Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'ANIMALE DOMESTICO e la risonanza magnetica rivela la degenerazione della materia bianca a Huntington

Facendo uso sia della funzione del cervello (ANIMALE DOMESTICO) che della rappresentazione della struttura anatomica (risonanza magnetica) studia, ricercatori italiani - nel contesto di una collaborazione Italiano-Britannica - scoperti che degenerante e gli eventi disfunzionali si presentano in persone molti anni prima dell'inizio della malattia di Huntington - specialmente nella materia bianca del cervello - un'area non precedentemente considerata soprattutto implicata con la malattia.

Infatti, la materia bianca del cervello “diminuita progressivamente„ come le persone si sono avvicinate ai primi sintomi di malattia, secondo uno studio pubblicato in giornale di febbraio di medicina nucleare.

“Le nostre osservazioni - fatte analizzando i risultati di più grande gruppo di oggetti studiati fin qui - possono suggerire le nuovi metodologie e test farmaceutici per la terapia,„ ha detto Ferdinando Squitieri, M.D., Ph.D., che lavora nell'unità e nel centro di Neurogenetics per le malattie rare di IRCCS Neuromed in Pozzilli, Isernia, Italia. “È possibile avvicinarsi alla malattia nella fase presintomatica riflettendo i volumi del tessuto cerebrale ed i gangli basali e la disfunzione della corteccia. In caso affermativo, possiamo potere impedire la malattia di Huntington prima dei sintomi di inizio usando le droghe adeguate,„ ha aggiunto il co-author “di perdita del volume della Bianco-Materia del cervello ed il glucosio Hypometabolism precede i sintomi clinici della malattia di Huntington.„

La malattia di Huntington è una devastazione, disordine ereditario e degenerante del cervello, che diminuisce lentamente la capacità di una persona di camminare, pensare, parlare e ragionare. Circa uno su ogni 10.000 Americani ha la malattia, che ha una di più alte tariffe del suicidio paziente, ha detto Squitieri. La malattia profondo pregiudica le vite di intere famiglie, mentre una persona commovente diventa completamente dipendente da altre per la sua cura. Ogni bambino di un genitore influenzato dalla malattia ha una probabilità di 50/50 di eredità del gene che causa la malattia.

Il gene di Huntington è stato determinato; tuttavia, è poco chiaro come il gene piombo a danno delle cellule nervose nel cervello, compreso i gangli basali e la corteccia cerebrale. I ricercatori medici stanno studiandolo per determinare come causa la malattia. Attualmente, non c'è modo fermare o invertire il corso della malattia, che piombo alla morte dopo 10 - 25 anni. Una prova genetica è a disposizione per indicare se una persona ha ereditato il gene, ma la prova non indica alla che età la malattia svilupperà.

“I nostri risultati stanno aprendo un nuovo campo nella medicina molecolare - la medicina preventiva per impedire le patologie,„ Squitieri spiegato. “Il nostro studio suggerisce che ci sia un biomarcatore presintomatico potenziale - un cambiamento volumetrico della materia bianca - che può possibilmente essere usato per il video dei trattamenti neuroprotective,„ ha detto. “Per la prima volta, stiamo fornendo in vivo la prova che le celle glial - le celle complementari nel sistema nervoso centrale - sono coinvolgere nella malattia precoce,„ lui abbiamo notato.

La più ricerca deve essere effettuata e necessità degli scienziati “di passare con la scienza di base trovare la causa biologica reale di tali cambiamenti anatomici del cervello,„ ha detto Squitieri. La perdita del volume della materia bianca può trasformarsi in in un biomarcatore presintomatico potenziale, mentre la perdita del volume della materia grigia (perdita di neuroni) può rappresentare un indicatore della progressione di malattia in persone con Huntington, lui ha detto. Il liquido cerebrospinale aumentato può essere il migliore preannunciatore della fase di malattia. Squitieri ha aggiunto che la partecipazione ed il contributo dei pazienti e delle loro famiglie a questo tipo di studio è determinanti per ulteriore ricerca della malattia.

Oltre a Squitieri, i co-author “di perdita del volume della Bianco-Materia del cervello e di glucosio Hypometabolism precedono i sintomi clinici della malattia di Huntington„ sono Andrea Ciarmiello, M.D. e Secondo Lastoria, M.D., l'unità nucleare della medicina, IRCCS G. Pascale, Napoli, Italia; Milena Cannella, Ph.D. e Maria Simonelli, DPM, unità di Neurogenetics, IRCCS Neuromed, Pozzilli, Isernia, Italia; Luigi Frati, M.D., Ph.D., dipartimento di medicina e di patologia sperimentali, La Sapienza dell'università di Roma, Roma, Italia e IRCCS Neuromed, Pozzilli, Isernia, Italia; e David C. Rubinsztein, M.B., Ph.D., istituto per ricerca medica, l'ospedale di Addenbrooke, Cambridge, Inghilterra di Cambridge.