La farmacogenetica può diminuire le spese sanitarie

Le probabilità sono buone che un farmaco che catturate è una di parecchie droghe che possono essere influenzate dai fattori genetici, secondo i ricercatori alla scuola di medicina dell'università di Washington a St. Louis e l'istituto universitario di St. Louis della farmacia. Hanno trovato che 29 per cento dei pazienti veduti agli uffici locali di pronto intervento avevano catturato almeno una di 16 droghe che possono causare gli effetti collaterali negativi in gente geneticamente suscettibile.

Trovando che tanti pazienti di pronto intervento usano tali farmaci suggerisce quella farmacogenetica--lo studio sull'interazione fra i geni e le droghe--ha il potenziale di avvantaggiare una grande parte della popolazione, secondo i ricercatori. Applicando le informazioni dalla farmacogenetica alle pratiche di pronto intervento ha potuto diminuire l'incidenza degli effetti collaterali negativi ed ottimizzare i trattamenti, secondo lo studio, pubblicato nell'edizione del gennaio 2006 del giornale Pharmacogenomics.

“Finora, i ricercatori che esaminano il ruolo della variazione genetica negli effetti della droga hanno messo a fuoco pricipalmente sulle droghe tossiche usate dagli specialisti che trattano il cancro o infezione HIV,„ dice Howard L. McLeod, Pharm.D., Direttore della memoria di farmacologia al centro del Cancro di Siteman alla scuola di medicina dell'università di Washington ed all'ospedale Barnes-Ebreo. “Abbiamo saputo che alcune delle droghe comunemente usate nella regolazione di pratica della famiglia possono causare gli effetti collaterali negativi nella gente che ha determinate variazioni genetiche, in modo da abbiamo misurato appena ogni quanto tempo queste droghe sono usate.„

Lo studio ha trovato che dei 607 pazienti esterni esaminati a tre cantieri di pronto intervento nell'area metropolitana di St. Louis, 174 si trovavano su una droga connessa comunemente con gli effetti secondari severi. Fra queste droghe sono la fluoxetina (Prozac), il metoprololo (un betabloccante), il diltiazem (usato per trattare ipertensione) ed il warfarin (un anticoagulante).

Ciascuna di queste droghe è metabolizzata dai geni conosciuti per variare all'interno della popolazione. Le variazioni genetiche che cambiano i beni degli enzimi che ripartono le droghe o le tracciano per escrezione possono causare le reazioni di droga avverse.

Le reazioni potenzialmente nocive ai farmaci esaminati in questo studio comprendono lo spurgo gastrointestinale, le emorragie cerebrovascolari, il danno del rene, le vertigini, l'ipotensione ed il battimento di cuore rallentato. Il numero e la severità degli effetti collaterali negativi alle droghe esaminate non sono stati misurati in questo studio; tuttavia, uno studio 1998 ha allineato le reazioni di droga avverse come fra le dieci cause della morte principali principali negli Stati Uniti.

Altre variazioni genetiche nella popolazione sono conosciute per alterare le proteine che trasportano le droghe o cambiano i meccanismi cellulari mirati a dalle droghe, rendenti le droghe inefficaci. Mentre non non piombo agli effetti collaterali negativi, questi fattori genetici possono anche pregiudicare la sanità.

“Pensiamo che sia probabile che utilizzare la farmacogenetica nella regolazione di pronto intervento può diminuire le spese sanitarie,„ dica McLeod, che è egualmente professore di medicina, della genetica e di biologia molecolare e di farmacologia alla scuola di medicina. “Le informazioni hanno potuto aiutare i medici di famiglia a prendere le migliori decisioni circa le giusti droghe e dosaggi per prescrivere per i loro pazienti, permettendo di evitare le prescrizioni inutili e di minimizzare i costi dei trattamenti di ospedale per gli effetti collaterali negativi.„

In un editoriale nello stesso giornale, Deepak Voora, M.D., il residente medico principale e Brian F. Gage, M.D., professore associato di medicina, asseriscono che l'orientamento dai medici di pronto intervento sarà importante all'accettazione dei pazienti d'estrazione del test genetico necessario per applicare la farmacogenetica a pratica di cura della famiglia.

“Il medico di pronto intervento è l'avvocato principale per il paziente e chi i pazienti guarderanno per a consiglio circa la prova di farmacogenetica,„ Voora dice. “Il modo che trattano le informazioni pharmacogenetic può alleviare i timori dei pazienti riguardo alla segretezza ed accedere a alle cartelle sanitarie dai datori di lavoro e dalle agenzie di assicurazione.„