Gli scienziati chiariscono il ruolo della fosfatasi e del gene soppressore omologo del tumore di tensin

Jiwang Zhang, Ph.D., precedentemente un socio di ricerca senior all'istituto di Stowers per ricerca medica e Linheng Li, Ph.D., ricercatore del socio, è accreditato come i primi ed ultimi autori, rispettivamente, su un documento che evidenzia parecchie funzioni precedentemente sconosciute dell'omologo di tensin e della fosfatasi (PTEN), gene soppressore importante del tumore.

I risultati, pubblicati sul sito Web della natura il 23 aprile, hanno identificato una via intrinseca che comprende PTEN che aiuta il controllo le transizioni che le cellule staminali fanno fra gli stati tranquilli e attivi. I risultati dimostrano l'importanza dello stato “attivato„ intermedio che descrive le cellule staminali che sono fra gli estremi di stasi ed il riciclaggio rapido. PTEN funziona per decidere se progredire più ulteriormente comunque il ciclo cellulare o ritornare ad uno stato tranquillo (G0). PTEN d'interruzione in cellule staminali provoca più attivo che cicla e una perdita del gruppo tranquillo di cellule formative che è necessario per manutenzione a lungo termine della cellula staminale.

PTEN può essere fosforilato in risposta ad altri segnali che modulano la sua funzione. Il lavoro del laboratorio di Li ha dimostrato le popolazioni distinte delle cellule staminali hematopoetic (HSCs) con i moduli fosforilati e unphosphorylated di PTEN, suggerenti che la fosforilazione di PTEN potesse essere “un sensore„ che potrebbe contribuire ad integrare le indicazioni esterne con l'opzione di stasi/attivazione di HSC.

“Sebbene la mutazione primaria si presenti in cellule staminali, piombo all'espansione a breve termine delle cellule staminali normali, questa mutazione da solo non è abbastanza per supportare l'espansione illimitata o del normale o cellule staminali del cancro,„ ha detto il Dott. Li. “Una mutazione secondaria quindi è richiesta di autorizzare le celle di leucemia derivando da questa mutazione per subire l'espansione illimitata. L'esplorazione della natura della mutazione secondaria, insieme alla mutazione primaria in PTEN, può contribuire a capire che l'abilità di auto-rinnovo delle cellule staminali e forse identifichi le nuove molecole che possono essere mirate a per fornire l'efficace trattamento di leucemia senza avversamente pregiudicare le cellule staminali normali.„

“Promessa della tenuta delle cellule staminali grande per il trattamento di molte malattie umane,„ ha detto Robb Krumlauf, il Ph.D., Direttore scientifico. “Ma l'offerta limitata dell'organismo delle cellule staminali adulte e la nostra incapacità corrente ampliare le cellule staminali fuori dell'organismo hanno creato i gravi ostacoli importanti nello sviluppare le terapie pratiche. Questi risultati, accoppiati con il lavoro più in anticipo del Dott. Li, stanno introducendoci più vicino a tradurre questa ricerca nelle terapie attese da tempo.„

Gli autori di contributo supplementari dall'istituto di Stowers includono Justin Grindley, il Ph.D., socio di ricerca senior; Tenaglie Yin, Ph.D., socio di ricerca postdottorale; Sachintha Jayasinghe, gestore del laboratorio I; Cici lui, specialista di ricerca II; Jason Ross, ricercatore di Predoctoral; Jeffrey Haug, amministratore delegato - funzione di Cytometry; Alba Rupp, tecnico di ricerca II; Portatore-Westpfahl di Kimberly, tecnico di ricerca I; Leanne Wiedemann, Ph.D., scienziato del personale. Hong Wu, Ph.D. all'università di California a Los Angeles egualmente ha contribuito all'articolo.

“Questa pubblicazione era un vero sforzo cooperativo, che non sarebbe stato possibile senza i contributi di DRS. Grindley, lui e Yin ed i membri del Cytometry svuotano la funzione,„ hanno detto il Dott. Li. “Nessuno può catturare il credito per questi risultati, in modo da siamo molto fortunati avere così gruppo dedicato dei collaboratori qui all'istituto di Stowers.„