recente degli Stati Uniti per cancro del pancreas, con le vendite prevedute di $1,1 miliardo da ora al 2014.

Conduttura attiva

Secondo le aspettative, la conduttura mirata a di terapie è corrente una sfera di attività clinica dinamica, una tendenza che è probabile continuare per molti anni. La conduttura globale corrente contiene almeno 168 composti d'investigazione, costituiti dagli inibitori di angiogenesi di 28%, dagli inibitori di trasduzione del segnale di 25%, dagli stimolatori di apoptosis di 17%, dagli anticorpi monoclonali di 17%, dai regolatori del ciclo cellulare di 7% e dagli inibitori di deacetylase dell'istone di 6%.

Datamonitor, di supporto dal leader di opinione intervista, determina che gli inibitori di trasduzione del segnale e gli inibitori di angiogenesi offriranno a breve o a medio termine l'occasione più significativa dello sviluppo e della commercializzazione. Molti di questi agenti confer la capacità di inibire gli obiettivi multipli, mostrando applicabilità per uso attraverso un intervallo dei tipi del tumore e dell'efficacia aumentata, Pijpers dice. “Molti composti all'interno di queste formulazioni attuali della molecola delle classi di due droghe piccole, tenendo conto la disponibilità orale e la tossicità notevolmente diminuita.„

La maggior parte di vantaggio clinico confer più notevole mirato a di terapie una volta amministrato congiuntamente a chemioterapia standard, piuttosto che come singolo agente. Tuttavia, combinare varie classi di droghe provocherà le terapie “del cocktail„ per cancro, che porta alla luce il problema della tossicità cumulativa, che aumenterà in conformità con il numero degli agenti “nel cocktail„. Questa emissione sta sormontanda, tuttavia, tramite lo sviluppo dei prodotti quali il sorafenib dei prodotti farmaceutici/Bayer dell'onyx (Nexavar) e il Sutent di Pfizer (SU11248), che inibiscono le vie multiple, Pijpers dice. “Inoltre, se meno prodotti sono inclusi in una terapia “del cocktail„, il problema di intensificazione i costi del trattamento, i test clinici complessi e dello sviluppo prolungato egualmente è superato piuttosto.„

Selezione vitale

Per migliorare la comprensione delle terapie mirate a, alcune di cui saranno indubbiamente costose, si argomenta che la selezione paziente deve essere migliorata, per identificare quei gruppi che deriveranno la maggior parte del vantaggio dai prodotti specifici. Uno spostamento sta presentandosi a partire dalla classificazione anatomica tradizionale di una malignità ad un sistema che differenzia i tumori in base all'aberrazione molecolare, Pijpers dice. “L'esempio archetipo di questo approccio è quello utilizzato nello sviluppo e nel lancio di Genentech/Roche Herceptin (trastuzumab), che ha iscritto i pazienti nei test clinici basati su stato HER-2. Questo approccio non può essere impiegato, tuttavia, senza l'identificazione dei servizi molecolari premonitori della risposta del tumore e dello sviluppo successivo dei sistemi diagnostici per definire le popolazioni pazienti.„

Così mentre le terapie mirate a sono e diventeranno ancor più, un'arma apprezzata ed efficace nella lotta contro cancro, complimenteranno piuttosto sostituiscono i regimi attuali della chemioterapia. E non sono il più certamente un cancro “maturazione„ come è stato sollecitato in alcuni quarti.