Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli Statins possono potere svolgere un ruolo nell'impedire o nel rallentamento della malattia della valvola cardiaca

La Ricerca da pubblicare nell'edizione del 18 aprile del Giornale dell'Istituto Universitario Americano della Cardiologia fornisce la prima spiegazione di un attivo piuttosto che il trattamento di passivo quello piombo alla valvola cardiaca la degenerazione, avanzante lo sforzo di un ricercatore Nordoccidentale per piombo una variazione di paradigma nelle credenze della comunità medica circa la causa della malattia della valvola.

La malattia della Valvola cardiaca è causata non “da un fenomeno di usura„, ma da un trattato infiammatorio probabilmente avviato da ricco in colesterolo che stimola le celle sicure riprogrammare nelle celle di osso nelle celle della cartilagine e della valvola aortica nella valvola mitrale, dice il ricercatore principale Nalini Rajamannan, MD, recentemente nominato Direttore del Centro per la Malattia della Valvola Cardiaca nell'Istituto Cardiovascolare di Bluhm dell'Ospedale Commemorativo Nordoccidentale e assistente universitario di medicina, Scuola di Medicina di Feinberg di Northwestern University, che ha esaminato le valvole mitrali ed aortiche malate rimosse durante la chirurgia per lo studio.

“La saggezza Comune in comunità medica è stata che sempre quella l'ispessimento delle valvole mitrali fa parte del trattamento di invecchiamento come depositi di calcio, un minerale trovato nel sangue, sviluppato sulle valvole. Di Conseguenza, la ricerca non ha messo a fuoco mai sull'impedire il problema,„ dice il Dott. Rajamannan. “Corrente la sola opzione è di riparare o sostituire chirurgicamente le valvole nocive. I Nostri risultati aprono la porta all'idea che le terapie mediche quali gli statins possono potere svolgere un ruolo nell'impedire o nel rallentamento del trattamento e nell'accorciamento dell'esigenza di chirurgia.„

La Valvulopatia è sull'aumento con l'invecchiamento della popolazione degli Stati Uniti ed è in secondo luogo soltanto alla coronaropatia come causa per chirurgia a cuore aperto. La malattia della Valvola cardiaca piombo ogni anno a 100.000 ambulatori negli Stati Uniti per riparare o sostituire le valvole nocive. La malattia della valvola Mitrale è una causa principale della fibrillazione atriale, che è un colpevole importante in colpi e infarto. La malattia della valvola Aortica può piombo ad infarto, l'aritmia, infezioni nel cuore e la morte improvvisa può accadere in 15 - 20 per cento della gente che ha sintomi.

Il Dott. Rajamannan ha messo a fuoco la sua ricerca per i sette anni scorsi sull'avanzamento della conoscenza dei meccanismi della malattia della valvola aortica e mitrale facendo uso dei modelli e degli studi animali dell'essere umano. “Ho voluto sapere perché le valvole malate hanno avute sono state indurite con un aspetto biancastro vetroso - completamente differente che il tessuto sano, che ha indicato a me che la struttura reale delle valvole era cambiato,„ lei dice. Il Dott. Rajamannan ha ricevuto oltre $750.000 nelle concessioni dal NIH e dall'Associazione Americana del Cuore per perseguire questa ricerca.

Il laboratorio del Dott. Rajamannan era il primo per trattare gli animali con le calcificazioni in valvole cardiache con i farmaci chiamati statins, le stesse droghe che corrente sono usate per trattare ricco in colesterolo. In uno studio pionieristico iniziale, gli animali trattati con gli statins hanno avuti significativamente meno malattia della valvola cardiaca che gli animali di controllo che non sono stati trattati. I risultati dagli studi sugli animali ed ora con le valvole umane dimostrano che la valvulopatia ha una biologia attiva che può essere trattata con i farmaci simili a quello della coronaropatia.

“Come con la maggior parte della gente nel campo che sente parlare di questa ricerca, sono stato sorpreso quando le osservazioni uniche del Dott. Rajamannan hanno indicato che il trattamento di degenerazione della valvola è invece un trattamento attivo, collegato ad infiammazione ed a crescita cellulare,„ dice Robert Bonow, il MD, co-direttore dell'Istituto Cardiovascolare di Bluhm. “Le notizie emozionanti sono che questa riga di ricerca suggerisce che ci possano essere trattamenti medici in futuro che potrebbero qualsiasi ossequio questo trattamento di malattia.„

Questa ricerca è stata completata con il supporto di una Sovvenzione Americana di Associazione del Cuore (0350564Z) e di una concessione dagli Istituti degli STATI UNITI della Sanità Nazionali (1K08HL073927-01).

La ricerca del Dott. Rajamannan sarà descritta all'Istituto Universitario Americano dei Summit 2006 della Valvola Cardiaca della Cardiologia che sono tenuti 15-17 giugno in Chicago, che riunirà vari dei cardiologi principali e dei chirurghi cardiaci del mondo per fornire una rassegna completa degli avanzamenti recenti nel trattamento della valvulopatia.

http://www.nmh.org