Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La rappresentazione del tensore della Diffusione fornisce la più chiara maschera di effetto della cannabis sul cervello

La rappresentazione del tensore della Diffusione, una tecnica di imaging a risonanza magnetica di recente sviluppato, ha potuto permettere ai ricercatori di guadagnare una migliore comprensione degli effetti delle cannabis sul cervello.

In uno studio preliminare pubblicato oggi nel Giornale di Riduzione di Danno del giornale di accesso aperto, i ricercatori hanno usato la rappresentazione del tensore della diffusione per confrontare il tessuto cerebrale dei giovani che avevano usato moderatamente la cannabis come gli adolescenti e giovani che non hanno avuti. I ricercatori non sono riuscito a trovare che qualsiasi indicazione che danneggiamento del cervello adolescente di sviluppo ha accaduto.

Lynn DeLisi e colleghi dal Nathan S. Kline Institute per la Scuola di Medicina Psichiatrica di New York University e della Ricerca ha usato la rappresentazione del tensore della diffusione (DTI) per scandire il cervello di 10 giovani che avevano fumato la cannabis durante l'adolescenza. I partecipanti erano fra 17 e 30 anni, avevano fumato almeno due - tre volte un la settimana per uno o più anni durante l'adolescenza ed hanno avuti non personale o storia della famiglia dei problemi sanitari di salute mentale. Sono stati abbinati per il sesso, l'età e la classe sociale dei genitori con 10 comandi che non avevano fumato regolarmente la cannabis come adolescenti.

DTI è una tecnica (MRI) di imaging a risonanza magnetica che permette ad uno sguardo dettagliato all'organizzazione dei nervi nel cervello ed alla misura del volume del cervello.

DeLisi ed i suoi colleghi non hanno trovato differenze significative nell'integrità del cervello e nel volume del cervello fra i fumatori della cannabis ed i non-fumatori. Questo studio preliminare suggerisce che l'uso della cannabis del moderato non abbia effetti contrari diretti sulla struttura e sull'integrità del cervello. Gli autori avvertono tuttavia, quella più ricerca è necessaria, sia in un più grande gruppo di persone che vedere gli effetti di uso più pesante.

http://www.biomedcentral.com