Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Antibiotico non sufficiente per il trattamento del tracoma in popolazioni con l'alta prevalenza di malattia

Trattando il tracoma, un'infezione di occhio che può piombo a cecità, con una singola distribuzione antibiotica di massa delle comunità etiopiche con alta prevalenza dell'infezione non è efficace nell'eliminazione della malattia, secondo uno studio nell'emissione dell'8 marzo del JAMA: Il giornale di American Medical Association.

Attualmente, il tracoma rimane la causa contagiosa più importante di cecità nel mondo, secondo informazioni di base nell'articolo. Per diminuire questa infezione (dovuto i trachomatis di clamidia), l'organizzazione mondiale della sanità (WHO) ha raccomandato le distribuzioni antibiotiche a livello comunitario come componente della sua strategia per eliminare questa infezione come una preoccupazione di salute pubblica entro l'anno 2020. Le linee guida correnti del WHO raccomandano 3 distribuzioni di massa annuali. È stato suggerito che l'infezione non potrebbe ritornare dopo un singolo trattamento di massa con alta copertura.

Jaya D. Chidambaram, M.B.B.S., dell'università di California, di San Francisco e dei colleghi esaminatori se l'infezione clamidiale oculare ritorna alla comunità a lungo termine dopo un singolo trattamento antibiotico di massa in una regolazione di alto-prevalenza. Otto villaggi in Etiopia sono stati continuati per 24 mesi dal marzo 2003 al marzo 2005 dopo che la ricevuta di singolo trattamento di massa di azithromycin orale d'una sola dose è stata offerta a tutti i residenti che sono stati invecchiati 1 anno o più vecchio. Quindici villaggi non trattati a caso sono stati scelti ed iscritto stati 12 mesi nel programma. I bambini invecchiati 1 - 5 anni sono stati riflessi perché questo gruppo d'età è conosciuto per avere il più alta prevalenza dell'infezione clamidiale oculare nella comunità e può formare un gruppo centrale per la trasmissione.

Cinquecento quindici bambini sono stati esaminati per l'infezione clamidiale oculare al riferimento. Per gli esami di seguito, il tasso di partecipazione medio era 83 per cento. Prima del trattamento, la prevalenza media dell'infezione in bambini invecchiati 1 - 5 anni dal villaggio era 43,5 per cento. Entro 2 mesi dopo il trattamento, la prevalenza media dell'infezione era diminuito a 5,1 per cento, che era significativamente più bassa del riferimento. Entro 24 mesi dopo il trattamento, la prevalenza media dell'infezione era aumentato a 11,3 per cento.

La prevalenza dell'infezione ha variato considerevolmente dal villaggio; 7 dei 8 villaggi hanno avuti più infezione in bambini a 24 mesi che a 2 mesi. Nel villaggio restante, l'infezione in bambini è stata diminuita da 36 per cento al riferimento a 0 durante le tutte e 5 le visite successive. I villaggi iscritti a 12 mesi hanno avuti significativamente meno infezioni che quelli iscritti 12 mesi più in anticipo.

“I nostri risultati indicano che se l'infezione non si elimina da un singolo trattamento antibiotico di massa, quindi prevedibile ritorna nella comunità, almeno in questa [area di alta prevalenza] area hyperendemic in 1 - ai bambini di 5 anni. Tuttavia, l'infezione ritorna lentamente e non si avvicina alla prevalenza del riferimento anche entro 2 anni,„ gli autori scrive. “ha ripetuto i trattamenti o altre misure saranno necessarie per l'eliminazione dell'infezione, come raccomandato dal WHO. Un singolo trattamento non basterà.„