Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il cervello di manifestazioni di studio prevede il gusto

Come il prisma dei nostri sensi, il cervello umano ha modi di rifrazione dell'input sensoriale a dispetto della realtà.

Ciò è veduta, per esempio, nell'effetto del placebo, quando i dolcificanti semplici o gli unguenti vulnerari inerti catturati dagli oggetti involontari sono veduti per facilitare il dolore o avere certo altro effetto fisiologico benefico. Come il cervello elabora questo input simulato e richiede l'organismo da rispondere è in gran parte un mistero della neuroscienza.

Ora, tuttavia, gli scienziati hanno cominciato a staccare indietro alcuni dei segreti neurologici di questo fenomeno notevole ed a mostrare come il cervello può essere riavvolto in attesa di input sensoriale per rispondere nei modi prescritti. Scrivendo nella questione attuale (1° marzo 2006) del cervello, del comportamento e dell'immunità del giornale, un gruppo dell'università di scienziati diWisconsin-Madison riferisce i risultati degli esperimenti che ritraggono il cervello nell'atto mentre è raggirato.

Il lavoro recente, condotto da un gruppo piombo dall'assistente universitario diUW-Madison della psicologia e della psichiatria Jack B. Nitschke, ha verificato la capacità del cervello umano di attenuare il gusto ripugnante con un'astuzia di anticipazione. Il lavoro, condotto al centro diUW-Madison Waisman facendo uso delle tecniche di rappresentazione avanzate del cervello e degli intrugli spiacevoli di chinina su un gruppo degli studenti di college, rivela dettagliatamente come il cervello risponde ad una manipolazione progettata per attenuare un'esperienza sgradevole.

“C'è un impatto potente all'aspettativa,„ dice Nitschke, che, con i suoi colleghi, ha esposto 43 oggetti dello studente non laureato alle pozioni di chinina, dell'acqua di zucchero o dell'acqua distillata mentre subiva l'imaging a risonanza magnetica (MRI).

Gli oggetti, Nitschke spiega, sono stati chiesti in anticipo di associare un insieme prescritto delle indicazioni con un gusto. “Un segno meno„ scossalina attraverso gli occhiali di protezione a fibra ottica agli oggetti che subiscono MRI, per esempio, era di essere un segnale anticipato che un liquido successivamente gocciolato nella bocca avrebbe avuto un gusto molto amaro. “Uno zero" indicazione ha corrisposto ad un gusto neutrale e “ad un più„ con un gusto piacevole e zuccherato.

Le indicazioni, secondo Nitschke, scossalina agli oggetti appena prima dell'amministrazione di alcune gocce di liquido. Ma nello studio, le indicazioni non abbinerebbero sempre il gusto che fossero dette per presagire.

Il suo gruppo ha osservato che quando gli oggetti sono stati dati un'indicazione che ha suggerito che il gusto si sono accinti all'esperienza fosse meno amaro, il gusto è stato percepito come tale e le regioni del cervello che i gusti di codice sono stati attivati di meno.

“Quando l'oggetto vede il segnale d'allarme, le parti del cervello attivato che dall'indicazione ingannevole predicono la risposta in diminuzione del cervello al gusto terribile,„ Nitschke dice. Che cosa è più, “la risposta (del cervello) all'indicazione ingannevole predirà la percezione dell'oggetto di cui il gusto sta andando essere. L'oggetto anticipa che il gusto non sarà quel Male ed effettivamente quello è che cosa riferiscono.„

In breve, il nuovo studio mostra come influenze dell'aspettativa come gli esseri umani percepiscono l'input sensoriale e come gli eventi nel cervello direttamente sono collegati con quelle percezioni.

D'importanza, mappando come il cervello prevede un evento e dà dei calci dentro ad un effetto del placebo, Nitschke discute, gli scienziati può cominciare a pensare ai modi che la conoscenza potrebbe essere utilizzata nelle impostazioni cliniche.

Per Nitschke, che egualmente pratica come psicologo clinico che si specializza nel trattamento dei disordini di ansia e della depressione, le nuove visioni dettagliate della potenza di anticipazione potrebbero piombo per migliorare i trattamenti per tali circostanze.

“Il placebo funziona con l'aspettativa. In questo studio, abbiamo catturato la pillola dalla maschera. Stiamo manipolando appena le aspettative,„ dice. “I risultati elemosinano la domanda di che cosa può noi fare per mirare ai trattamenti anticipati nei nostri pazienti che potrebbero piombo per migliorare i risultati.„