Il danno conoscitivo sembra essere comune nella malattia di Lou Gehrig

In uno studio di 40 pazienti con la sclerosi laterale amiotrofica (ALS), circa un terzo ha mostrato la prova di danno conoscitivo, ma questi deficit non sono sembrato essere collegati con la sopravvivenza, secondo uno studio nell'emissione di marzo degli archivi della neurologia.

Il ALS, citato comunemente come malattia di Lou Gehrig, è un disordine progressivo caratterizzato dalla perdita di funzione di muscolo e dell'atrofia (che spreca via) del tessuto del muscolo. Il ALS è soprattutto un disordine che comprende i motoneuroni, che il controllo muscles e movimento nell'organismo, ma la nuova prova suggerisce che anche possa avere un impatto su cognizione (pensando, imparando e memoria), secondo informazioni di base nell'articolo. La ricerca precedente ha stimato che dovunque 2 - 52 per cento dei pazienti con ALS egualmente avvertissero il danno conoscitivo.

Gregory A. Rippon, M.D., M.S. e colleghi all'istituto universitario di Columbia University dei medici e dei chirurghi, New York, ha analizzato 40 pazienti consecutivi con ALS che sono stati valutati agli uffici dei neurologi fra agosto 1991 e agosto 1992. I partecipanti hanno subito gli esami e prova per misurare il loro funzionamento conoscitivo e per verificare la diagnosi e la cronologia della loro malattia, includenti se i sintomi in primo luogo fossero individuati in muscoli della gola, la mascella, la linguetta o la fronte di taglio (inizio bulbare) o le quelle nelle armi (inizio dell'arto). I ricercatori hanno selezionato un gruppo di controllo di 80 persone senza ALS, abbinato ai pazienti di ALS dall'età, genere e la formazione, da una serie di pazienti si è riferita ad una clinica di disturbo della memoria dal 1992 al 2003.

Dei 40 pazienti con ALS, 12 (30 per cento) hanno mostrato la prova di danno conoscitivo, compreso nove (23 per cento) chi ha risposto ai criteri per demenza. Non c'erano differenze significative fra i pazienti di ALS che hanno avuti demenza e coloro che non ha fatto in termini di età, sesso, formazione, sito dell'inizio, perdita di memoria, stabilità emozionale, severità della malattia o storia della famiglia. I pazienti di ALS ed i partecipanti di controllo hanno avuti risultati simili sulle prove conoscitive, sebbene i pazienti con ALS più severo mostrassero un declino nella capacità di espressione orale oltre che cosa sarebbe stato associato con le difficoltà del motore che pregiudicano i muscoli di discorso. I dati di sopravvivenza dalle cartelle sanitarie pubbliche ed erano disponibili nel gennaio 2004 per 38 di 40 pazienti con ALS, che ha vissuto una media di 3,4 anni dopo le prove. Il danno e la demenza conoscitivi non sono sembrato essere associati con la sopravvivenza.

“In conclusione, facendo uso di una batteria convenzionale della prova, 30 per cento di una serie consecutiva di pazienti con ALS hanno dimostrato il danno conoscitivo e quasi un quarto si è qualificato per una diagnosi neuropsychologic di demenza,„ gli autori scrive. “Il richiamo libero, la funzione esecutiva e nominare più sono stati alterati nei pazienti di ALS con demenza.„ Gli studi di futuro facendo uso della prova e dei criteri diagnostici specifici a demenza lobare frontotemporal, il tipo creduto di essere associato con ALS ed altre malattie del motoneurone, possono trovare che la percentuale dei pazienti di ALS con danno o demenza conoscitivo sia ancora più alta, essi concludono.