Poco noto circa gli impatti di cancro sulla mano d'opera australiana

Trentasette mila australiani invecchiati 20-64 anni sono stati diagnosticati nel 2001 con cancro eppure sorprendente piccolo è conosciuto circa gli impatti di cancro sulla mano d'opera australiana, secondo l'università di sociologo del New South Wales, Frances Lovejoy.

“Conosciamo pochissimo circa l'esperienza nei lavoratori australiani una volta che sono diagnosticati con cancro,„ diciamo sig.ra Lovejoy che nel 2004 ha passare cinque mesi sui dazi leggeri che seguono la chirurgia e la chemioterapia per trattare il cancro ovarico.

““Soldato su„ sul lavoro, diminuiscono le loro ore, passano i processi o lasciano il lavoro complessivamente? Queste sono domande che conosciamo piccolo circa. Nel mio caso so che non avevo pensato mai a cui cattura a lavoro con una malattia cronica finché non abbia ottenuto il cancro,„ lei dice

“La prova internazionale suggerisce che il cancro abbia effetti principali su produttività della mano d'opera e sulle sussistenze dei lavoratori,„ Lovejoy dice. “I dati della mano d'opera degli Stati Uniti rivelano che 90 per cento della gente diagnosticata con cancro restano sul lavoro dopo la loro diagnosi e per almeno la parte del loro periodo del trattamento.

“Sembra che la gente con cancro abbia molte ragioni di restare sopra sul lavoro, anche se significa ridurre le loro ore lavorative o commutazione ai dazi più leggeri. Perché? Poiché le fatture mediche devono essere pagate e lavoro è spesso una parte centrale delle nostri vite sociali e senso di valore personale.„

“Molta gente può tollerarla lavorando anche se potrebbero avere sintomi quali dolore e la nausea cronici,„ dice. “La maggior parte possono “soldato su„ con questi sintomi. Che cosa si ferma la maggior parte della gente dalla continuazione lavorare è la fatica che accompagna spesso le terapie tipiche del cancro.„

Con il suo collega, il canto natalizio Healy, che ha avuto cancro ricorrente, sig.ra Lovejoy sta esaminando i malati di cancro ed i superstiti nella comunità circa le seguenti domande:

  • Come i colleghi, i supervisori e gli attuali e datori di lavoro futuri rispondono alla diagnosi iniziale del cancro ed alle diagnosi ricorrenti?
  • I superstiti del cancro restano sullo stesso processo, sull'opzione ad un processo meno esigente o sul lavoro part-time, avanzano l'addestramento, o dimetta?
  • Come questo le decisioni vita/del lavoro sono influenzate da stato di processo, dal genere, dall'età, dall'origine etnica e da altri fattori?
  • Che cosa sono le barriere principali all'occupazione dei superstiti del cancro e che cosa sono i meccanismi principali di sostegno?
  • Che specie di perdite di produttività accadono dovuto cancro ed il suo trattamento?