Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il ruolo dello zinco nel morbo di Alzheimer

Lo zinco può essere un supplemento dietetico esperto a milioni di gente salubrità consapevole, ma rimane un metallo di mistero agli scienziati che studiano il ruolo dello zinco nel morbo di Alzheimer, nel colpo ed in altri problemi sanitari.

Stanno cominciando appena ad immaginare come l'organismo tiene i livelli di zinco sotto il controllo preciso che compita la differenza fra salubrità e la malattia.

I ricercatori ora hanno sviluppato un metal detector biochimico per aiutare la crepa il mistero. È un biosensore che ha reso le prime misure degli importi minuscoli delle celle viventi interne ordinariamente attuali dello zinco.

Lo studio compare nella questione attuale di biologia chimica di ACS, il più nuovo di 34 pubblicazioni pubblicate dalla società di prodotto chimico americano, la più grande organizzazione scientifica del mondo.

È stato condotto da Rebecca A. Bozym e Richard B. Thompson, Ph.D. del dipartimento della biochimica e biologia molecolare, scuola di medicina dell'università del Maryland, Baltimora ed Andrea K. Stoddard e canto natalizio A. Fierke, Ph.D. del dipartimento di chimica, università del Michigan, Ann Arbor.

La domanda della quanta zinco è disponibile in una cella è emerso alla prima linea di biologia chimica, Amy R. Barrios, Ph.D., dell'università della California del Sud, Los Angeles, ha scritto in un punto di vista accompagnante nella biologia del prodotto chimico di ACS.

I quartieri ispanici hanno descritto la nuova ricerca come tappa critica in avanti ed hanno predetto le molte altre innovazioni emozionanti nei livelli di misurazione di metalli in cellule umane.

Appena 2-3 grammi di zinco (il peso di una moneta del penny) esistono nell'intero corpo umano. Il metallo è una particella elementare chiave in enzimi ed in altre sostanze in questione nel funzionamento del sistema nervoso, della risposta immunitaria e del sistema riproduttivo.

Crediamo che questa nuova tecnica possa aiutarci a capire come lo zinco è compreso nella formazione di placche nel morbo di Alzheimer, come gli attacchi o le cellule cerebrali prolungati di uccisione del colpo e come la cella assegna normalmente lo zinco alle proteine differenti, ha detto Thompson.

Thompson ha spiegato che quasi tutto lo zinco dentro le celle è incorporato nelle proteine, in cui svolge molti ruoli vitali, come contribuire a leggere il codice genetico di DNA.

Sappiamo che se c'è molto zinco nella cella che non è fissata a proteina o “il cosiddetto zinco libero„ altrimenti incapsulato la cella è sollecitato o può subire la morte programmata delle cellule. Ciò è stata osservata nei modelli animali dell'epilessia e del colpo.

Nel passato, gli scienziati potrebbero misurare soltanto relativamente gli alti livelli di zinco in celle malate. La nuova tecnologia di percezione può misurare le concentrazioni libere molto basse nello zinco in celle in buona salute.

La tecnica usa una molecola di proteina speciale che ri-è stata costruita per riferire quando lo zinco è attaccato a come cambiamento nella luminescenza che può essere veduta nel microscopio. Questa proteina (originalmente trovata in globuli) è molto selettiva, riconoscendo i livelli minuscoli di zinco libero anche in presenza dei livelli elevati del milione-popolare di altri metalli presenti in celle, quali calcio o magnesio.

Poiché i livelli adeguati dello zinco sono così importanti nella salubrità e nella malattia, gli scienziati stanno cercando i modi di misurazione dello zinco interni ed esterni delle celle per più di una decade.

Ciò è una scoperta importante, ha detto Sara B. Tegen, Ph.D., direttore editoriale di biologia del prodotto chimico di ACS. Dobbiamo sapere i livelli di comandi dell'organismo di zinco dentro le celle. Troppo zinco può uccidere le cellule nervose. Con troppo poco, le cellule nervose non lavoreranno correttamente.

Ora abbiamo un metal detector, la tecnologia che può misurare gli importi minuscoli di zinco in celle viventi. La comprensione come lo zinco è memorizzato e rilasciato in celle differenti in tutto l'organismo può aiutarci a capire alcuno del danno del nervo che si presenta durante un colpo e le altre lesioni del nervo.