Gli uomini Afroamericani hanno meno, ostruzioni coronarie meno severe che i maschi bianchi

Mentre gli uomini Afroamericani sono più probabili morire dalla malattia cardiovascolare, hanno paradossalmente clinicamente meno casi dell'ostruzione coronaria che i simili uomini bianchi, secondo un nuovo studio nazionale piombo da un Istituto Universitario Medico del ricercatore di Wisconsin.

I risultati di studio, comparire nell'edizione del 16 maggio del Giornale dell'Istituto Universitario Americano della Cardiologia, sono stati presentati ad un'istruzione di notizie di scienza di American Medical Association in New York.

“I Nostri risultati suggeriscono l'esigenza di maggior comprensione dei fattori che influenzano gli eventi coronari in diverse popolazioni,„ dice che Jeffrey Tagliuzza, M.D., MPH, professore associato di medicina all'Istituto Universitario Medico di Wisconsin a Milwaukee e autore principale dello studio. “In Generale, credo che mentre capiamo meglio il meccanismo della malattia, vediamo che i fattori differenti sono importanti per le persone differenti.„ Il Dott. Tagliuzza le pratiche al Centro Medico di VA a Milwaukee.

Un Dipartimento dei Cinque Stati Uniti dei Centri Medici di Affari di Veterani ha partecipato allo studio. I ricercatori hanno confrontato l'anatomia coronaria fra 311 Afroamericani ed i veterani bianchi che hanno avuti angiografia coronaria seguire uno studio nucleare positivo della rappresentazione di aspersione. Questa prova di sforzo non invadente, quando positivo, suggerisce la possibilità delle arterie coronarie bloccate. Una manifestazione della coronaropatia (CAD) è l'ostruzione completa o parziale delle arterie che forniscono il sangue al muscolo di cuore (le arterie coronarie).

Prima di un esame di raggi x o di angiogramma di queste arterie coronarie, il medico del paziente è stato chiesto di stimare la probabilità dell'ostruzione coronaria. In media la probabilità stimata di CAD in maschi bianchi e Afroamericani era simile, 83 per cento contro una probabilità di 79,5 per cento, rispettivamente. Tuttavia, quando i risultati di angiografia sono stati valutati, gli uomini bianchi hanno avuti ostruzioni più severe.

“In Breve, sebbene i medici ritenessero che l'Afroamericano e gli uomini bianchi fossero ugualmente probabili avere ostruzioni, gli uomini bianchi hanno avuti un maggior numero delle ostruzioni severe,„ il Dott. Whittle dice.

I risultati sollevano più questioni che rispondono, precisano al Dott. Whittle. “Sono paradossali. Se gli uomini Afroamericani hanno ostruzioni meno severe, perché sono che muoiono più frequentemente? Sono gli studi nucleari della rappresentazione di meno accurato fra i pazienti Afroamericani? C'Era fattori di rischio clinici che non abbiamo misurato? Forse gli Afroamericani sono meno probabili avere il genere di ostruzioni coronarie che sono adatte a maggiore.„

“Gli Attacchi di cuore non sono causati solitamente dal genere di ostruzioni severe che sono state misurate nel nostro studio. Piuttosto, gli attacchi di cuore sono causati quando un grumo si forma improvvisamente, tipicamente al sito di un'ostruzione meno severa,„ dice il Dott. Whittle. Suggerisce che questo possa spiegare il paradosso evidente. Le persone Differenti possono differire nella loro tendenza per sviluppare l'ostruzione severa ed anche differire nella loro tendenza a sviluppare i grumi improvvisi.

Il Dott. Tagliuzza le avvertenze che sebbene questo studio indichi che i bianchi, erano in media più probabili avere ostruzioni severe, molti Afroamericani egualmente hanno ostruzioni importanti. “Le Differenze fra i gruppi razziali sono molto più piccole delle differenze fra le persone all'interno di quei gruppi.„

Mentre le tecniche e gli approcci della ricerca sempre più sottolineano lo studio delle popolazioni diverse, il Dott. Whittle e colleghi precisa che molta di pratica clinica moderna è guidata dagli studi fatti soprattutto in uomini bianchi. “Gli studi Precedenti hanno consegnato le conclusioni che non possono applicarsi ugualmente ad ognuno nel grande pubblico. E ci sono molte differenze fra i gruppi della popolazione che la ricerca futura deve considerare, compreso accesso alla sanità di qualità, le differenze nelle abitudini di salubrità, lo stato di salute e le esperienze con il sistema sanitario,„ il Dott. Whittle dicono.

Il Dott. Tagliuzza ed i suoi colleghi pianificazione gli studi futuri per capire meglio le differenze che hanno osservato nello studio presente.

http://www.mcw.edu