Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Straordinario i tassi alti di malattia mentale non trattata riferiti dagli studi della comunità sono falsi

Secondo la ricerca a livello comunitario ampiamente riferita, quasi la metà della popolazione degli Stati Uniti soffre dalla depressione. Ma la ricerca da due sociologi indica che la percentuale notevolmente è esagerata o è una dichiarazione falsa.

Straordinario i tassi alti di malattia mentale non trattata riferiti dagli studi della comunità sono falsi, dicono Allan V. Horwitz, il professor della sociologia nell'Istituto della Sanità alla Rutgers University e Jerome Wakefield, il professor nel Banco di Lavoro Sociale alla New York University. Gli studi della Comunità contano sullo standard, sulle domande di chiuso-formato circa i sintomi senza il contesto fornito per differenziarsi fra le reazioni allo sforzo di vita normale (cioè, una morte, uno smembramento romantico, lavoro o sforzo del banco) e sulle circostanze patologiche che indicano la malattia mentale clinica.

“Questi numeri sono in gran parte un prodotto delle metodologie di indagine che, di natura, esagerano il numero della gente con la malattia mentale.„ Riferendo i risultati in caricatore di Contesti (Inverno 2006), pubblicato dall'Associazione Sociologica Americana, lo stato degli autori, “Inoltre, perché la gente che avverte le reazioni normali agli eventi stressanti è meno probabile che vero disordinato cercare il primo soccorso, tali domande è limitato per gonfiare i preventivi della tariffa di disordine non trattato.„

Nel Passato, le diagnosi hanno contato sugli studi del trattamento, ma è diventato evidente che il numero dei pazienti curati ha minimizzato il problema per varie ragioni quali mancanza di accesso alle cure e riluttanza a guida appropriata di ricerca. Oggi le domande strettamente strutturate sono utilizzate negli studi della comunità per permettere che i ricercatori diagnostichino meglio una popolazione.

Il problema è che i criteri utilizzati nelle indagini della comunità non sono necessariamente validi per la diagnostica dei disturbi mentali. Una ragione per questa è quella gente auto-selezionata quando cerca il trattamento ed usa il loro giudizio per decidere se le loro sensibilità superano le risposte normali agli eventi stressanti. In Secondo Luogo, i clinici fanno i giudizi contestuali quando diagnosticano i pazienti perché alcuni sintomi depressivi potrebbero accadere come risposta normale ad una perdita di processo o di matrimonio che disfa. Nelle indagini, gli intervistatori sono vietati di giudicare la validità di una risposta o di discutere l'intenzione di una domanda. Inoltre, i criteri della durata delle indagini della comunità richiedono soltanto che i sintomi durino almeno due settimane, causando i problemi transitori ed autocorrettivi da contare come disordini.

“Contrariamente alle impostazioni cliniche,„ dica Horwitz e Wakefield, “a diagnosi basate a sintomo negli studi della comunità considerano ognuno che riferisca abbastanza sintomi come avendo il disturbo mentale della depressione. I Sintomi che non richiederebbero il trattamento possono tuttavia qualificarsi come disordine in un'indagine della comunità.„

“Le indagini della Comunità potrebbero risposte normali più adeguatamente separate alle situazioni stressanti dai disturbi mentali comprendendo le domande circa il contesto in cui i sintomi si sviluppano e persistono,„ dicono Horwitz e Wakefield. La decisione per non comprendere i criteri contestuali nelle indagini della comunità, speculano, potrebbero riguardare non solo con risparmio di temi e la praticità ma anche resistenza al cambiamento dai gruppi che traggono giovamento dai tassi alti di problemi sanitari di salute mentale.

Ci sono una serie di ragioni per cui questi tassi alti sono perpetuati. Uno è che il supporto politico è più probabile per un'agenzia votata all'impedire ed a trattare una malattia diffusa quale l'Istituto della Salute mentale Nazionale. Un'Altra ragione è che le ditte farmaceutiche sfruttano questi risultati di indagine per estendere i loro servizi. La crescita esplosiva nelle vendite degli antideprimente può indicare la sua efficacia. Infine, reclamo di disposizione dei gruppi di pressione alla prevalenza dei disturbi mentali. Uguagliano milioni di persone che le indagini identificano con i disordini con i disturbi mentali seri per diminuire la distanza sociale fra mentalmente il disordinato ed altri, quindi abbassanti il marchio di infamia. Ciò può ostacolare soltanto vero reso non valido spostando le risorse da dove è vero necessaria.

http://www.asanet.org