Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Maggior rischio di suicidio per gli alcoolizzati con i disturbi di personalità

Gli Alcoolizzati con un disturbo borderline di personalità sono al più grande rischio per comportamento suicida.

Gli Alcoolizzati che vivono da solo sono egualmente ad ad alto rischio

  • Rispetto alla popolazione in genere, le persone ai disordini di alcool-uso (AUDs) hanno un rischio significativamente maggior di tentativi di suicidio.
  • La Nuova ricerca esamina l'impatto di tutti i disturbi di personalità (PDs) sul rischio di tentativo di suicidio fra le persone con AUDs.
  • Gli Alcoolizzati con un disturbo borderline di personalità e coloro che vive da solo sono all'elevato rischio.

Rispetto alla popolazione in genere, le persone ai disordini di alcool-uso (AUDs) hanno un rischio significativamente maggior di tentativi di suicidio. Fino a 40 per cento dei pazienti alla ricerca di trattamento con il rapporto di AUDs che ha suicidio tentato, che è sei - 10 volte maggior dei tentativi di suicidio fra la popolazione in genere. Nell'emissione di Maggio di Alcolismo: La Ricerca Clinica & Sperimentale, ricercatori esamina l'impatto dell'intervallo completo dei disturbi di personalità (PDs) sul rischio di tentativo di suicidio fra le persone con AUDs, trovante che quelle con il PALLADIO d'avvenimento limite e di alcolismo hanno l'elevato rischio.

“Abbiamo saputo dalla ricerca precedente che sia la dipendenza che i disturbi di personalità dell'alcool sono fattori di rischio significativi per comportamento suicida,„ abbiamo detto Ulrich W. Preuss, assistente universitario della psichiatria all'Martin-Lutero-Università di Halle, Germania. “Tuttavia, come ciascuno pregiudica l'altro o interagisce insieme, questo non è stato ricercato.„

Kenneth R. Conner, professore associato della psichiatria all'Università di Centro Medico di Rochester, concorda. “Ci sono dati scarni sul contributo della maggior parte dei disturbi di personalità al suicidio tentato fra le persone curate intensivamente per dipendenza dell'alcool, una popolazione ad alto rischio,„ ha detto. “Questo studio è altamente insolito in quanto tutti disturbi di personalità correnti sono stati valutati facendo uso di un'intervista credibile della ricerca in un grande campione alcoldipendente.„

I Ricercatori hanno reclutato 376 (303 maschi, 73 femmine) ricoverati da un reparto del trattamento di alcool-dipendenza in Germania. Tutti I pazienti erano 18 anni o più vecchi. I partecipanti di Studio sono stati valutati da parecchi strumenti, compreso la Classificazione Internazionale delle Malattie, il Sistema Diagnostico ed il Manuale Statistico dei Disturbi Mentali - la Quarta Edizione (DSM-IV), la Valutazione Semi-Strutturata sulla Genetica nell'Alcolismo e l'Intervista Clinica Strutturata per i Disordini di Asse II di DSM-IV. Le diagnosi di Disturbo di personalità sono state divise in tre cluster: A (paranoico, schizoide, schizotypal); B (istrionico, narcistico, limite, antisociali); e C (avoidant, dipendente, ossessivo, depressivo, negativistic).

I Risultati indicano che 55 per cento dei pazienti hanno avuti un PALLADIO e circa 25 per cento hanno avuti una cronologia almeno di un tentativo di suicidio.

“Tutti I disturbi di personalità, da tutti i cluster, aumentano il rischio per comportamento suicida fra gli alcoolizzati,„ ha detto Preuss. “Gli Oggetti che hanno il cluster la B PDs - che includono narcistici, istrionico, il limite e PDs antisociale - sono al rischio particolare. Ancora, considerando parecchi fattori di rischio conosciuti - quali la depressione, lo stato civile, l'aggressione ed i tratti impulsivi - statisticamente parlando, gli oggetti con il PALLADIO limite e coloro che vive da solo sono all'elevato rischio.„

Preuss e Conner hanno descritto un PALLADIO limite come uno schema dominante o duraturo di comportamento autodistruttivo caratterizzato da un'instabilità delle relazioni interpersonali, una tendenza ad avvertire acutamente che intensivamente le emozioni negative quali tristezza o rabbia - sia, l'auto-immagine difficile, il profondo inizio di impulsivity dall'età adulta iniziale e presentazione in vari contesti e un'incertezza dei suoi valori e scopi.

“Le persone Alcoldipendenti che vivono da solo spesso sono separate o divorziate dai loro coniugi dovuto il loro alcolismo,„ Preuss celebre. “Ancora, sono significantly more spesso disoccupato ed hanno una prospettiva difficile nella vita. Ciò ha potuto piombo ad un'assunzione ancora più alta dell'alcool e successivamente a più mancanza di speranza, depressione ed isolamento del sociale. Insieme alla loro situazione socioeconomica difficile, un evento secondario - quale difficoltà con le autorità o i vicini - è spesso abbastanza per precipitare il comportamento suicida. Questi oggetti si ubriacano Molto spesso prima che il tentativo di suicidio.„

“Fra le persone con una cronologia di uno o più tentativi di suicidio,„ ha aggiunto Conner, “l'analisi delle caratteristiche del tentativo più serio suggerisce che le persone alcoldipendenti con disturbo borderline di personalità abbiano avute alta intenzione da morire, indicando che i tentativi di suicidio in questa popolazione non possono essere catturati leggermente. Cioè le persone alcoldipendenti con un disturbo borderline di personalità sono probabili essere ad ad alto rischio per il suicidio completato, oltre al fatto ben noto che sono ad ad alto rischio per il suicidio tentato.„

“Spero che questi risultati potrebbero fornire alcune comprensioni per i clinici su come valutare il rischio di suicidio in questi oggetti di doppio diagnosi,„ ha detto Preuss. “I Clinici ed il personale che hanno frequenti contatti con questi pazienti in ambulatori o nelle cliniche della comunità dovrebbero potere offrire le strategie a lungo termine di prevenzione di suicidio agli oggetti con i fattori di rischio conosciuti. Egualmente spero che i membri del pubblico rend contoere che la dipendenza dell'alcool è una malattia psichiatrica e non un'abitudine, che i disturbi di personalità negli oggetti alcolici accadono molto spesso e che gli alcoolizzati con gli stati del comorbid sono ad ad alto rischio per comportamento suicida.„

http://www.alcoholism-cer.com