Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Miglioramento della cura per le vittime del Morbo di Aalzheimer

I sintomi Comportamentistici e psicologici di demenza rappresentano una sfida importante nella cura degli adulti più anziani con il Morbo di Aalzheimer.

In uno studio pubblicato nel Giornale di American Medical Association, i ricercatori dall'Indiana University Concentrano per la Ricerca Invecchiante e la qualità di Regenstrief Institute, Inc. ed i risultati migliori rapporto di cura per il Morbo di Aalzheimer ristrutturando il pronto intervento praticano l'ambiente per sottolineare un approccio di gruppo a cura.

Più Di 90 per cento dei pazienti con il Morbo di Aalzheimer avvertiranno i sintomi comportamentistici e psicologici di demenza ad un certo punto nel corso della malattia. Lasciando questi sintomi di demenza non trattati è stato associato con il collocamento della casa di cura, gestione difficile di altri problemi sanitari, l'alta sanità costa ed il badante brucia. Per queste ragioni, l'approccio di gruppo a cura ha sottolineato la gestione di questi sintomi importanti.

“Abbiamo voluto sviluppare un'infrastruttura del trattamento all'interno di pronto intervento, dove la maggior parte della gente con il Morbo di Aalzheimer ottiene la loro sanità. Abbiamo chiesto, che cosa sarebbe accaduto se un un gruppo interdisciplinare piombo da un medico di pronto intervento e un infermiere avanzato di pratica che ha servito da gestore di cura che lavora con il paziente ed il badante che dà loro l'accesso alle risorse, fornente la formazione ed aiutante li traversa il sistema sanitario,„ ha detto Christopher Callahan, M.D., il ricercatore principale dello studio. Il Dott. Callahan è Direttore se il Centro di IU per Invecchiamento, un ricercatore di Regenstrief e Cornelius ed il Professor di Yvonne Pettinga nella Ricerca di Invecchiamento alla Scuola di Medicina di IU.

I 153 adulti più anziani con il Morbo di Alzheimer ed i loro badante sono stati divisi in due gruppi e sono stati seguiti per 18 mesi. Un gruppo di pazienti e di loro badante ha ricevuto la cura di collaborazione condutta dall'infermiere avanzato di pratica. Il gruppo di controllo dei pazienti del Morbo di Aalzheimer ed i badante non sono stati esposti all'approccio di gruppo alla sanità, ma hanno ricevuto i materiali educativi sulla malattia.

I Partecipanti ad entrambi il braccio del trattamento ed il gruppo di controllo erano informati della loro diagnosi del Morbo di Alzheimer. Ottanta per cento di quelli nel braccio del trattamento e 55 per cento nel gruppo di controllo hanno ricevuto gli inibitori del colinesterasi per trattare i sintomi conoscitivi della loro malattia. I due gruppi non hanno evidenziato le differenze nella cognizione. Dove i due gruppi hanno mostrato che le differenze significative erano in comportamentistico e disturbi psicologici, sintomi quale spesso piombo a burnout del badante e precipitano il collocamento della casa di cura.

L'agitazione paziente Diminuente nei partecipanti del gruppo del trattamento direttamente è stata correlata per abbassare lo sforzo del badante ed egualmente è stata tradotta in sintomi meno depressivi nei badante del trattamento del paziente del gruppo. Questo risultato è stato raggiunto senza l'uso degli antipsicotici o dei farmaci del sedativo. FDA recentemente ha suscitato inquietudini circa la sicurezza di uso antipsicotico trattare l'agitazione in adulti più anziani con demenza.

“In una malattia gradisca Alzheimer, la pillola fa parte appena del pacchetto di cura che dovete consegnare a questo paziente per ottenere i risultati ottimali,„ ha detto il Dott. Callahan. “Se siete un professionista occupato, è molto più facile da prescrivere una pillola per i problemi comportamentistici ed il fuoco su altri problemi della sanità del paziente che fare un intervento educativo con il badante. Il Nostro studio mostra l'importanza di accesso ad un gruppo di sanità in cui il medico non è necessariamente la persona più importante al paziente o al badante in termini di gestione quotidiana dei problemi.

“Fino a questo studio, non abbiamo saputo se un pacchetto di cura come questo avesse di impatto sui risultati dei pazienti del Morbo di Alzheimer. Il più studia come questo che quella manifestazione che questi generi di modelli funzionano, più prova che dobbiamo andare ai debitori e dire questi siamo interventi redditizi,„ ha detto.

Il Dott. Seguente Callahan e colleghi pianificazione uno studio più grande e più lungo per esplorare la convenienza di questo tipo di approccio di gruppo al Morbo di Aalzheimer e per vedere se la cura di collaborazione può anticipare il collocamento della casa di cura.

http://www.iu.edu