Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I Astrocytes svolgono un ruolo diretto in flusso sanguigno gestente nel cervello - influenzare Alzheimer

Nuovi risultati che le cellule cerebrali a lungo trascurate svolgono un ruolo importante in flusso sanguigno di regolamentazione nel mettere in dubbio del cervello uno dei presupposti di base che sono alla base di odierne tecniche di rappresentazione le più specializzate del cervello e potrebbero aprire una nuova frontiera quando si tratta del morbo di Alzheimer di comprensione.

In un documento da comparire nell'emissione di febbraio della neuroscienza della natura ed ora di online disponibile, gli scienziati all'università di centro medico di Rochester dimostrano che le cellule cerebrali a forma di stella conosciute come i astrocytes svolgono un ruolo diretto in flusso sanguigno gestente nel cervello, un trattamento cruciale che permette che le parti del cervello scoppino in attività una volta avuto bisogno di. L'individuazione è intrigante per una malattia come Alzheimer, che lungamente è stato considerato una malattia delle cellule cerebrali conosciute come i neuroni e certamente non astrocytes.

“Per molti anni, i astrocytes sono stati considerati pricipalmente come celle del governo della casa che la guida nutrisse e mantenesse un ambiente sano per i neuroni. Ma sta risultando che i astrocytes possono svolgere un ruolo centrale in molte malattie umane,„ ha detto il neuroscenziato Maiken Nedergaard, M.D., Ph.D., che ha prodotto una serie di astrocytes della diteggiatura delle pubblicazioni nelle malattie come l'epilessia e la lesione del midollo spinale.

“In una malattia gradisca Alzheimer, per esempio, forse è i astrocytes stessi che sono danneggiati in primo luogo,„ che ha detto. “Può essere quello per qualsiasi ragione, astrocytes non stanno facendo il loro processo correttamente e poi il flusso sanguigno diminuisce. Ciò potrebbe piombo alla morte dei neuroni, che sarebbero morto di fame da una mancanza di sostanze nutrienti, poiché i neuroni dipendono dai astrocytes per la loro sopravvivenza.„

La nuova ricerca mette a fuoco su un trattamento critico alla salubrità della gente con Alzheimer e tutti gli altri: l'allocazione di momento--momento delle risorse vitali gradisce l'ossigeno che continua all'interno dei nostri organismi. È un abituato di problema dell'offerta a chiunque che si sia preoccupato sopra la disponibilità di benzina subito dopo dell'uragano Katrina. Nei nostri organismi il trattamento è particolarmente cruciale nel cervello, che è il guzzler più vorace dell'organismo “di combustibile,„ con un'esigenza costante di ossigeno. Quando la parte del cervello diventa più attiva, più sangue è messo da parte a quella regione per portare le sostanze nutrienti extra come ossigeno, permettente l'attività aumentata.

La maggior parte dei scienziati hanno supposto che più sangue scorre una parte particolare del cervello, più l'attività da parte dei neuroni, le cellule nervose che inviano i segnali elettrici che ampiamente sono considerati come “l'attività di cervello.„ Il presupposto che più flusso sanguigno uguaglia i neuroni più attivi costituisce la base per l'interpretazione delle tecniche di rappresentazione specializzate del cervello quali le scansioni dell'ANIMALE DOMESTICO e le scansioni di risonanza magnetica funzionale.

Ora il gruppo piombo da Nedergaard, professore nel dipartimento di neurochirurgia e un membro del centro per invecchiare e biologia dello sviluppo e socio post-dottorato Takahiro Takano, il Ph.D., il primo autore del documento, ha gettato il dubbio sull'assunzione da parte dell'indicare che i astrocytes sono giocatori importanti nel trattamento anche. Gli studi dal gruppo in mouse indicano che segnalando dalle arterie di cause dei astrocytes nel cervello per espandersi, determinando un aumento in flusso sanguigno.

“Quando misuriamo il flusso sanguigno,„ ha detto Nedergaard, “può essere che non stiamo misurando l'attività dei neuroni così tanto come che dei astrocytes.„

L'idea crea “un tipo domanda dell'uovo o del pollo„ in pazienti con i termini come Alzheimer o il trauma cranico traumatico in cui il flusso sanguigno alle parti del cervello discende. Nella di Alzheimer ha saputo che i neuroni nauseano e muoiono durante gli anni. Per diagnosticare la malattia, medici ordinano spesso una scansione di cervello. Quando l'esame prova il flusso sanguigno diminuito, medici suppongono che ci devono essere di meno di una domanda di sangue ed i numeri così significativi dei neuroni in quella regione del cervello devono morire. Mentre quello ancora può essere vero, Nedergaard ha detto, i nuovi risultati fangosi la maschera, mettente in dubbio tutto il collegamento diretto fra la salubrità dei neuroni ed il flusso sanguigno.

Nedergaard ha detto che mentre è nuova trovare che i astrocytes possono regolamentare il flusso sanguigno, l'individuazione non dovrebbe essere interamente sorprendente. Ha detto che i astrocytes toccano fisicamente sia le sinapsi - gli spazi fra i neuroni che sono determinanti per attività di cervello - che i vasi sanguigni. Infatti, “le orme„ dei astrocytes sono letteralmente da ogni parte dei vasi sanguigni nel cervello: Le parti di astrocytes conosciuti come “il endfeet astrocytic„ avvolgono quasi tutti i vasi sanguigni nel cervello.

Precedentemente alcuni scienziati hanno esaminato le fette di tessuto cerebrale e forniscono i suggerimenti che i astrocytes potrebbero regolamentare il flusso sanguigno in tessuto cerebrale. La ricerca corrente, costituita un fondo per dall'istituto nazionale dei disordini neurologici e dal colpo, conta su un sistema laser specializzato messo a punto da Nedergaard per studiare l'attività dei astrocytes negli organismi viventi. Il gruppo ha usato una tintura fluorescente per illuminare i vasi sanguigni, quindi ha messo un formulario speciale del calcio chimico nei astrocytes. Hanno utilizzato un laser per attivare il calcio e un altro laser per riflettere come i astrocytes hanno elaborato il prodotto chimico. Hanno trovato che i astrocytes hanno indotto i vasi sanguigni a dilatare.