Una mappa della selezione positiva recente nel genoma umano

Scandendo l'intero genoma umano alla ricerca delle variazioni genetiche che possono segnalare l'evoluzione recente, i ricercatori dell'università di Chicago hanno trovato più di 700 varianti genetiche che possono essere obiettivi della selezione positiva naturale recente durante i 10.000 anni scorsi di evoluzione umana.

In una delle prime scansioni complete del genoma per la selezione, i ricercatori hanno trovato la prova diffusa di evoluzione in tutte popolazioni studiata. I loro risultati sono pubblicati e liberamente accessibile in linea nella biologia di PLoS del giornale di aperto Access.

I dati analizzati qui sono stati raccolti dal progetto internazionale HapMap e consistono dei dati genetici da 209 persone indipendenti che sono raggruppate in tre popolazioni distinte: 89 asiatici orientali, 60 europei e 60 Yorubans dalla Nigeria. I ricercatori hanno trovato approssimativamente lo stesso numero dei segnali della selezione positiva all'interno di ogni popolazione. Egualmente hanno trovato che ogni popolazione divide circa un quinto dei segnali con uno o di entrambi gli altri gruppi.

“Questo approccio permette che noi catturiamo un vasto futuro per vedere che generi di sistemi biologici stanno subendo l'adattamento,„ ha detto Jonathan Pritchard, professore della genetica umana ed autore corrispondente del documento. “C'è stato molto arrivo recente dei cambiamenti- dell'agricoltura, le variazioni nella dieta, nuovi habitat, climatici condizione-sopra i 10.000 anni scorsi e stiamo usando questi dati per cercare quei segnali di adattamento molto recente.„

Fra i più di 700 segnali il gruppo trovato era precedentemente siti conosciuti di adattamento recente, quali al il gene sale sensibile di ipertensione e segnale del gene- della lattasi il più forte nella caccia del genoma. La mutazione della lattasi, che permette alla digestione di latte di continuare nell'età adulta, è comparso in circa 90 per cento degli europei.

“Presumibilmente,„ Pritchard ha detto, “alcuni tra mille anni, se la pressione di selezione rimane la stessa, ognuno avrà [la mutazione selezionata].„

Classificando tutti i geni dalle loro funzioni biologiche, i ricercatori hanno quotato le 16 categorie principali che hanno avute i più forti segnali, compreso l'olfatto (l'odorato), trattamenti e metabolismo dei carboidrati in relazione con la riproduzione, che include il gene della lattasi.

Altri trattamenti che mostrano i segnali della selezione includono i geni relativi a metabolismo dei composti non Xeros, dello sviluppo del cervello e della morfologia. Per esempio, i ricercatori hanno trovato cinque geni coinvolgere nella pigmentazione dell'interfaccia che mostrano la prova della selezione positiva in europei. “Soltanto uno di questi cinque segnali è stato conosciuto prima,„ Pritchard ha detto. Gli autori egualmente hanno trovato i segnali della selezione riproduttiva e della concorrenza sessuale in tutte e tre le popolazioni.

“Molti dei segnali, tuttavia, sembrano essere più specifici ad adattamento umano moderno,„ ha detto, “come la pigmentazione dell'interfaccia, che può rispondere ai cambiamenti in habitat, o i geni del metabolismo, come lattasi, che può rispondere ai cambiamenti nell'agricoltura.„