Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori sviluppano il modello per valutare il rischio di carcinoma della prostata

I ricercatori hanno sviluppato un modello per predire il carcinoma della prostata per gli uomini che subiscono una biopsia della prostata. I dettagli del calcolatore di rischio compaiono nel giornale dell'istituto nazionale contro il cancro.

Cinquanta per cento degli uomini negli Stati Uniti subiscono la selezione regolare per il carcinoma della prostata, facendo uso di una prova che misura i livelli di antigene prostata-specifico (PSA), una proteina secernuta dalla ghiandola di prostata. Tuttavia, ricerca recente che esamina i livelli di PSA dopo che una biopsia della prostata ha rivelato che il livello di PSA non è un preannunciatore molto accurato del rischio di carcinoma della prostata. Il carcinoma della prostata può accadere quando i livelli di PSA sono “normale.„ Altre variabili, quale storia della famiglia, età, corsa ed esame rettale digitale (DRE) risulta egualmente gioco un ruolo nella valutazione del rischio di carcinoma della prostata.

Per valutare meglio il rischio di carcinoma della prostata, Ian M. Thompson, M.D., del centro di scienza di salubrità dell'università del Texas a San Antonio ed i colleghi ha analizzato le informazioni su 5519 uomini invecchiati 55 o più vecchio dal gruppo del placebo della prova di prevenzione di carcinoma della prostata (PCPT). Gli uomini nel PCPT sono stati seguiti per 7 anni, ricevendo la selezione regolare di PSA e DREs annualmente. Se le prove fossero anormali, gli uomini hanno subito una biopsia della prostata per controllare per vedere se c'è carcinoma della prostata. Gli uomini egualmente hanno subito le biopsie alla conclusione dello studio se non avessero subito una biopsia durante lo studio. I ricercatori hanno usato i vari controlli statistici per analizzare i risultati di biopsia, la storia della famiglia di carcinoma della prostata, la corsa, l'età, i risultati rettali dell'esame e la cronologia precedente di biopsia.

Gli autori hanno usato le equazioni generate dalla loro analisi per sviluppare un calcolatore di rischio che può essere utilizzato per valutare il rischio di una persona di carcinoma della prostata. Il calcolatore di rischio è accessibile in linea e può essere usato per calcolare il rischio di carcinoma della prostata e la malattia di prima scelta per gli uomini di 50 anni o e più vecchio chi non hanno cronologia precedente di carcinoma della prostata e chi hanno avuti la selezione recente di PSA e prove di DRE.

Gli autori scrivono, “variabili di usi di questo di rischio modello del calcolatore che vanno oltre soltanto il livello di PSA per aiutare i pazienti ed i medici a decidere se una biopsia della prostata dovrebbe essere eseguita. Anticipiamo che l'area di modellistica di rischio di cancro - compreso l'incorporazione di nuove variabili di rischio e la comprensione del processo decisionale paziente - avrà un impatto clinico misurabile nel corso di prossimi anni.„

In un editoriale accompagnante, H. Ballentine Carter, M.D., della scuola di medicina di Johns Hopkins a Baltimora, alleva le preoccupazioni circa sopra il trattamento di carcinoma della prostata se il modello fosse di prendere le varietà non letali di carcinoma della prostata. Scrive, “in assenza degli indicatori accurati della malattia pericolosa, io non crede che i medici dovrebbero approvare tutto l'approccio a predire il rischio di carcinoma della prostata che è probabile aumentare la diagnosi dei cancri biologicamente poco importanti. Una volta che abbiamo la capacità di valutare i fattori di rischio multipli (per esempio, PSA o altri nuovi indicatori) in popolazioni per cui i risultati a lungo termine sono conosciuti, gli approcci come quello descritto da Thompson, et al. contribuiranno ad identificare quegli uomini che trarranno giovamento dal trattamento attivo.„