Mangi di meno, più lungo in tensione!

Secondo i ricercatori diminuire le calorie può significare molto bene che avete una vita più lunga.

Gli Scienziati già hanno prova che suggeriscono che la durata massima prolungata di aumenti della restrizione di caloria in roditori ed i ricercatori alla Louisiana State University a Baton Rouge siano stati interessati per vedere se la restrizione prolungata di caloria ha pregiudicato i biomarcatori della longevità in esseri umani.

Il Dott. Eric Ravussin ed il suo gruppo hanno iscritto il peso eccessivo sano 48 ma non obeso, gli uomini e le donne ad una prova di 6 mesi per esaminare gli effetti di riduzione di caloria.

Gli uomini e le donne sono stati definiti ad uno di quattro gruppi: un gruppo di controllo, che ha seguito una dieta normale; un gruppo di restrizione di caloria, che ha ricevuto 25 per cento meno calorie che il requisito quotidiano; un terzo gruppo, che ha esercitato e diminuito le assunzioni di caloria (restrizione di caloria di 12,5 per cento e 12,5 per cento di aumento nel dispendio energetico); o un gruppo che ha ricevuto molto una dieta ipocalorica, cominciando da 890 kcal un giorno e poi è aumentato per mantenere una perdita di peso di 15 per cento.

I ricercatori hanno trovato che dopo 6 mesi, mentre i pazienti nel gruppo di controllo hanno perso circa 1 per cento del loro peso, entrambi i gruppi della restrizione di caloria hanno perso circa 10 per cento del loro peso con o senza l'esercizio, mentre quelli sulla dieta ipocalorica stessa hanno perso quasi 14 per cento del loro peso.

I ricercatori egualmente hanno trovato i più bassi livelli di sangue di insulina dopo il digiuno e una temperatura corporea più bassa in tutti i partecipanti che hanno intrapreso un regime limitato di caloria.

I livelli dell'insulina di temperatura corporea e di sangue sono considerati indicatori della longevità ed è stato indicato sia in animali che in esseri umani che quelli con la temperatura corporea più bassa tendono a vivere più lungamente, come fa quelli con i più bassi livelli di digiuno dell'insulina.

Egualmente è stato trovato che meno danno del DNA è sembrato accadere in pazienti con le assunzioni con poche calorie.

I ricercatori dicono che i risultati suggeriscono che la restrizione prolungata di caloria in esseri umani supporti la teoria che la tariffa metabolica è diminuita oltre il livello atteso dal Massachusetts metabolico diminuito dell'organismo.

Ma credono che gli studi sulla durata più lunga siano necessari determinare se la restrizione di caloria attenua il trattamento di invecchiamento in esseri umani.