Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'aggiunta della gemcitabina al trattamento postoperatorio standard ha aumentato la sopravvivenza dei pazienti del cancro del pancreas di 50 per cento

Aggiungendo la gemcitabina della droga di Cancro-combattimento alla terapia standard dopo che l'ambulatorio migliora significativamente la sopravvivenza per i pazienti con il modulo più comune di cancro del pancreas, secondo un nuovo studio multicentrato piombo da un oncologo di radiazione dell'università del Maryland.

I risultati del test clinico quadriennale di fase III sono stati presentati alla società americana della riunione annuale clinica dell'oncologia a Atlanta.

Più di 500 pazienti a 128 istituzioni attraverso il paese, compreso l'università del Maryland Marlene ed il centro del Cancro di Stewart Greenebaum, sono stati iscritti allo studio federalmente costituito un fondo per dal 1998 al 2002.

Trentadue per cento dei partecipanti di studio con “l'adenocarcinoma capo pancreatico„ (cancro della testa, o più ampia parte, del pancreas) erano tre anni ancora vivi dopo la diagnosi dopo che ha chirurgia e che è trattata con la gemcitabina, un'altra droga della chemioterapia hanno chiamato 5 fluorouracil (5-FU) e radioterapia. Quello confronta ad un tasso di sopravvivenza triennale di 21 per cento per i pazienti che hanno ricevuto 5-FU ed i trattamenti radioattivi da solo che seguono la loro chirurgia.

“L'aggiunta della gemcitabina al trattamento postoperatorio standard ha aumentato la sopravvivenza dei pazienti di 50 per cento, che è un miglioramento significativo. Crediamo che questi risultati forniscano un nuovo standard per la cura dei pazienti con questa malattia devastante,„ dice il ricercatore principale, il William F. Regine, il M.D., il professore ed il presidente del dipartimento dell'oncologia di radiazione alla scuola di medicina dell'università del Maryland ed al capo dell'oncologia di radiazione al centro medico dell'università del Maryland.

Il Dott. Regine aggiunge che quello che lo studio servirà da base per la ricerca supplementare che può piombo ai trattamenti più efficaci per cancro del pancreas. Anche con la nuova terapia di combinazione, la sopravvivenza mediana per i pazienti nello studio che ha ricevuto gemcitabina era di 20,6 mesi confrontati a 16,9 mesi per i pazienti che hanno avuti la terapia standard. La sopravvivenza mediana è il punto a cui la metà dei pazienti in ogni gruppo ancora sta vivendo.

Il Cancro del pancreas, una grande ghiandola appena dietro lo stomaco che produce i succhi digestivi e l'insulina, è ogni anno la quarta causa principale della morte del cancro negli Stati Uniti, con la morte di 32,000 persone della malattia. Soltanto 4 per cento della gente ancora stanno vivendo cinque anni dopo che sono diagnosticati. L'ambulatorio è il trattamento della scelta per la sopravvivenza a lungo termine, ma meno di 15 per cento dei pazienti sono ammissibili perché la malattia è diagnosticata solitamente in una fase avanzata.

Il Dott. Regine dice che anche dopo avere chirurgia, i pazienti avvertono spesso una ricorrenza del cancro nel pancreas o nel fegato e le opzioni del trattamento sono limitate.

“Dagli anni 90, il livello di cura per i pazienti che hanno avuti chirurgia è stato il trattamento postoperatorio con la droga 5-FU della chemioterapia e la radiazione. Abbiamo voluto scoprire se aggiungendo la gemcitabina amplificheremmo la sopravvivenza per questi pazienti,„ il Dott. Regine dice. Nota che la droga è stata usata come trattamento prima linea per i pazienti con cancro del pancreas avanzato che non sono ammissibili per chirurgia. La gemcitabina interferisce con la crescita delle cellule tumorali ed è usata per trattare il cancro del petto, del pancreas e del polmone. Appartiene ad un gruppo di medicine chiamate antimetaboliti.

Sebbene la nuova terapia di combinazione aumenti la sopravvivenza per i pazienti con cancro capo pancreatico, i ricercatori non hanno veduto alcun vantaggio per i pazienti con cancro in altre parti della ghiandola. Ottantacinque per cento dei cancri del pancreas sono situati nella testa del pancreas. L'ambulatorio per eliminare questo tipo di tumore, con l'intera testa del pancreas, parte dell'intestino tenue e l'altro tessuto vicino, è chiamato la procedura di Whipple.

I ricercatori egualmente hanno trovato che sebbene la gemcitabina abbassasse i conteggi di globulo bianchi dei pazienti e conseguentemente la loro capacità combattere l'infezione, gli oncologi potrebbero gestire questo effetto secondario e la maggior parte dei pazienti potevano ancora completare i trattamenti radioattivi e della chemioterapia.