Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Benadryl non migliora il sonno infantile

Un antistaminico ha raccomandato spesso ai genitori di cui gli infanti non dormono per tutta la notte non possono essere efficaci nella diminuzione dei risvegli di notte o nel miglioramento della felicità dei genitori con il sonno dei loro bambini, secondo un rapporto nell'emissione di luglio degli archivi della pediatria & della medicina adolescente.

Fra 20 e 46 per cento dei genitori hanno riferito che i loro infanti hanno difficoltà che dormono, secondo informazioni di base nell'articolo. Alcuni genitori lasciano i loro bambini gridare per i periodi estesi alla notte - questo metodo, conosciuto come gridando, è popolare ma discutibile fra i genitori ed i professionisti di sanità. Un altro metodo comunemente usato è di dare a bambini i farmaci - quali gli antistaminici, usati normalmente alle allergie dell'ossequio - per calmarle ad ora di andare a letto. Il cloridrato della difenidramina, venduto sotto il nome di Benadryl, è usato spesso dai genitori ed è raccomandato dai medici malgrado il fatto che non sia stato studiato in bambini più giovani di 2 anni.

Dan Merenstein, M.D., poi alla scuola di medicina, Baltimora di Johns Hopkins ed ora alla Georgetown University, Washington, DC e colleghi ha condotto una prova di difenidramina in 44 età dei bambini 6 - 15 mesi che hanno dormito in cataste di puntellamento. I genitori nello studio hanno fatti riferire il tutto che i loro bambini hanno svegliato due o più volte alla notte. Gli infanti partecipanti sono stati definiti a caso per ricevere 100 ml di difenidramina o di placebo (farmaco inattivo) in un liquido ciliegia-condito 30 minuti prima di ora di andare a letto per una settimana fra il maggio 2004 e il maggio 2005. I genitori hanno riferito se il bambino ha avuto meno risvegli che hanno richiesto l'intervento parentale durante quella settimana ed egualmente hanno tenuto la carreggiata il sonno del loro bambino in un diario per i primi 28 giorni. A quattro punti durante i primi 43 giorni dello studio, i genitori sono stati chiesti di valutare la loro felicità con il sonno dei loro bambini su una scala di uno - 10.

Tre di 22 partecipanti al gruppo del placebo ed uno di 22 partecipanti al gruppo della difenidramina hanno avuti meno risvegli di notte durante la settimana in cui gli infanti stavano catturando il farmaco. Due genitori supplementari nel gruppo del placebo hanno riferito a miglioramento nei risvegli di notte quattro settimane e sei settimane più successivamente. Non c'era differenza fra i due gruppi nelle relazioni dei genitori di quanto felice erano con il sonno dei loro bambini ad un punto qualunque durante lo studio. Il 6 giugno 2005, la prova è stata interrotta a causa della mancanza evidente di efficacia di difenidramina.

“Molti nella comunità medica e stesa accettano la difenidramina come efficace trattamento per i problemi di sonno,„ gli autori scrivono. “Purtroppo, questo atteggiamento è basato sull'aneddoto e sugli studi sulle interazioni fisiologiche adulte.„ I risultati di questo studio “hanno dimostrato quella al massimo dose comunemente usata, difenidramina possono non svolgere ruolo nel trattamento dei problemi infantili di sonno.„

Gli studi più rigorosi sono necessari per quanto riguarda l'efficace trattamento per i problemi di sonno in bambini, gli autori concludono. “Gli aspetti importanti di una sanità dei bambini piccoli, quali l'ingestione di cibo e la routine adeguate di sonno, sono basati spesso sui presupposti,„ essi scrivono. “I nostri risultati di studio illustrano che tali presupposti possono essere torto e dovrebbero essere sottoposti allo studio nei laboratori di vita.„