Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La miosina VI può fungere da trasportatore molecolare

La miosina VI è stata probabilmente un monomero, ma manifestazione della sosta et al. che la miosina integrale VI può essere un dimero e può camminare processively su actina. Aumentando la concentrazione, sempre più una frazione dimerizes in vitro e cammina processively su actina.

Negli organismi viventi, le centinaia di generi differenti di motori molecolari eseguono varie mansioni capite essenziali, ma poco che provocano tali atti come la contrazione del muscolo, la divisione cellulare ed il movimento dei materiali all'interno delle celle. Alcuni motori fungono dai trasportatori, un certo servire da ancore ed alcuni possono fare entrambi.

Le nuove misure realizzate all'università dell'Illinois aUrbana-Champagne hanno indicato quell'di questi motori molecolari, la miosina VI, possono funzionare determinato come ancore o nelle paia come trasportatori. I nuovi risultati hanno contribuito a risolvere una controversia della ricerca ed a spiegare meglio come queste piccole proteine realizzano i loro dazi.

“La miosina VI è una molecola minuscola che l'energia chimica dei convertiti in moto meccanico e trasporta il suo caricamento “facendo un passo„ lungo i filamenti di actina,„ ha detto Paul Selvin, uno studioso della facoltà di John Bardeen di fisica all'Illinois e un co-author di un documento a comparire nella cella molecolare del giornale. “Le nostre misure provano che le molecole di miosina VI possono formare naturalmente le paia e poi andare per le passeggiate mentre carico di trasporto.„

Nel 2004, Selvin ed i colleghi all'Illinois ed all'università della Pennsylvania hanno riferito che la miosina VI si è mossa da un meccanismo “della a mano sopra mano„ ai punti di circa 60 nanometri. (Un nanometro è bilionesime di un metro, o circa 10.000 volte più piccolo della larghezza dei capelli umani).

“In quell'esperimento, abbiamo catturato due monomeri della miosina VI e “zippered insieme„ le loro cime per formare un dimero - che poi ha camminato lungo l'actina,„ Selvin ha detto. “Alcuni ricercatori hanno ritenuto quello con la forzatura delle molecole per dimerize, i nostri risultati non erano rappresentativi di che cosa accade naturalmente. Altri ricercatori hanno sostenuto che la miosina VI era sempre un monomero. Ora abbiamo indicato che queste molecole possono effettivamente venire insieme e dimerize da sè.„

Nell'ultimo esperimento, i ricercatori hanno ripetuto la loro misura più iniziale, ma senza zippering i monomeri insieme. Hanno usato una tecnica di misura di alta precisione sviluppata all'Illinois che può tenere la carreggiata la posizione di una molecola a dentro 1,5 nanometri. La tecnica è chiamata FIONA (rappresentazione di fluorescenza con un'accuratezza di nanometro).

“Abbiamo trovato che, su ad abbastanza concentrazioni, alcune delle molecole della miosina avrebbero trovato uno un altro, essi dimerize e comincerebbero camminare,„ Selvin ha detto. “Quelli che non non dimerize sono rimanere monomeri e non si sono mossi. Egualmente abbiamo trovato che quando i domini dell'carico-associazione sono stati eliminati, le molecole dimerized più prontamente.

Selvin ed i suoi colleghi credono che la miosina VI esista mentre un monomero se non limita a carico. Legando al carico altera la conformazione della molecola. Allo stesso tempo, una grande prossimità di due monomeri limitati a carico inizia la dimerizzazione.

“È possibile che i carichi differenti leghino alle regioni differenti del dominio dell'carico-associazione tali che alcuni carichi promuovono la dimerizzazione ed altri non fanno, permettendo che la proteina funzioni come o dimero (trasportatore) o un monomero (ancora), secondo i sui partner obbligatori,„ i ricercatori ha scritto nel documento molecolare delle cellule.

“E, mentre abbiamo indicato che la miosina VI può essere un trasportatore, non abbiamo indicato che è un trasportatore,„ Selvin abbiamo detto. “Per fare quello, dobbiamo guardare dentro una cella vivente.„

L'anno scorso, il gruppo di Selvin ha usato FIONA per tenere la carreggiata i movimenti altri di due motori, dynein e kinesin molecolari, celle viventi interne della mosca di frutta. “FIONA è capace di misurazione del movimento di miosina VI all'interno delle celle viventi,„ Selvin ha detto. “Ora stiamo lavorando a quello.„