Il plesso coroidico impedisce l'accumulazione di placca relativa al morbo di Alzheimer

I ricercatori hanno scoperto che un organo nel cervello ha chiamato il plesso coroidico apparentemente svolge un ruolo critico nell'impedire la capitalizzazione di una proteina connessa con il morbo di Alzheimer.

I ricercatori hanno trovato che il plesso coroidico funge da una specie di quel “a rete„ bloccaggi la proteina, ha chiamato l'beta-amiloide e lo impedisce costruzione nel liquido cerebrospinale, che circonda e bagna il cervello ed il midollo spinale. Inoltre, il tessuto nell'organo può assorbire un gran numero di proteina e può contenere gli enzimi capaci della digestione dell'beta-amiloide, ha detto Wei Zheng (modo pronunciato Zsheng), un professore associato nel banco delle scienze di salubrità alla Purdue University.

I risultati rappresentano la prima volta che i ricercatori hanno identificato l'esistenza potenziale di un meccanismo naturale nel cervello per eliminare l'beta-amiloide.

“Questa via recentemente scoperta può contribuire a spiegare come i cervelli normali saldano questa proteina e come uno squilibrio causato invecchiando, genetico o i fattori ambientali possono piombo a o peggiorare morbo di Alzheimer,„ Zheng ha detto.

I ricercatori già avevano saputo che il liquido cerebrospinale nei cervelli dei pazienti di Alzheimer contiene le quantità anormalmente alte di frammenti dell'beta-amiloide. i giacimenti dell'Beta-amiloide si accumulano durante gli anni, con conseguente mucchi anormali, o la placca, tipica del morbo di Alzheimer. Gli scienziati ancora non sanno se la malattia è causata dalle formazioni della placca o dagli beta-amiloidi stesse.

La scoperta suggerisce che un plesso coroidico funzionante male potrebbe permettere che troppa della proteina si accumuli nel cervello.

I risultati sono dettagliati in una pubblicazione scritta dal socio di ricerca postdottorale Janelle S. Crossgrove, collega postdottorale G. Jane Li e Zheng, tutto nel banco di Purdue delle scienze di salubrità. I ricercatori saranno onorati il 2 aprile con un il migliore premio di carta dalla società per biologia e medicina sperimentali.

Gli scienziati non sanno l'beta-amiloide è depositato nei cervelli delle vittime del morbo di Alzheimer, ma una teoria di lunga data è che la proteina overproduced invecchiando le cellule cerebrali, o neuroni.

“Stiamo venendo da un punto di vista completamente differente,„ Zheng ha detto. “Pensiamo che un bilanciamento di beta-amiloide sia mantenuto parzialmente dal plesso coroidico, che elimina l'beta-amiloide e che questo bilanciamento riparte, piombo ad un'accumulazione.„

La maggior parte della ricerca di Alzheimer si è concentrata storicamente su come il cervello produce la proteina dell'beta-amiloide, ma i nuovi risultati indicano l'importanza possibilmente critica del trattamento “di immondizia-rimozione„ nel plesso coroidico, Zheng ha detto.

“Pensiamo i giochi del plesso coroidico un ruolo di eliminazione di tutta l'immondizia, compreso l'beta-amiloide,„ Zheng ha detto.

La ricerca ha messo a fuoco su come il plesso coroidico funziona per liberare l'beta-amiloide dal liquido cerebrospinale. Gli studi facendo uso dei cervelli del ratto hanno indicato che le celle coroidiche hanno eliminato un beta-amiloide di circa cinque volte di più da liquido cerebrospinale confrontato a cui della proteina le celle hanno ammesso di trasformarsi il liquido.

“Questi risultati sembrano dirci che che un plesso coroidico sano possa eliminare l'beta-amiloide dal liquido cerebrospinale, suggerente una via novella affinchè il cervello mantenga un bilanciamento normale,„ Zheng ha detto. “Naturalmente, molto più lavoro deve essere fatto per verificare questa teoria.„

I ricercatori egualmente hanno trovato che il plesso coroidico possiede una capacità enorme di assorbire gli beta-amiloidi. I risultati supportano la teoria che il plesso coroidico può possedere un enzima speciale che rompe gli beta-amiloidi nei più piccoli pezzi, permettente di assorbire un gran quantità di proteina.

“Il tessuto deve avere un meccanismo unico che è differente dalle cellule cerebrali, qualcosa che gli permetta di tagliare su che questi beta-amiloidi a pezzi,„ Zheng ha detto.

La ricerca futura può mettere a fuoco sugli sforzi per isolare gli enzimi possibili.

Zheng ha detto che i risultati suggeriscono che invecchiare potesse degradare la prestazione dell'organo ed è egualmente possibile che il saturnismo potrebbe aumentare il rischio di morbo di Alzheimer danneggiando il plesso coroidico e diminuendo la sua capacità di filtrare gli beta-amiloidi.

Il morbo di Alzheimer pregiudica più di 4 milione Americani ed i risultati potrebbero aiutare i ricercatori a mettere a punto i nuovi metodi per trattare la malattia. La pubblicazione è stata pubblicata il novembre scorso nella biologia e nella medicina sperimentali del giornale.