Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuova ricerca che promette per il miglioramento della sopravvivenza della cellula cerebrale dopo il trauma cranico

Gli scienziati all'istituto del Howard Florey di Melbourne hanno trovato una proteina nel cervello che può salvare i neuroni dalla morte dopo avere avvertito il trauma cranico traumatico dagli incidenti quali il colpo, gli incidenti stradali e le cadute.

Il gruppo, piombo dal professor Seong-Seng Tan, ha scoperto che questa proteina naturale, chiamata BP5, è più usuale prodotto in cellule cerebrali dopo che hanno avvertito la lesione traumatica.

Prof. Tan ha detto che perché questa proteina “sovra-è espressa„, può impedire alle celle del neurone di morire, così la diminuzione della lesione cerebrale.

“Il reticolo di BP5 dell'espressione indica che permette che i neuroni sopravvivano a in un ambiente sollecitato,„ prof. Tan ha detto.

“Abbiamo verificato questa ipotesi in mouse esprimendo BP5 in neuroni sollecitati e questo esperimento di prova-de-principio ha indicato che BP5 può impedire i neuroni subire la morte delle cellule.

“Gli impianti BP5 usando il sistema dello smaltimento dei rifiuti delle cellule per irrigare le proteine tossiche e nocive assenti hanno prodotto dopo la lesione, che sembra fornire di punta il bilanciamento verso la sopravvivenza delle cellule nervose, invece della morte,„ ha detto.

Prof. Tan è il primo per indicare che questo meccanismo può fruttuosamente essere manipolato per impedire alle cellule cerebrali di morire. Per questo motivo, la sua opera è stata pubblicata dal giornale della neuroscienza, il giornale di punta dell'organismo della società americana per la neuroscienza.

“Ora la nostra sfida è di capire come BP5 la esegue funzione di neurone-risparmio e sviluppa le droghe che possono fare la stessa cosa,„ prof. Tan ha detto.

“Infine, vogliamo consegnare la droga ai pazienti che subiscono il trauma cranico dal colpo o dal trauma in modo da salvi altrettanti neuroni come possibili.

“Una tal droga limiterebbe il danneggiamento del cervello dopo la lesione come pure il successivo pochi giorni quando i nervi danneggiati rilasciano “il suicidio scompone„ quella causa in fattori che circonda, neuroni sani per morire in blocco.

“Questo trattamento per impedire la lesione cerebrale ha ampia applicazione e potrebbe essere dato all'incidente stradale e vittime di violenze, la gente che subiscono la radioterapia per i tumori cerebrali, bambini prematuri che devono essere incitati e pazienti del colpo.

“Mentre ancora abbiamo parecchio da fare prima che una tal droga sia disponibile, questa ricerca è un passo avanti di promessa nello sviluppo di efficace trattamento per il trauma cranico traumatico,„ prof. Tan ha detto.

La scoperta di prof. Tan è stata finanziata costituendo un fondo per dalle fondamenta della famiglia di Myer, dalle fondamenta vittoriane di trauma e dal Consiglio nazionale australiano di ricerca medica e di salubrità. L'individuazione del trattamento efficace per il trauma cranico è urgente e questo anno, il governo statale vittoriano ha commesso $63 milioni per amplificare la ricerca sulle lesioni del nervo spinale e del cervello.

Il gruppo di prof. Tan all'istituto di Howard Florey è stato assistito dai ricercatori dal centro di ricerca di trauma di Alfred, dall'università di Trobe della La, dall'istituto di ricerca di Eliza e di Walter Corridoio di ricerca medica e dal centro di Hanson a Adelaide.

L'istituto di Howard Florey è centro di ricerca principale del cervello dell'Australia. I sui scienziati intraprendono la ricerca clinica ed applicata che può essere sviluppata nei trattamenti per combattere i disordini del cervello e le nuove pratiche mediche. Le loro scoperte miglioreranno direttamente ed indirettamente le durate di quelle, pregiudicato dal cervello e dai disordini di mente in Australia ed intorno al mondo. Le aree di ricerca del Florey riguardano vari disordini di mente e del cervello compreso la malattia del Parkinson, il colpo, la malattia del motoneurone, la dipendenza, l'epilessia, la sclerosi a placche, l'autismo e la demenza.